rotate-mobile
Sport

La Casertana soffre e vince, tutto invariato in vetta. Il punto della 25esima giornata

Ai falchetti mancano sette punti per la salvezza matematica ed ora sotto con il derby contro l’Avellino

Il campionato si avvia verso l’ultimo terzo del suo percorso ed alcuni giochi sembrano già fatti, in testa e in coda. Si torna a segnare con una più consistente frequenza rispetto alle ultime giornate, la 25esima segna la punta massima del mese di febbraio con 25 gol realizzati col record di autoreti messe insieme per una sola giornata: ben 3 di cui una (quella del cavese De Franco) che ha permesso alla Juve Stabia di superare in rimonta la squadra di Campilongo; ininfluente ai fini del risultato quella di Scognamillo che pure ha aperto le marcature nel trionfo casertano al Ceravolo, mentre quella di Giosa (Catania) benché alcuni attribuiscono a Defendi, serve solo alle statistiche e permettere alla capolista Ternana un altro pokerissimo dopo quelli rifilati a Casertana e Catanzaro in casa e alla Cavese a domicilio. La stessa Ternana aggiunge un altro record al suo curriculum stagionale: resta l’unica squadra imbattuta in casa (ma è immacolata anche in trasferta) dopo che Catanzaro e Teramo hanno subito la prima sconfitta tra le mura amiche. Di contro la sconfitta nel derby per la Cavese porta a 9 le gare in cui i metelliani non hanno fatto punti nelle partite tra le mura amiche. Tre le doppiette realizzate, 1 rigore trasformato ed un solo espulso, l’ex falchetto Pasquale Rainone che si è abbandonato alle proteste oltre il 90’ in Turris-Palermo.

VETTA INVARIATA. Nessuna modifica in vetta con le tre fuggitive (a debita distanza tra loro) che sfruttano tutte il fattore interno. Nel 5-1 che la Ternana ha rifilato al Catania mancano sia Partipilo che Falletti, ma figura Vantaggiato che inseguiva a lungo il suo nono centro raggiunto a 9’ dal termine. I rossoverdi mandano in gol anche Paghera e con lui diventano 18 i calciatori umbri andati a bersaglio. Con la solita fatica e tanta apprensione vince anche il Bari grazie al primo gol in biancorosso di Cianci che rilancia l’attaccante in corsa per il titolo di capocannoniere dopo 1 10 gol realizzati a Potenza. Tutto facile invece per l’Avellino che piega con un perentorio 4-0 il Foggia, grazie anche a qualche insicurezza del giovane portiere Di Stasio chiamato a sostituire lo squalificato Fumagalli. Le sconfitte simultanee di Catanzaro, Catania e Foggia, permettono al trio di testa di fare il vuoto e, fatto salva la spedita marcia della Ternana verso la Serie B, si preannuncia una serrata lotta per la conquista del secondo posto, col Bari che spera nel ritorno di Carrera per annullare l’handicap maturato nei confronti dell’Avellino. Palermo, Juve Stabia e Casertana vincono in trasferta e contribuiscono a rivitalizzare la lotta per la conquista del settimo posto ora che il Teramo si ritrova in piena crisi con due sconfitte consecutive sul groppone. Restano attualmente fuori dai giochi e con uno svantaggio diventato consistente Turris, Viterbese, Monopoli e Francavilla, unica quest’ultima ad aver racimolato un punto, non andando oltre il pari contro la Paganese. In coda vanno tutti a punti eccetto la Cavese: preziose le vittorie del Bisceglie (sulla Viterbese) e sopratto del Potenza (a Teramo) e comincia ad assumere contorni abbastanza preoccupanti la posizione della Cavese dopo che Campilongo aveva cercato di rivitalizzare la classifica dei metelliani.

VITTORIA SOFFERTA E CLAMOROSA. Che a Catanzaro ci sarebbe stato da soffrire per la Casertana si sapeva molto bene, ma i falchetti hanno dimostrato di saper soffrire e cogliere una prestigiosa vittoria contro una delle squadre più lanciate del momento. Si dirà che la squadra rossoblù è stata assistita da una buona dose di fortuna, che il Catanzaro ha sbagliato tutto quello che c’era da sbagliare sottoporta, che gli ospiti hanno trovato tre gol grazie a due tiri, ma il calcio è anche questo e guai a lasciare per terra anche la più piccola possibilità che si presenta. E’ stata una partita atipica, va bene, ma Carillo e compagni l’hanno interpretata come meglio non si poteva, lasciando poco spazio agli avversari e quando questi si sono rivelati per davvero pericolosi, ci ha pensato Avella a togliere le castagne dal fuoco. Ed oltre al portiere vanno altresì menzionati i cambi che Federico Guidi ha utilizzato quando il Catanzaro dimostrava di non avercene più: dopo che Cuppone e Pacilli avevano sfiancato la retroguardia avversaria ci hanno pensato Rosso e Matos (unitamente chiaramente a tutti i compagni) a polverizzare le residue resistenze giallorosse. La Casertana infrange anche il tabù Ceravolo, impianto storicamente ostico, e si propone quale la sorpresa più piacevole di questo girone di ritorno dopo che nella fase iniziale del torneo aveva dispensato punti un po’ a tutti. Di certo ora chi è chiamato ad affrontare i falchetti avrà qualche pensiero in più ed anche le più forti ddel girone dovranno fare i conti con la grinta, con l’entusiasmo e con lo spirito che Federico Guidi ha saputo infondere nel gruppo.

