Domenica, 16 Maggio 2021
Sport

La Casertana ad una vittoria dai play-off. Ma sulla classifica pesa il ricorso del Catania

La vittoria del Foggia contro il Monopoli nel recupero regala maggiore tranquillità ai falchetti

Con i recuperi disputati mercoledì Foggia-Monopoli e Juve Stabia-Catanzaro, validi rispettivamente per la 35^ e 36^ giornata, si è quasi completata la griglia delle partite rimaste in sospeso e la classifica assume connotati più precisi e molto più vicini all’esito finale del campionato. Manca ancora qualcosina che potrebbe ulteriormente variare qualche posizione, che a questo punto non modificano sostanzialmente la graduatoria, ma pure sono da prendere in considerazione nell’economia generale del torneo.

La prima sarà provocata dal risultato del recupero tra Cavese e Turris (36^ giornata) che per i metelliani rappresenta il fioco lumicino di speranza di poter garantirsi i play out, a condizione che facciano bottino pieno nelle ultime due giornate e che la stessa Turris o la Vibonese non colgano neanche un punto nelle residue due partite. In pratica la Cavese dovrebbe portare a casa 9 punti per raggiungere quota 28 ed una delle due antagoniste dovrebbe restare a 35 (max 36) per essere condannata allo spareggio. Un evento molto inverosimile considerati gli avversari della squadra di Maiuri (Palermo ed Avellino) impegnate a conquistare le posizioni migliori nella griglia play off. L’altro elemento che potrebbe ‘scombussolare’ la classifica è la famigerata sentenza che interessa la penalizzazione del Catania. Ad inizio torneo agli etnei furono comminati 4 punti, ridotti poi a 2 in seguito ad un primo ricorso. Nel frattempo i siciliani hanno presentato nuovo appello teso alla cancellazione totale di quella penalizzazione. La sentenza è prevista per il 5 maggio, oltre la fine del campionato, prevista per il 2 dello stesso mese. Va da sé che in caso di accoglimento dell’istanza il Catania potrebbe avere un potenziale disponibile di 8 punti da assommare agli attuali 55, per cui con la partita casalinga con la Casertana e la trasferta di Foggia potrebbe portare una seria minaccia al quarto posto del Bari (che nel contempo va a Torre del Greco e riceve il Bisceglie), rendendo ancor più fallimentare la stagione dei favoriti numero uno per la promozione in Serie B.

Nell’ultimo scorcio di campionato il Bari ha visto sfrecciare sulla corsia di sorpasso il Catanzaro che ora va ad insidiare addirittura la seconda piazza all’Avellino che dovrà ottenere almeno quattro punti tra il Teramo e Cava de’ Tirreni che potrebbero non bastare sulla scorta degli scontri diretti (1-3  e 1-0) coi giallorossi di Galfano. Il Bari dal canto suo ha corso ai ripari richiamando in panchina Auteri, Cassia e tutto il resto del precedente staff per cercare di conservare almeno il terzo posto e portarsi direttamente alla seconda fase della post season.

La vittoria del Foggia nel derby col Monopoli consente ai rossoneri di guadagnare matematicamente la griglia dei play off, occupando saldamente la settima posizione ma concede qualche chance in più alla stessa Casertana che ora vanta ben quattro punti di vantaggio sui monopolitani (e sulla Viterbese) e le basterebbe anche solo il successo sulla Paganese all’epilogo per raggiungere una clamorosa partecipazione alla post season.

Ma nonostante il netto vantaggio sulle dirette inseguitrici e gli stimoli che animeranno il Catania nella conquista dei tre punti la Casertana non si reca al Massimino col vestito della vittima sacrificale. Di certo i falchetti vorranno disputare la solita partita in trasferta al cospetto di squadre più blasonate: il pensiero va alla sconfitta al Partenio Lombardi (al netto di qualche ‘svista’ arbitrale) dopo l’iniziale vantaggio di Icardi; al primo tempo del Liberati, al sontuoso 3-0 rifilato al Catanzaro e al pareggio colto a Bari (per restare alle prime quattro della classifica) per cui fossimo in Franco Baldini prenderemmo tutte le precauzioni necessarie per non incorrere in spiacevoli sorprese.

I falchetti hanno rappresentato in trasferta una autentica mina vagante nel raggruppamento, grazie ad un gioco di attesa e di veloci ripartenze in campo aperto che hanno esaltato a tratti le qualità di Cuppone, Pacilli, Turchetta spesso imprendibili anche per le più rocciose difese. Ed a proposito di Cuppone, gli ultimi 180’ consentono al bomber rossoblù di sferrare l’attacco decisivo alla vetta della classifica marcatori, attualmente ai due ternani Partipilo e Falletti ormai ad un tiro di schioppo dall’ex Monopoli. Insomma un finale di campionato che a dispetto di tante posizioni già conclamate, presenta comunque spunti di interessi negli ultimi due turni e che terrà ugualmente col fiato sospeso le varie squadre ed i rispettivi sostenitori, al termine di una stagione per certi versi maledetta e che si auspica sia l’ultima disputata con tante avversità e senza il pubblico sugli spalti     

I PROSSIMI TURNI

domenica 25 aprile (ore 17,30)

37^ GIORNATA

Avellino - Teramo                    

Bisceglie - Vibonese                  

Catania - Casertana                   

Juve Stabia - Foggia                  

Monopoli - Ternana                    

Paganese - Potenza                    

Palermo - Cavese                      

Turris - Bari                         

Viterbese - Catanzaro

mercoledi 28 aprile

Cavese Turris ore 15 (36^ giornata)

38^ GIORNATA

domenica 2 maggio (ore 17,30)

Bari - Bisceglie                     

Casertana - Paganese                  

Catanzaro - Monopoli                  

Cavese - Avellino                     

Foggia - Catania                      

Teramo - Viterbese                   

Ternana - Juve Stabia                

V. Francavilla - Palermo             

Vibonese - Turris

LA CLASSIFICA

Ternana  87

Avellino 66

Catanzaro  64

Bari  60

Catania (-2) 55

Juve Stabia  55

Teramo  48

Foggia 50

Palermo 47

Casertana 44

Monopoli 40

Viterbese 40

Potenza 38

V. Francavilla 38

Turris 35

Vibonese 35

Paganese  30

Bisceglie 27

Cavese 19

Trapani escluso

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Casertana ad una vittoria dai play-off. Ma sulla classifica pesa il ricorso del Catania

CasertaNews è in caricamento