rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Sport Lusciano

Matteo Football King più forte anche delle assenze, successo col Vitulazio. Coach Carpiniello: "Miracolo sportivo"

L'allenatore e preparatore esulta a fine gara: "Una vittoria da applausi di un grande gruppo"

Un successo da applausi. Ottenuto contro un forte avversario e praticamente con appena 12 giocatori a disposizione. E' la vittoria della Matteo Football King e il miracolo di coach Paolo Carpiniello, con quest'ultimo che dimostra di essere di categoria superiore estraendo il cosiddetto coniglio dal cilindro portando i suoi ragazzi ad un'impresa nonostante le assenze per infortuni e per malanni stagionali.

Basti pensare che la Matteo Football King ha giocato per tutta la gara praticamente per tutta la gara e nonostante ciò la condizione fisica, atletica e psicologica hanno permesso di avere sempre la meglio su ogni pallone rispetto ad avversari di tutto rispetto che se la sono giocata fino alla fine. Gara equilibrata nella prima parte poi il difensore Moltelo in girata su cross da calcio d'angolo lancia la squadra guidata dalla presidente Annamaria Pagnotta e dal capitano Giuliano Maisto sul vantaggio di 0-1.

Poi la reazione del Vitulazio non si fa attendere e arriva il pari dei padroni di casa ma il cuore, l'orgoglio e quei famosi attributi che servono in circostanze come questa vengono tutti gettati oltre l'ostacolo col gol di Mione che sigla il definitivo 1-2 e fa esplodere di gioia un gruppo che sta portando avanti questo progetto con sacrifici e immenso carattere, per regalare un sogno anche a colui che ci spinge ogni volta dall'alto e che ci permette di essere in zona play off e di continuare a credere in un miracolo sportivo chiamato promozione.

Esulta a fine gara (ovviamente) coach Carpiniello, che nella veste di allenatore e preparatore atletico, non può non sottolineare la splendida tenuta del suo gruppo: "Voglio semplicemente ringraziare tutti i ragazzi che oggi hanno dimostrato di aver attaccato sul cuore questa maglia che ci rappresenta e che rappresenta una grande famiglia che dimostra tutta la propria compattezza soprattutto nel momento delle difficoltà. Non nascondo la mia rabbia quando stamattina siamo partiti in pullman con gli uomini contati: febbre ed infortuni hanno decimato la mia squadra ma poi negli spogliatoi ho guardato tutti i miei ragazzi negli occhi. Avevano il fuoco vivo che ardeva dentro, sono stato costretto a mandare in campo anche ragazzi che fino ad oggi avevano trovato meno spazio ed hanno risposto con una prestazione che definisco miracolosa. Abbiamo corso per quasi 100 minuti, con la mia squadra che dopo qualche piccolo passo falso sta riuscendo ad avere quella condizione fisica e psicologica che ti fa fare la differenza in queste categorie. Sono tre punti da dedicare alla presidente e al capitano che stanno facendo grossi sacrifici per portare avanti questo progetto, chi vive da fuori l'ambiente non può capire quello che serve per gestire al meglio un gruppo con 20 teste diverse e con 20 personalità differenti. Non sono mancati anche i momenti di confronto ma queste vittorie ripagano di tutto. Tornare a casa e cantare con i propri ragazzi è la soddisfazione più bella che io potessi vivere in questa giornata. La Matteo Football King ha dimostrato di essere ancora viva. Ci crediamo e ci crederemo fino alla fine. C'è tutto un girone di ritorno da disputare, i miracoli (a volte) accadono. Testa bassa e pedalare, le difficoltà non ci fanno paura. Da domani si pensa già al prossimo match, con un solo obiettivo: vincere".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Matteo Football King più forte anche delle assenze, successo col Vitulazio. Coach Carpiniello: "Miracolo sportivo"

CasertaNews è in caricamento