Giovedì, 28 Ottobre 2021
Sport

Calciatori positivi al Covid in campo, ora la palla passa alla Procura

Si ipotizza il reato di epidemia colposa sulla scelta di non attendere

Casertana-Viterbese, la palla passa alla Procura. Sul tavolo del capo degli uffici giudiziari di Santa Maria Capua Vetere, Maria Antonietta Troncone, stamattina è arrivata l’informativa relativa alla partita di calcio di domenica, quando in campo sono scesi due calciatori febbricitanti che sono risultati positivi al Covid-19, che si sono aggiunti 15 atleti che già erano risultati col virus. Si ipotizza il reato di epidemia colposa in relazione alla partita di Lega Pro.

I tamponi molecolari ai due giocatori con decimi di febbre (il test è stato fatto anche ad un terzo atleta, risultato però negativo) erano stati effettuati nell’immediato pre-gara dall’Asl, il cui personale era intervenuto su richiesta del medico della Casertana. La gara si è disputata lo stesso nonostante l’Asl avesse richiesto qualche ora per fornire l’esito dei tamponi e la stessa Casertana avesse chiesto alla Lega di posticipare alle 21 l’inizio del match previsto originariamente alle 17.30 (la gara è iniziata alle 18.15).

L’Asl ha spiegato di essere intervenuta domenica solo per i tamponi, ma che nessun parere gli era stato richiesto in ordine all’opportunità di giocare il match visto l’alto numero di positivi nella Casertana; quel parere, su sollecitazione del club, lo ha fornito invece oggi sulla partita che la Casertana avrebbe dovuto disputare mercoledì in casa della Juve Stabia (e che è stata rinviata). Sarà la Procura a ricostruire quanto accaduto domenica e ad accertare eventuali responsabilità.

"Minacce al presidente". Ora la Viterbese vuole denunciare l'allenatore della Casertana

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Calciatori positivi al Covid in campo, ora la palla passa alla Procura

CasertaNews è in caricamento