rotate-mobile

Trecento episodi di spaccio, 14 indagati arrotondavano il reddito | VIDEO

Almeno 300 cessioni documentate in due anni di indagine e 14 indagati su 48 percettori del reddito di cittadinanza. Sono questi alcuni dei numeri dell'operazione "Piazza Pulita" che ha portato all'arresto di 36 persone (26 in carcere e 10 ai domiciliari) oltre all'emissione di altre 12 misure cautelari (3 divieti di dimora, 6 obblighi di presentazione alla pg e 3 denunce in stato di libertà) nei confronti di 47 italiani ed uno straniero residenti tra Villa Literno, Castel Volturno, Casal di Principe, San Cipriano d'Aversa e Carinola, oltre che nel napoletano. 

Le indagini - condotte dai carabinieri della compagnia di Casal di Principe e coordinate dalla Procura di Napoli Nord - hanno permesso di accertare come i pusher, legati tra loro da vincoli di conoscenza personale ma che non si erano dotati di un'organizzazione, acquistavano la droga - prevalentemente marijuana, hashish e cocaina - nel napoletano, tra il Parco Verde di Caivano e Scampia, per poi rivenderla nelle piazze di spaccio di Villa Literno: la zona della movida, fuori le scuole ed anche a domicilio. 

I contatti con gli acquirenti - molti dei quali anche minorenni - avvenivano attraverso telefonate e messaggi su Whatsapp. Per pianificare gli incontri veniva utilizzato un linguaggio in codice sia per indicare lo stupefacente - caffè o fare un servizio o anche con parole più esplicite come "prendere Maria" per indicare la marijuana o Mario per l'hashish - sia per indicare il luogo d'incontro dove materialmente avveniva la cessione. 

Così che lo spaccio avveniva allo "zig zag", cioè una piccola traversa nei pressi di via Roma, o "in mezzo alla via" per indicare piazza Marconi, proprio davanti alla sede comunale. Tra gli altri luoghi dove avveniva lo scambio di droga c'era poi la stazione di Villa Literno. 

Nel corso delle indagini, sono state documentate circa 300 cessioni di stupefacenti. Inoltre, 14 dei 48 indagati sono risultati percettori del reddito di cittadinanza, che poi veniva arrotondato con lo spaccio di droga.

L'ELENCO DEGLI INDAGATI

Custodia cautelare in carcere

Luigi Elia, 44 anni di Villa Literno
Brunella Garzillo, 39 anni di Napoli
Alessandro Fontanarosa, 37 anni di Napoli
Tobia Di Fusco, 30 anni di Mugnano di Napoli
Michela Chiaramonte, 31 anni di Caserta
Giuseppe Russo, 22 anni di Napoli
Giuseppe Potenza, 29 anni di Capua
Veronica Parente, 30 anni di Napoli
Luigi Zaccariello, 54 anni di Villa Literno
Antonio Bocchino, 53 anni di Napoli
Tammaro Tullio, 37 anni di Maddaloni
Salvatore Folmi, 48 anni di Somma Vesuviana
Aniello Puca 46 anni di Villa Literno
Raffaele Tamburrino, 34 anni di Aversa
Vincenzo Abbondante, 36 anni di Napoli
Raffaele Costanzo, 21 anni di Castel Volturno
Mario Galoppo, 33 anni di Aversa
Paola Savanelli, 40 anni di Mugnano di Napoli
Mattia Rocco, 31 anni di Napoli
Giovanni Dell'Aquila, 41 anni di Napoli
Massimo Versi, 43 anni di Napoli
Francesco Orselli, 53 anni di Pozzuoli
Gaetano Pedana, 31 anni di Aversa
Raffaele Capone, 24 anni di Aversa
Janiba Jamale, algerino di 45 anni
Vincenzo Chiarolanza

Arresti domiciliari

Giulia Di Fratta, 48 anni di Casaluce
Tammaro Dell'Aversano, 50 anni di Villa Literno
Pasquale Tavoletta, 39 anni di Caserta
Rosa D'Alessandro, 38 anni di Aversa
Eduardo Di Fratta, 29 anni di Napoli
Giuseppe Di Fusco, 38 anni di Montevarchi
Nicola Chiarolanza, 34 anni di Santa Maria Capua Vetere
Vincenzo Ucciero, 23 anni di Santa Maria Capua Vetere
Giuseppe D'Alessandro, 42 anni di Napoli
Gianluigi Amato, 32 anni di Aversa

Divieto di Dimora

Vincenzo Natale, 29 anni di Napoli
Gaetano Papa, 23 anni di Caserta
Mirco Cuccetti

Obbligo di presentazione alla pg

Roberta De Simone, 25 anni di Caserta
Stefano Martino, 55 anni di Villa Literno
Pietro Diana, 30 anni di Napoli
Concetta Orabona, 25 anni di Caserta
Antonio Madonna, 21 anni di Caserta
Vincenzo Ingellis, 21 anni di Caserta

Copyright 2022 Citynews

Sullo stesso argomento

Video popolari

Trecento episodi di spaccio, 14 indagati arrotondavano il reddito | VIDEO

CasertaNews è in caricamento