Venerdì, 30 Luglio 2021
Sport

“Salviamo il Palamaggiò”, dopo il rogo scatta le petizione

Promotore dell’iniziativa la società Juvecaserta Academy, nata dopo la scomparsa della società bianconera

I pompieri al Palamaggiò per spegnere l'incendio

Una petizione per chiedere alle istituzioni di “salvare il Palamaggiò”. E’ l’iniziativa presa dalla Juvecaserta Academy, la società nata dopo la scomparsa della storica squadra bianconera, che ha deciso di lanciare una raccolta firme dopo il rogo che domenica sera ha coinvolto la ‘Reggia del basket’ in località Pezza delle Noci a Castel Morrone.

“Il Palamaggiò è stato per anni simbolo dell’eccellenza sportiva e tempio del basket della Terra di Lavoro - si legge nella petizione - Realizzato in soli 100 giorni, tanto da definirlo “il miracolo”,nel 1982, dall’allora patron della JuveCaserta, Giovanni Maggiò, il Palamaggiò è stato uno dei fiori all’occhiello dell’’impiantistica sportiva italiana: oltre ad esser stata la casa della Juvecaserta vincitrice dello scudetto dell’annata 1990-1991 e della Coppa Italia della stagione 1987-1988, è stato lo scenario di importanti manifestazioni europee: nel 1986 la finale di Coppa delle Coppe di basket (poi diventata coppa Saporta) tra il Barcellona e Scavolini Pesaro; nel 2003 ha ospitato il terzo campionato europeo di calcio a 5 nel quale l'Italia ha vinto il suo primo titolo continentale. Nel 2010 vi si sono esibiti gli Harlem Globetrotters”.

Ma non solo sport: “Il palazzetto casertano è stata la location perfetta per concerti, spettacoli ed eventi di caratura nazionale ed internazionale. Hanno riecheggiato tra gli spalti del Palamaggiò le note della chiattara del Boss, Bruce Springsteen e di tanti altri artisti italiani e non, come Vasco Rossi, Jovanotti, Ligabue, e tanti altri”.

Da più di un anno il palazzetto ha chiuso i battenti ed affidato al curatore fallimentare. “Anche se ormai in stato di “abbandono”, per i casertani Palamaggiò significa ancora basket, sport, vita, spettacolo e valori sociali, una sorta di medaglia da mostrare orgogliosi sul petto, anche se, ad oggi, nessuna palla rimbalza su quel parquet. Domenica 13 Giugno, mentre la BLE Juvecaserta Academy vinceva a Sala Consilina, portando un nuovo risultato positivo a casa, utile per il nuovo percorso intrapreso, dal basso, da ottobre 2020, un gruppo di balordi hanno forzato un ingresso del palazzetto appiccando un incendio che ha distrutto parte degli uffici amministrativi della struttura. Caserta, ed in particolare i Casertani, non meritano un simile affronto e noi non possiamo restare fermi ad aspettare il prossimo vile attacco alla “Casertanità”, la prossima vile usurpazione della storia della nostra città”.

Una petizione sostenuta anche da Gloria Martignetti, tra i fondatori del movimento politico Io Firmo per Caserta. "Il Palamaggió rappresenta una grande sfida per la città di Caserta. Il basket è stato per anni il nostro fiore all'occhiello oltre ad essere la più grande passione dei giovani casertani costretti ad assistere il lento ed inesorabile declino anche di questo meraviglioso sport. Facciamo appello alle istituzioni affinché pongano in essere tutto quanto necessario per ripristinare la nostra reggia del basket".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Salviamo il Palamaggiò”, dopo il rogo scatta le petizione

CasertaNews è in caricamento