Sport Aversa

Altri 2 calciatori positivi nel Real Agro Aversa. A rischio la partita col Nardò

Se un altro atleta sarà contagiato sarà richiesto il rinvio della gara

Il patron del Real Agro Aversa Guglielmo Pellegrino ha ordinato un nuovo ciclo di tamponi per tutti i tesserati del gruppo squadra e dello staff tecnico granata e all'esito dei risultati giunti dal laboratorio sono emersi altri due positivi al Covid-19. Entrambi sono calciatori e hanno sintomi lievi: allertata immediatamente l'Asl con i due ragazzi che sono adesso in quarantena domiciliare e dovranno osservare qualche giorno di stop in attesa del prossimo tampone negativo.

Il presidente Pellegrino si dice "vicino all'allenatore De Stefano e ai tre ragazzi della nostra squadra, sono convinto che già prima della sfida del Nardò saremo tutti insieme ad allenarci per programmare la prossima vittoria. E' un momento difficile per tutti, stiamo facendo sacrifici importanti anche per garantire tamponi settimanali a tutti ma è prioritaria, da parte nostra, la salute degli atleti e di coloro che vivono la splendida famiglia normanna”.

Gli allenamenti continueranno comunque fino a martedì prossimo agli ordini di mister Abbondanza e del preparatore atletico Lubrano. Martedì è previsto un altro ciclo di tamponi dal quale speriamo non emergano altri contagi. Se dovessero esserci più di 4 calciatori positivi (oggi ne sono 3) la società chiederà il rinvio del match col Nardò. Fino a martedì la squadra si allenerà in 2 gruppi di 10 persone con esercizi individuali. La società ha messo a disposizione della squadra e dello staff 4 spogliatoi, con ogni spogliatoio che potrà ospitare massimo 3 persone.

"Speriamo di uscirne il prima possibile - conclude Pellegrino - perché voglio ritornare ad abbracciare il nostro tecnico e i ragazzi. Il Real Agro Aversa è una famiglia, e insieme supereremo anche questa sfida”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Altri 2 calciatori positivi nel Real Agro Aversa. A rischio la partita col Nardò

CasertaNews è in caricamento