rotate-mobile
Venerdì, 21 Gennaio 2022
Sport

Una startup casertana diventa partner della Fondazione “Le Quattro Stelle”

Si chiama 45° minuto ed è stata creata da 3 professionisti under 30 di Caserta, che, in piena prima ondata del Covid-19, hanno deciso di inseguire il proprio sogno

Una startup casertana diventa partner della Fondazione “Le Quattro Stelle” Onlus. Si chiama 45° minuto ed è il primo quiz live italiano sul calcio che si attiva durante l’intervallo delle partite. Una volta scaricata l’app, disponibile gratuitamente su Apple Store e Google Play Store, il gioco consiste in 13 domande a risposta multipla: facendo 13 su 13, come al vecchio Totocalcio, si vince il montepremi in palio, che viene diviso tra tutti gli utenti che hanno risposto correttamente alle domande. Se durante la fase di showdown, dove viene rivelato il risultato del proprio quiz, si scopre di aver commesso degli errori, non bisogna disperare: ad ogni risposta giusta l’utente accumula comunque dei punti per la classifica settimanale che premia i migliori 100.

L’obiettivo di 45° minuto è intrattenere gli appassionati di calcio durante un momento di pausa, sfidando i propri amici e tanti altri appassionati, provando a vincere i premi in palio. 45° minuto ad oggi, a soli 6 mesi dal lancio, è un’applicazione in grande crescita, che vanta oltre 200 mila installazioni, più di 15 mila partecipanti contemporanei per ogni quiz, oltre 55 mila euro di montepremi distribuiti in buoni regalo Amazon ed è diventata official sponsor di una squadra di Serie A storica come il Parma Calcio.

Dietro 45° minuto c’è una giovane realtà fondata da 3 professionisti under 30 di Caserta, che, in piena prima ondata del Covid-19, hanno deciso di inseguire il proprio sogno di realizzare un’app indipendente e di successo. Ma la startup casertana non è solo intrattenimento: è riuscita ad affiancare alle dinamiche di business, inevitabili in qualsiasi azienda che si rispetti, attività di beneficienza, collaborando con un’altra importante realtà casertana, punto di riferimento nell’ambito delle organizzazioni no profit: la Fondazione “Le Quattro stelle” Onlus.

Tutti i premi non riscossi dagli utenti o volutamente devoluti dagli stessi, vengono donati in beneficienza alla Fondazione, che da sempre si impegna in progetti, come “La Mappa delle Stelle”, destinati alla valorizzazione del territorio, abbattimento delle barriere architettoniche anche in ambito sportivo e inclusione sociale delle persone diversamente abili. Questa iniziativa è un’importante lezione di come sia possibile combinare obiettivi di business ad opere benefiche, dirette ad aiutare persone meno fortunate e valorizzare il proprio territorio di provenienza, nel quale sia la Fondazione che la startup casertana hanno costruito il proprio centro operativo, entrambe con un minimo comune denominatore che le accomuna: lo sport.

L’aspirazione di 45° minuto è quella di diventare il “luogo digitale” per tutti gli appassionati di calcio durante l’intervallo delle partite: il quiz è solamente l’inizio, puntando ad essere la prima app da aprire dopo il duplice fischio e continuare a supportare la Fondazione nella realizzazione dei proprio obiettivi. La rivoluzione tra digitale e filantropia nel mondo dello sport è iniziata e parte da due realtà casertane.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Una startup casertana diventa partner della Fondazione “Le Quattro Stelle”

CasertaNews è in caricamento