menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Petta lascia la Casertana e si accasa al Bitonto

Petta lascia la Casertana e si accasa al Bitonto

Petta rescinde e va a Bitonto, la Casertana ha già bloccato il sostituto

La conferma arriva dal presidente D’Agostino che promette altri due arrivi

La notizia circolava già da una settimana, ma solo ieri ha trovato la conferma ufficiale: Andrea Petta lascia la Casertana e si accasa al Bitonto, per andare a rinforzare il team che il presidente Francesco Rossiello sta mettendo a disposizione di Nicola Ragno per tentare la scalata alla Serie C, dopo che la promozione ultima è stata annullata dalla disciplina sportiva. La notizia è stata data dallo stesso presidente Giuseppe D’Agostino intervenuti ai microfoni di Radio Prima Rete, nel programma del lunedì Calcisticamente parlando. 

“Il ragazzo – ha detto il presidente – ha ricevuto una offerta economica importante, ha avuto la possibilità di avvicinarsi a casa e non ce la siamo sentita di opporci a questo legittimo desiderio. Abbiamo già individuato il sostituto che ufficializzeremo allorquando Petta si sarà legato con nuovo contratto alla società biancoverde”.

Sollecitato dal conduttore del programma, il massimo dirigente rossoblù ha svelato che il mercato non è chiuso per la Casertana ed il direttore sportivo Salvatore Violante, fresco di nomina dopo il corso di Coverciano brillantemente superato, è all’opera per portare a Caserta altri due calciatori. Compito agevolato dal fatto che anche domenica prossima la Casertana sarà libera da impegni ufficiali in quanto l’avversario designato dal calendario corrisponde all’incognita Y (Foggia o Bisceglie) la cui identità dovrebbe essere svelata nella giornata di domani e a cui è stata concessa un’altra settimana prima di entrare nella competizione, al fine di programmare al meglio le pratiche burocratiche ed il mercato.

D’Agostino ha parlato a lungo anche della ristrutturazione del Pinto e del nuovo sintetico che la società ha predisposto. Secondo il presidente una (forse due) partite interne dovranno essere giocoforza dirottate al Partenio-Lombardi di Avellino, anche se la data comunicatagli per la consegna dei lavori (che per scaramanzia non ha voluto svelare) potrebbe ridurre notevolmente il periodo di esilio.

Insomma moderatamente alto il morale rossoblù dopo aver portato a casa – senza colpo ferire – i primi tre punti del campionato, a meno che una successiva rinuncia del Trapani non possa azzerare la classifica dei falchetti. Ma in questo caso sarebbe un peso comune a tutte le squadre e si individuerebbe sin da subito una delle squadre candidate alla retrocessione, riducendo di un terzo il rischio per le altre concorrenti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Quaterna da sballo ad Aversa: vinti 120mila euro

Attualità

Il Tar annulla l'ordinanza di De Luca sulla chiusura delle scuole

Attualità

Maestra positiva al Covid: chiusa la scuola

Ultime di Oggi
  • Attualità

    L’allarme di De Luca sui vaccini: “Forniture dimezzate”

  • Cronaca

    Casalesi in Toscana, preso anche l'ultimo indagato: era in un 'B&b'

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento