La Casertana con entusiasmo verso il tour de force: 3 partite in 7 giorni per diventare grande

Marco Caldore: "A partire da Picerno possiamo dire di che pasta siamo fatti"

Marco Caldore, difensore della Casertana (foto Melone/official site Casertana Fc)

C'è aria di entusismo in casa Casertana. La scorpacciata di gol di sabato scorso col Rieti, ma soprattutto i 7 punti nelle ultime tre gare di campionato hanno dato maggiore convinzione alla squadra di mister Ginestra. Lo conferma anche Marco Caldore, che non nasconde il piacevole clima che si vive nello spogliatoio: “Siamo molto contenti per questa vittoria, frutto del duro lavoro svolto sin dal primo giorno di ritiro. Sicuramente è un’iniezione di entusiasmo. Ora siamo ancora più grintosi in vista della prossima partita. Restiamo sempre saldi sulla nostra strada e non ci montiamo certo la testa. Si è creato un bel gruppo e siamo consapevoli di poter far bene qualora si continui a lavorare a testa bassa e con spirito di sacrificio. Il nostro obiettivo resta la salvezza. Una volta raggiunta tale meta, vedremo cosa si potrà fare. Siamo appena all’inizio del campionato. Molte squadre devono ancora carburare. Sarà una stagione avvincente”.

La mano dell'allenatore, in questa prima parte di stagione, si fa sentire. Soprattutto sulla testa dei calciatori. “Sono molto grato al mister per la fiducia che ha sempre manifestato nei miei confronti. Vengo dall’esperienza in D con l’Altamura e, per fortuna, sono riuscito a tornare tra i professionisti. Darò tutto me stesso per restare in questa categoria. Il mister mi conosce molto bene. Ed io conosco lui. Contro il Rieti si è vista la Casertana che vuole. Molto gioco da dietro, palla a terra, offensivi e propositivi per cercare di fare più gol possibile".

Caldore però non dimentica l'errore col Rieti che è costato la rete degli ospiti: “Purtroppo non mi ha fatto dormire. Anche se ha inciso poco o nulla sulla gara, visto il risultato, sono errori che non si devono commettere. So che posso evitarli”.

Ora la testa è al futuro ed al tour de force che attende la Caserta con 3 partite in 7 giorni (Picerno e Bisceglie fuori, Catanzaro in casa): “Ci aspetta una settimana di fuoco. Può segnare già una tappa importante del nostro campionato. Possiamo dire di che pasta siamo fatti. Si parte dalla trasferta in casa del Picerno. Una squadra che conosco per averla affrontata lo scorso anno. Ha buoni giocatori. Sarà senza dubbio una bella partita".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Travolta sulla provinciale: morta studentessa 24enne | LE FOTO

  • Dramma all'alba, muore noto avvocato

  • Sequestrati 200 kg di prodotti in un bar-pasticceria

  • Il tesoro del killer dei Casalesi: in 11 rischiano la condanna

  • Gas dei Casalesi, 4 pentiti provano ad inchiodare i manager della Coop

  • Sacerdote litiga coi fedeli e abbandona la messa

Torna su
CasertaNews è in caricamento