I BOMBER. Anche nella 25esima giornata i bomber che vanno per la maggiore hanno segnato il passo, peer cui ora alle prime posizioni di Antenucci, Partipilo e Falletti si aggiunge Cianci che supera la doppia cifra. Il duello che doveva caratterizzare Ternana e Bari per la corsa alla vittoria si riduce pertanto alla corsa peer il titolo di capocannoniere. MA non è detto che sia ristretto solo ai bomber delle due compagini: alle spalle sale il palermitano Lucca che grazie alla doppietta del Liguori si porta a 9 reti (come Vantaggiato) e ancora una doppietta rilancia le ambizioni dell’irpino Fella. L’altra marcatura multipla è appannaggio del neo potentino Romero, col doppio timbro nella prima sconfitta interna del Teramo.

COSI’ DOMENICA. Si giocano tutte nella giornata di domenica le partite del 26° turno. Si comincia alle 12,30 con un succulento Palermo-Catanzaro con i siciliano che vorranno certificare l’abdicazione della squadra di Calabro dai sogni di gloria; alle 15 scenderanno in campo le eterni ex rivali Ternana e Bari in impegni niente affatto agevoli in trasferta a Foggia e Catania contro le due squadre peggio uscite dal turno infrasettimanale; alla stessa ora lo scontro per allontanare la zona play out tra Viterbese e Vibonese e quello tra Monopoli e Cavese dove i biancoverdi sperano di dare il colpo di grazia ai bleufoncé. La Juve Stabia cercherà il sorpasso ai danni del Teramo alle 17,30 ed in contemporanea Paganese e Potenza si giocano punti importanti in chiave play out contro Turris e Francavilla. Chiude il programma (ore 20,30) il sentito derby tra Casertana ed Avellino con un match che oggi più che mai sembra aperto a qualsiasi risultato.

25^ GIORNATA

I RISULTATI

Avellino - Foggia 4-0

Bari - Monopoli 1-0

Bisceglie - Viterbese 1-0

Catanzaro - Casertana 0-2

Cavese - Juve Stabia 1-2

Teramo - Potenza 1-3

Ternana - Catania 5-1

Turris - Palermo 1-2

V. Francavilla - Paganese 0-0

riposa Vibonese

LA CLASSIFICA

Ternana 59

Avellino 47

Bari 45

Catanzaro 38

Catania (-2) 37

Foggia 36

Teramo 34

Juve Stabia 33

Palermo 33

Casertana 33

V. Francavilla 29

Viterbese 28

Turris 28

Monopoli 24

Vibonese 22

Potenza 20

Bisceglie 20

Paganese 19

Cavese 16

Trapani escluso

I MARCATORI

12 reti Antenucci (Bari, 1 rig.)

          Partipilo (Ternana, 1 rig.)

11 reti Falletti (Ternana, 5 rig.)

          Cianci (Potenza, 3 rig.)

9 reti Curcio (Foggia, 3 rig.)

          Lucca (Palermo)

         Vantaggiato (Ternana)

         Plescia (Vibonese)

8 reti Cuppone (Casertana)

         Fella (Avellino

        Giannone (Turris)

7 reti Maniero (Avellino, 1 rig.)

PROSIMO TURNO

(domenica 21 febbraio)

Casertana - Avellino ore 20,30

Catania - Bari ore 15

Foggia - Ternana ore 15

Juve Stabia - Teramo ore 17,30

Monopoli - Cavese ore 15

Paganese - Turris ore 17,30

Palermo - Catanzaro ore 12,30

Potenza - V. Francavilla ore 17,30

Viterbese - Vibonese ore 15

riposa Bisceglie

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Casertana soffre e vince, tutto invariato in vetta. Il punto della 25esima giornata

CasertaNews è in caricamento