Tenta di dare una testata all'arbitro: squalificato per un anno

L'aggressione durante una partita di calcio a 5

Prova a colpire l’arbitro con una testata, giovane calcettista del Recale 2002, Carlo Comando, squalificato per un anno. Squalifica esemplare per il giocatore che sabato scorso (16 marzo) si è reso protagonista di un bruttissimo gesto durante la gara valida per il campionato di Serie C2 di calcio a 5 giocata ad Orta di Atella contro i padroni di casa del Real Atellana Due Sicilie (la sfida si è conclusa 4-2).

Carlo Comando viene espulso durante la gara per doppia ammonizione in seguito a due falli da ‘giallo’: la reazione del calcettista però è veemente. E spropositata. Si alza da terra “protestando vivamente contro la decisione del direttore di gara” e quindi, non contento “si dirigeva verso l’arbitro con atteggiamento aggressivo e minaccioso”.

Ma non finisce qui perché il giovane atleta del Recale 2002 “cercava di colpire il direttore di gara con una testata, tentativo non riuscito perché l’arbitro indietreggiava rapidamente e si allontanava di corsa per evitare un probabile colpo”.

Solamente l'intervento dei compagni di squadra, che lo allontanavano, ha evitato un contatto con il direttore di gara che ha però, giustamente, scritto quanto accaduto sul taccuino. E la ‘sentenza’ del Giudice sportivo non si è fatta attendere: niente partite fino al 20 marzo 2020.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vince il concorso ma rinuncia al lavoro in Comune a tempo indeterminato

  • Klaus Davi fa ballare la techno al figlio di Sandokan per pubblicizzare il nuovo libro | VIDEO

  • Nel casertano un salvadanaio da 2,4 milioni di euro depositati alle Poste

  • Vincita da 10mila euro: festa in ricevitoria

  • Muore a 49 anni col virus. La rabbia del sindaco: "Smettiamola di sottovalutare la situazione"

  • Ex carabiniere si lancia con l'auto contro la caserma: fermato

Torna su
CasertaNews è in caricamento