menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Troppo Palermo per questa Casertana, i falchetti si fermano al Barbera

Rauti e Lucca firmano la nuova condanna, espulsi Buschiazzo e Marconi

La Casertana stringe i denti e va in campo al Renzo Barbera per onorare il 15esimo turno di campionato. C’è da affrontare il Palermo di Biscaglia, in uno stadio prestigioso, contro una formazione dal passato di spessore e Federico Guidi avrebbe voluto giocarsela in condizioni quanto meno accettabili. La sfida è stata anticipata alle 14,30 per consentire ai falchetti un comodo rientro, ma tutta la trasferta è stata funestata da ritardi e contrattempi ed oltre alla precaria condizione numerica, c’è da fare i conti con una situazione mentale che potrebbe incidere nell’approccio dei rossoblù alla gara. Fortunatamente gli esiti dei tamponi effettuati nell’imminenza della gara hanno dato esito negativo, facendo rimanere invariato il fischio di inizio – previsto alle 14,30 ad opera dell’arbitro reggino Cosso.

LE SCELTE. La vigilia della Casertana è stata scombussolata dai tamponi anti-Covid che hanno messo fuorigioco numerosi falchetti. Buona parte di essi erano candidati a indossare la maglia da titolare: a partire dal rientrante Carillo, all’esterno destro Hadziosmanovic, agli attaccanti Pacilli e Cuppone Petito oltre al terzo portiere Zivkovic. E ci sono Icardi e Konate, che comunque non facevano parte del gruppo in quanto squalificati. Il tecnico rossoblù deve fare di necessità virtù e cerca di giostrare al meglio i restanti calciatori partiti alla volta di Palermo, con una panchina inevitabilmente ridotta all’osso ed appena sufficiente per permettere i cambi consentiti, dove sono presenti il rientrante Fedato, Matese e Setola, tanto per bilanciare un po’ lo spessore dei rincalzi con i titolari. Saranno Origlia e Varesanovic a giostrare alle spalle di Gigi Castaldo terminale unico dello scacchiere di Guidi. Boscaglia dall’altro lato ha quasi tutti a disposizione; manca per squalifica l’attaccante Saraniti, sostituito da Lucca più qualche lungodegente già in preventivo di non far parte della contesa. Scissa la coppia dei due centrocampisti con Palazzi che dà il cambio a Broh e nel tridente a sostegno della punta centrale con Valente che sostituisce Silipo. Solo panchina per Luperini e i vari Floriano, Santana e Martin, in attesa di recuperare al top le condizioni fisiche.

PRIMO TEMPO. Che il pomeriggio rossoblù non sia tranquillo se ne accorge subito Avella che al 3’ deve già intervenire in maniera strepitosa per sventare un imperioso colpo di testa di Accardi. Passano pochi istanti e va alla conclusione Odjer con la sfera che si perde a lato. Al 6’ c’è anche il primo squillo di Lucca che devia un bel cross di Crivello ma anche in questa occasione la porta è distante. Il Palermo preme e nel giro di pochi minuti mette in carniere tre calci d’angolo sugli sviluppi dell’ultimo dei quali Lucca devia in rete ma la sua azione è viziata da un fallo ai danni di Ciriello. Al 18’ altro intervento, questa volta di piede, di Avella che intercetta un pericoloso tiro-cross di Kanuté sul quale non è pronto nessun rosanero. Altro intervento di Avella di una certa importanza su un nuovo colpo di testa, ancora una volta di Accardo. Ma il portiere casertano non può nulla un minuto dopo quando il Palermo passa: Marconi di testa trova tutto libero Rauti sul vertice destro dell’area piccola e il diagonale del classe 2000 trafigge la rete rossoblù. La Casertana reagisce subito, approfittando della verve di Polito sulla fascia destra, con qualche interessante traversone che però i compagni non finalizzano. Ci prova Santoro al 24’ ma la conclusione è alta; la Casertana assume decisamente l’iniziativa, specialmente con Origlia che costringe spesso al fallo gli avversari che fanno fatica a contenerlo. Al 39’ Buschiazzo nel tentativo di contenere un’azione di Lucca è costretto a rifugiarsi in angolo e sugli sviluppi Crivello trova la testa di Lucca la cui deviazione scavalca Avella; buon per la Casertana che sulla traiettoria si ritrova Kanuté che pur senza toccare la sfera inficia la regolarità dell’azione. Finisce la prima frazione con la Casertana sotto di un gol, ma i falchetti hanno preso l’iniziativa proprio dopo aver subito la rete di Rauti.

SECONDO TEMPO. Ad inizio ripresa Biscaglia effettua due cambi, percependo le difficoltà che i suoi incontrano nell’aver ragione dei falchetti. Al 3’ ottima chiusura di Buschiazzo su Valente che entrato in area si stava facendo minaccioso dalle parti di Avella. Al 12’ Origlia ruba palla a Luperini, serve Castaldo che appoggia per l’accorrente Santoro la cui conclusione di perde altissima. Il Palermo riprende a pressare ma la difesa della Casertana regge, anche se in due occasioni al 18’ prima Lucca si fa respingere un tiro ravvicinato dal solito superbo Avella e subito dopo Rauti spedisce a lato, da buona posizione, una palla lisciata da attaccanti e difensori. La Casertana sembra sulle gambe e non ha più la sostanza per tentare di arginare le folate rosanero, Guidi se ne accorge e corre ai ripari, inserendo forze fresche. Ma al 25’ il Palermo raddoppia: se ne va per tre quarti di Rauti che apre per Valente, il cross dell’esterno trova la testa di Lucca che non sbaglia e sigla il 2-0. La partita si innervosisce ed una mini rissa a centrocampo e ne fanno le spese Buschiazzo e Marconi che guadagnano il cartellino rosso. Per il difensore rossoblù si tratta della seconda espulsione ed affianca in questa speciale classifica il compagno di squadra Konate. Guidi cerca di riaprire la partita inserendo anche Fedato, dopo l’infortunio che ha indotto l’attaccante a saltare le ultime partite, ma a questo punto la squadra di casa si limita a gestire il possesso palla e con esso il doppio vantaggio E’ proprio il nuovo entrato a chiamare in causa per la prima volta Pelagotti con un fendente che il portiere neutralizza in angolo stendendosi alla sua destra. L’arbitro ordina 5’ di recupero durante i quali il Palermo cerca qualche veloce ripartenza favorito dalla voglia della Casertana di trovare il gol della bandiera. Ad ‘ dal termine è ancora Avella ad intervenire su Valente, limitando un passivo più pesante. Finisce 2-0 e la Casertana subisce una nuova sconfitta, ma per l’impegno e per il gioco a sprazzi messo in luce c’è poco da rimproverare ai falcidiati falchetti.

PALERMO-CASERTANA            2-0

PALERMO (4-2-3-1): Pelagotti; Accardi (74’ Doda), Somma, Marconi, Crivello; Palazzi (46’ Luperini), Odjer (46’ Broh); Kanuté, Rauti (76’ Lancini), Valente; Lucca ((88’ Santana). A disp. Fallani, Matranga, Floriano, Martin, Silipo, Peretti. All. Roberto Boscaglia

CASERTANA (4-3-2,1): Avella; Polito (69’ Setola), Buschiazzo, Ciriello, Valeau; Izzillo, Santoro, Bordin (55’ Matese); Varesanovic, Origlia (80’ Fedato); Castaldo (69’ De Sarlo). A disp. Dekic, Fedato, De Lucia. All. Federico Guidi

ARBITRO: Francesco Cosso di Reggio Calabria (Giorgio Rinaldi e Claudio Barone di Roma1; IV Ufficiale Luigi Catanoso di Reggio Calabria

RETI: 19’ Rauti; 70’ Lucca

NOTE: pomeriggio piovoso e ventoso, terreno in buone condizioni; partita disputata in assenza di pubblico, osservato ad inizio partita un minuto di silenzio in memoria di Paolo Rossi; angoli 14-6 per il Palermo; ammoniti Palazzi (28’), Odjer (29’), Origlia (30’), Marconi (49’); Luperini (74’), Doda (76’); espulsi al 75’ Buschiazzo per fallo di reazione e Marconi per doppia ammonizione; recupero 1’ e 5’

15^ GIORNATA

LE GARE IN PROGRAMMA

Avellino - Ternana             ore 17,30                

Bari - Vibonese                  ore 17,30                 

Bisceglie - Catanzaro        ore 15           

Cavese - V. Francavilla    ore 15        

Juve Stabia - Potenza     2-0      

Monopoli - Foggia             ore 17,30              

Palermo - Casertana         2-0           

Turris - Teramo                 ore 17,30            

Viterbese – Catania          ore 15

               riposa Paganese

LA CLASSIFICA

Ternana                    36

Bari                            29

Teramo                      25

Catanzaro                 22

Juve Stabia              21

Avellino                     21

Foggia                       21

Turris                         20

Catania (-2)              20

Palermo                     19

Vibonese                  17

V. Francavilla           14

Monopoli                   13

Casertana                 12

Paganese                 12

Viterbese                   11

Potenza                     10

Bisceglie                   10

Cavese                      6

Trapani                      escluso

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Quaterna da sballo ad Aversa: vinti 120mila euro

Attualità

Il Tar annulla l'ordinanza di De Luca sulla chiusura delle scuole

Attualità

Maestra positiva al Covid: chiusa la scuola

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento