Sport

La Casertana offre il bis e mercoledì c'è il recupero col Bisceglie

Ma rischia il direttore sportivo Pastore. Ternana e Bari continuano a vincere

Giro di boa per il campionato di Serie C. Si è disputata la 19esima giornata ed all’appello mancano ora solo 3 partite, le due trasferte della Casertana (Bisceglie e Castellammare di Stabia) e la prosecuzione di Catanzaro-Viterbese, sospesa al 7’ della ripresa per la nebbia calata sul Ceravolo. Venti le reti messe a segno nella giornata, con un rigore trasformato e un’autorete, quella di Piccinni del Monopoli che al 90’ ha consentito il pareggio del Catanzaro. Nessuno espulso nelle nove gare disputate tra sabato e domenica. Si procede a pieno ritmo tra le due di testa, inseguite, a debita distanza, da Avellino e Catani che ora si giocano la terza piazza. Vittoriose, in campo esterno, sia la Ternana che il Bari ma i tre punti conquistati dalle due battistrada sono figli di prestazioni diversificate: gli umbri non solo affrontano un match più impegnativo, ma rispetto ai concorrenti sciorinano un gioco molto più spettacolare, coi galletti che faticano più del dovuto per battere il Bisceglie e lo fanno solo con una prodezza del solito Antenucci. La Ternana invece dà l’ennesima lezione di calcio, frantumando già a metà gara la resistenza della Juve Stabia. In attesa che tornino al gol i due bomber principi (Falletti e Partipilo) ci pensano Peralta ed il rientrante Suagher a sbloccare la gara, prima che Vantaggiato la possa mettere in ghiaccio. La squadra di Lucarelli si conferma autentica macchina da guerra e già da tempo mette sul tappeto cifre da capogiro: con 46 gol all’attivo e 12 incassati aumenta sempre più la forbice su tutte le altre confermandosi il miglio attacco e la miglior difesa del raggruppamento. Sono 17 i calciatori mandati in rete dal gioco di Lucarelli e solo il Modena (girone B) ha fatto meglio in fatto di reti subite (9). Il Bari è costretto ad inseguire da lontano e non vede allo stato attuale la possibilità di avvicinare la vetta dal momento che gli umbri hanno superato indenne un momento di offuscamento, riprendendo a pieno ritmo una marcia recentemente segnata da due gare casalinghe che hanno registrato prima il pareggio con la Turris e quindi una striminzita vittoria sul Monopoli. Crollano il Teramo a Viterbo e il Foggia a Catania, per cui ora si ridisegna la per la conquista della terza piazza. L’Avellino non si distrae nel derby con la Cavese, grazie ad un gol dell’ex rossoblù Adamo; il Catania si riabilita dopo la sconfitta del Pinto e sono ora queste le due squadre che lanciano la volata per il podio. Il Catanzaro resta aggrappato alla quinta posizione mercé il gol realizzato in extremis. Fatica anche la Turris che col rabbioso gol di Romano raggiunge il pari con la Vibonese che manda in orbita tra i bomber il suo attaccante Plescia. Significativi movimenti di classifica anche in coda. Il Monopoli culla fino al 90’ il ritorno alla vittoria e la Viterbese coglie il primo successo casalingo fermando il Teramo. Ora restano solo le due campane Cavese e Paganese a non aver ancora assaporato la gioia dei tre punti tra le mura amiche. Il Potenza che ha osservato il turno di rioso è stato risucchiato nella zona rossa dove restano anche Bisceglie, Paganese e Cavese, uscite tutte battute dai loro impegni.

