Rissa in campo, calciatore in ospedale e partita sospesa

Il giocatore è stato costretto alle cure mediche: se l'è cavata con qualche punto di sutura

Un contrasto di gioco, un duro intervento di un difensore sull'attaccante, il sangue e poi il parapiglia generale. Si è concluso così il match tra Durazzano e Cervino con l'arbitro costretto a sospendere la partita al quarto (dei 6 concessi) minuto di recupero, mandando tutte e due le squadre negli spogliatoi. Era il 94' quando un attaccante del Cervino al momento del tiro nell'area di rigore del Durazzano è stato colpito violentemente da un giocatore avversario. Subito ha perso sangue scatenando la reazione dei compagni di squadra e dei dirigenti presenti in panchina. In quella baraonda tra le formazione in campo e i dirigenti riservatisi in campo l'arbitro non ha potuto fare altro che decretare anticipatamente la fine dell'incontro lasciando la decisione alla giustizia sportiva. 

Il giocatore fortunatamente coinvolto nell’incidente era cosciente per poi essere accompagnato all’ospedale dove ha subito dei punti alla testa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vinti 14mila euro nel casertano: centrato un terno al Lotto

  • La Campania può diventare 'zona arancione' nelle prossime 48 ore

  • Va in ospedale per una colica renale ma finisce in tragedia: muore 40enne

  • Imprenditore casertano ubriaco alla guida uccide 37enne

  • Il sindaco non ha più la maggioranza: bilancio bocciato. Dopo 18 mesi finisce l'era Golia

  • Altre 8 vittime del virus nel casertano ma i nuovi positivi sono in calo

Torna su
CasertaNews è in caricamento