rotate-mobile
Mercoledì, 1 Dicembre 2021

La ‘stanza segreta’ del bar scoperta dai finanzieri: titolare tradito dal telecomando | VIDEO

Il 'barista in nero' ha cercato di spegnere mediante un telecomando le slot machine presenti nel retrobottega alla vista dei finanzieri. La tecnologia però non è stata dalla sua parte. Scoperto il micro deposito di macchinette da gioco illegali è scattato il sequestro con la relativa denuncia per il titolare dell'esercizio commerciale e la segnalazione all'Inps per l'abusivo percettore del reddito di cittadinanza. Sono i retroscena dell'operazione delle Fiamme Gialle del gruppo di Aversa che in un bar di via De Nicola a Trentola Ducenta hanno proceduto al sequestro di 7 videopoker illegali con all'interno il relativo incasso provento di illecito di circa 2.200 euro in contanti.

I finanzieri, durante un servizio di controllo del territorio volto al contrasto degli illeciti del gioco d'azzardo, si sono insospettiti alla vista di un uno 'strano via vai' di persone all'esterno del bar. Entrati per un accertamento, il barista visibilmente nervoso ha cercato di utilizzare un telecomando puntato nel retrobottega del locale. I finanzieri insospettiti dal maldestro tentativo del ragazzo presumibilmente di disattivare qualche meccanismo, hanno proseguito con l'ispezione rinvenendo nel retrobottega 7 video poker perfettamente funzionanti con all'interno l'incasso illecito di circa 2.200 euro. Il banconista infatti non era riuscito a disattivare i videopoker a causa del malfunzionamento del telecomando.

I finanzieri hanno provveduto a sequestrare le macchinette da gioco illecite, il contante provvedendo ai relativi deferimenti e segnalazioni. Il titolare dell'esercizio commerciale C. C. 58enne di Napoli è stato deferito presso la Procura di Napoli Nord per esercizio abusivo di gioco d'azzardo (giacché si trattava di videopoker, gioco considerato illegale), ricettazione (poiché le slot non avevano segni distintivi o di riconoscimento che ne attestasse la provenienza e presumibilmente oggetto di furto o di produzione illecita), mancata esposizione della tabella dei giochi proibiti. Per il barista in nero i finanzieri hanno provveduto ad opportuna segnalazione all'Inps con relativo approfondimento in merito alla percezione illecita del beneficio.

Sullo stesso argomento

Video popolari

La ‘stanza segreta’ del bar scoperta dai finanzieri: titolare tradito dal telecomando | VIDEO

CasertaNews è in caricamento