Sport

Alla Casertana non riesce una nuova rimonta, l’Altamura porta via il primo punto

Falchetti sotto di un gol nel primo tempo, ci pensa Liccardi ad evitare la sconfitta

Prende il via con la prima domenica di ottobre un mese particolarmente fitto di impegni, alcuni anche di notevole spessore, per la Casertana. Oltre ai canonici turni domenicali, il calendario ha previsto per i mercoledì 13 e 20 due gare infrasettimanali che andranno ad incidere molto sulla carente condizione fisica dei falchetti, tuttora alle prese con una preparazione iniziata con notevole ritardo, dove spesso Rainone e compagni non hanno potuto dedicarsi ai dettami tecnici di Maiuri e l’intesa tra i reparti è ancora lontana dalla forma ottimale. Di Bisceglie, Casarano e le altre avversarie che attendono la Casertana si parlerà a tempo debito, oggi la Casertana è alle prese con l’Altamura che ad onta dello zero in classifica in fatto di punti conquistati, rappresenta comunque un ostacolo ostico da superare proprio in ottica dei motivi sovraesposti. La Casertana torna al Pinto dopo la presentazione ufficiale della squadra avvenuta una decina di giorni fa, dove al Belvedere si è intravisto un briciolo di entusiasmo dopo le delusioni estive; solo una nuova vittoria contribuirebbe ad accrescere la fiducia ed il progressivo riavvicinamento della piazza alla squadra protesa a mantenersi, in attesa di tempi migliori agganciata alla vetta della classifica. Tra gli anticipi di ieri il Cerignola ha giocato a tennis contro il Nola, confermando le impressioni della vigilia che vogliono i dauni tra i favoriti della promozione in Serie C dopo tre tentativi falliti per un soffio. La Casertana che ha giocato col Fasano aveva dato un chiaro segnale a tutti e solo il pareggio subito nel corso dei 7’ di recupero ha impedito ai falchetti di guardare tutti dall’alto in basso. La giornata elettorale che coinvolge anche Caserta non induce gli ormai pochi fedelissimi a disertare il Pinto, per cui anche oggi la cornice di pubblico rispecchia l’andamento attuale delle presenze sugli spalti; nella Curva Nord si sistemano i circa 70 tifosi che arrivano da Altamura.

LE SCELTE. Refrattario ai richiami da turn-over a causa dei pressanti impegni, Maiuri da spazio alla squadra preventivata alla vigilia, con l’unica eccezione di Sambou al posto di Mansour, evidentemente ancora reduce dalle noie muscolari in seguito alla gara col Nola, ma che parte dalla pancina. Come pure tra i rincalzi figura Giovanni Sansone, l’ultimo acquisto rossoblù, pronto a dare il suo contributo magari – qualora ce ne fosse bisogno – nella parte finale della gara; ancora indisponibile Pambianchi, sarà Di Somma a far coppia con capitan Rainone al centro della difesa; come terminale offensivo parte ancora una volta Liccardik con Cusumano e appunto Sambou che giostrano ai suoi lati. Pezzella invece rivoluziona la sua squadra, cercando di dare la scossa giusta cambiando ben quattro titolari rispetto alla gara col Gravina e sperando di interrompere il digiuno. Al centro della difesa (a tre) c’è l’ex Peppe Mattera mentre i rientranti Ziello e Cancelliere danno supporto alla punta centrale Tedesco.

PRIMO TEMPO. La partita inizia con ritmi sostenuti ma di tentativi verso le avverse porte non ce ne sono per la prima dozzina di minuti. Ci prova proprio al 12’ l’Altamura con Tedesco contrato in angolo da Rainone; dalla bandierina si sviluppa un’altra azione che porta ancora l’attaccante ospite a concludere debolmente con Trapani che fa sua la sfera. La partita si sblocca al 24’ per merito della formazione ospite: un tentativo di attacco da parte di Tedesco viene a stento contenuto dalla difesa rossoblù e dopo uno sbilenco rinvio viene raccolto da Baradje proprio sul vertice sinistro dell’area di Trapani e da lì parte un missile terra-aria del giocatore di colore ospite con la palla che va a sbattere sul montante di sinistra del portiere locale e si insacca. Sulle ali dell’entusiasmo la squadra di Pezzella si mantiene ancora nella metà campo della Casertana e ci prova Zerbo con un tiri dal limite che finisce però lontano dai pali. La reazione della Casertana stenta ad arrivarfe e per Mattera e compagni è normale amministrazione stroncare sul nascere i velleitari tentativi avversari. Timido e prevedibile anche il tentativo di Feola che dopo essersi liberato di un avversario chiama Giuliani ad una presa comoda e centrale. Dopo la mezz’ora la Casertana comincia a giocare cercando di imbastire qualcosa di buono sfruttando la fascia sinistra dove Monti e Feola a turno si portano sul fondo per confezionare preziosi servizi per Liccardi che però viene sempre anticipato dalle uscite di Giuliani. Al 40’ Vacca conquista un calcio di punizione dopo una insistita percussione di Sambou e si vede respingere il tentativo dal portiere ospite. I falchetti cercano di pervenire al pareggio entro i primi 45’ ma ogni tentativo risulta vano, anzi è l’Altamura a rendersi pericolosa in contropiede, sempre con Tedesco che, avuto ragione di Di Somma, spara alto sulla traversa di Trapani.

SECONDO TEMPO. Si cambia campo all’inizio della ripresa ma non i protagonisti della prima frazione. Al 5’. In seguito a scontro di gioco, resta a terra Sambou e Maiuri decide di anticipare la sostituzione che fosse avrebbe voluto fare più tardi: debutta in maglia rossoblù Giovanni Sansone che va a dar man forte a Liccardi in avanti. Ci prova (9’) Cusumano da fuori, ma la sua palla si perde distante dall’incrocio sinistro di Giuliani. Al 18’ lo stesso giovane attaccante penetra in area ed è falciato da Mattera, ma il direttore di gara Cevenini interpreta l’intervento al contrario e sanziona Cusumano col giallo per simulazione. Ora la Casertana pressa in continuazione per pervenire al pareggio ed occupa costantemente la metà campo avversaria anche se i pugliesi cercano di spezzare, anche con azioni al limite del regolamento l’assedio rossoblù. Al 24’ Monti fa partire un cross verso la porta ospite e Giuliani respinge goffamente sui piedi di Liccardi per poi bloccare da terra il tap in dell’attaccante.  Il portiere pugliese si esalta alla mezz’ora quando va togliere dal sette un colpo di testa di Sansone mentre già il Pinto gridava al pareggio. Ancora Giuliani cchiamato all’opera da Vicente che su punizione lo impegna in una respinta che Liccardi non riesce a sfruttare adeguatamente. Ma sono solo le prove generali per il pareggio: corre il 37’ quando una nuova punizione questa volta battuta da Monti trova pronto alla deviazione Liccardi che spedisce nell’angolo dove il portiere non può arrivare. Non succede più nulla neanche nei sei minuti di recupero, nonostante un tentativo di Vicente da molto lontano che non centra lo specchio della porta. Il sorpasso ai danni del Nola di 15 giorni fa non riesce, ma comunque i falchetti mostrano ancora una progressiva crescita nel secondo tempo, quando le energie fisiche farebbero pensare ad un calo di forze. Ed ora mercoledì prossimo si va a Bitonto per affrontare il Bisceglie.

CASERTANA – ALTAMURA      1-1

CASERTANA (4-3-3): Trapani, Tufano, Rainone, Di Somma, Monti; Vacca (88’ Carannante), Feola (72’ Mansour), Chinappi (62’ Vicente); Cusumano (72’ Maresca), Liccari, Sambou (51’ Sansone). A disp. Sarracino, Felleca, Nicolau, Capitano. All. Maiuri

ALTAMURA (3-4-3): Giuliani, Barg, Mattera, Sales; Baradji, Clemente, Cancelliere (55’ Massaro), Monaco; Tedesco (75’ Kabine, Zerbo (55’ Caruso), Ziello. A disp. Spina, De Vivo, Romano, Russotto, Molinaro, Errico. All. Luigi Pezzella

ARBITRO: Fabio Cevenini di Siena (Matteo Lauri di Gubbio e Simone Piomboni di Città di Castello)

RETI: 24’ Baradji; 82’ Liccardi

NOTE: pomeriggio luminoso e caldo, terreno in perfette condizioni; spettatori 450 circa, di cui una settantina provenienti dalla Puglia; osservato ad inizio gara un minuto di raccoglimento in memoria del giovane calciatore di Pietramelara Daniel Leone, prematuramente scomparso nei giorni scorsi; angoli 6-5 per la Casertana; ammoniti Tedesco, Cusumano, Clemente; recupero 2’ e 6’  

TERZA GIORNATA

LE GARE IN PROGRAMMA

Bitonto - Sorrento                          1-1   

Casertana - Altamura                    1-1 

Cerignola - Nola                            6-0          

Francavilla - Rotonda                    2-0       

Gravina - Bisceglie                        1-0        

Lavello - Citta' di Fasano               0-3   

Mariglianese - San Giorgio            0-0  

Nardo' - Casarano                        0-1                

Nocerina - Brindisi                        3-0         

Virtus Matino – Molfetta                1-1

LA CLASSIFICA

Cerignola                7

Nocerina                7

Casarano               6

Gravina                  6

Francavilla              6

V. Matino               5

Bitonto                   5

Casertana              5

Lavello                   4

Fasano                   4

Mariglianese           4

Bisceglie                 4

Sorrento                 3

Nola                       3

Nardò                     3

Molfetta                  3

San Giorgio            2

Altamura                1

Brindisi                   0

Rotonda                 -7

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alla Casertana non riesce una nuova rimonta, l’Altamura porta via il primo punto

CasertaNews è in caricamento