La Casertana concede il bis

La Casertana mette a segno la prima doppietta della stagione. Dopo la vittoria col Catania i falchetti centrano il bis espugnando il Marcello Torre di Pagani. Una partita, o meglio un secondo tempo, sopra le righe per la squadra di Guidi che dopo aver concesso il primo tempo agli avversari sono venuti fuori, prepotentemente, nella ripresa. Guarda caso con l’ingresso del suo uomo più rappresentativo, Gigi Castaldo, che ha cambiato letteralmente fisionomia al match. Punita in apertura oltre i propri demeriti per un calcio di rigore alquanto generoso (e Avella solo per poco non ha neutralizzato) i falchetti non si sono disuniti ed hanno tenuto a bada una Paganese molto evanescente a dire il vero. Salvo poi a ribaltare il punteggio quando il bomber di Giugliano ha innalzato decisamente il tasso tecnico dell’attacco rossoblù. Seconda vittoria quindi consecutiva per i falchetti che mettono l’accento sulla continuità dei progressi registrati nell’ultimo periodo. Continuità che ora deve crescere ancor di più già a partire da mercoledì quando scenderanno in campo al Ventura di Bisceglie in quello che rappresenta il recupero della undicesima giornata, rinviata giù due volte causa Covid-19. Otto giorni dopo sarà la volta della trasferta al Menti per completare il quadro delle partite del girone di andata; nel contempo domenica prossima la Casertana osserverà il suo turno di riposo ma a partire da fine mese ci saranno tre settimane nella prima e nella terza delle quali il campionato costringerà alle tappe forzate con la disputa di due incontri infrasettimanali. Un fattore su cui puntare decisamente proprio in virtù delle ritrovate condizioni psico-fisiche dei falchetti. Una lunga serie di impegni che, si auspica, possano consolidare la classifica rossoblù, già da ieri meno preoccupante rispetto a qualche giorno fa. La bella prestazione di Pagani va a compensare qualche notizia non del tutto positiva nell’ambiente, atteso che sabato pomeriggio il tifo organizzato è sceso sul piede di guerra nei confronti del presidente D’Agostino. Ancora non si registra la risposta della dirigenza, né l’intensità dell’azione dei contestatori, magari portati a più miti consigli dai tre punti conquistati al Torre. Un’altra notizia trapelata da San Nicola la Strada è quella relativa alla posizione del direttore sportivo che secondo alcuni non avrebbe soddisfatto appieno le aspettative della dirigenza in sede di questo primo segmento del calciomercato invernale. Sia la lettera aperta dei tifosi sia i rapporti col responsabile dell’area tecnica dovrebbero intaccare marginalmente la squadra, sempre più impegnata a trovare lo smalto giusto per affrontare i prossimi impegni e toccherà a Guidi tenere la squadra al di fuori di queste faccende. Il tecnico fiorentino cresce sempre più nei consensi della piazza per la sua gestione oculata del gruppo e per la capacità di leggere le partite in maniera da ottenere i risultati sperati. Un valore aggiunto in questo momento che darà il suo indispensabile contributo alla causa.     

19^ GIORNATA

I RISULTATI

Avellino - Cavese       1-0             

Bisceglie - Bari        0-1             

Catania - Foggia       2-1            

Juve Stabia - Ternana  0-3        

Monopoli - Catanzaro   1-1        

Paganese - Casertana 1-3        

Palermo - V. Francavilla 1-2       

Turris - Vibonese     1-1             

Viterbese – Teramo 1-0

riposa Potenza

LA CLASSIFICA

Ternana  46

Bari  38

Avellino 31

Catania (-2) 30

Teramo  28

Foggia 28

Catanzaro  28

Turris 27

Palermo 24

Juve Stabia  23

V. Francavilla 22

Vibonese 21

Viterbese 18

Casertana 18

Monopoli 17

Potenza 16

Bisceglie 14

Paganese  12

Cavese 8

Trapani escluso

I MARCATORI

10 reti Cianci (Potenza, 3 rig.)

9 reti Partipilo (1) e Falletti (3, Ternana)

Antenucci (Bari, 1 rig.)

Curcio (Foggia, 3 rig.)

8 reti Plescia (Vibonese, 1 rig.)

Vantaggiato (Ternana, 1 rig.)

PROSSIMI TURNI

(mercoledì 20 gennaio)

Bisceglie-Casertana – recupero 11^ giornata

(domenica 24 gennaio)

Bari - V. Francavilla                 

Bisceglie - Foggia                    

Catanzaro - Potenza                   

Monopoli - Juve Stabia                

Paganese - Catania                    

Palermo - Teramo                      

Turris - Avellino                     

Vibonese - Cavese                     

Viterbese – Ternana

riposa Casertana

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Casertana offre il bis e mercoledì c'è il recupero col Bisceglie

CasertaNews è in caricamento