La Casertana resta in 10 e non regge all'urto del Bari

Konatè espulso, Antenucci e Montalto firmano il blitz dei pugliesi

Non sarà un classico del calcio italiano, ma Casertana-Bari rappresenta comunque un match di prestigio per la nobiltà delle due compagini a confronto. Per l’occasione anche le telecamere della RAI sono dirottate sul Pinto, a conferma del fascino che potrebbe esercitare l’evento. Anche Eolo si inchina alla partita ed ordina alle sue raffiche, che hanno flagellato Caserta nella giornata precedente, di mitigare la loro azione e consentire quantomeno di favorire un regolare svolgimento della gara. Falchetti e galletti si presentano all’appuntamento con ovvie diversificate aspirazioni, ma se per i padroni di casa non vincere la partita potrebbe rientrare nella quasi normalità, al contrario sarebbe una vera tragedia per gli ospiti non portare a casa il punteggio pieno. La classifica piange per entrambe ma c’è tempo per riparare, ma i biancorossi di Auteri devono assolutamente tenere il passo della Ternana che grazie allo scontro diretto ha accennato ad intraprendere la prima fuga ed il match interno col Teramo di questo pomeriggio potrebbe ancor dipiù dilatare il divario dalle inseguitrici. Antenucci e compagni quindi sono alle prese con un lavoro suppletivo per cercare di puntellare una panchina che sembra scricchiolare in più punti.

LE SCELTE. Poche variazioni rispetto alle formazioni preventivate alla vigilia. Scelte obbligate e stato di forma pressocché recuperato da tutti i disponibili inducono sia Guidi che Auteri (che torna in panchina) a schierare il top dei due roster. Guidi recupera Konate, Fedato e Pacilli ma solo i primi due vanno in campo, il terzo si accomoda in panchina; rientra anche Santoro che va ad posizionarsi tra  Varesanovic e Bordin nella mediana mentre a supporto delle due punte va Icardi. Una sola variazione (oltre a sostituire lo squalificato Perrotta con Sabbione) anche tra i biancorossi: dopo l’ininterrotta presenza tra i titolari, Auteri concede un attimo di respiro a Maita (che parte dalla panchina) sostituendolo con Bianco. Confermato il trio d’attacco terribile con Marras, Antenucci e D’Ursi con Simeri e Candellone e Citro pronti a subentrare, in caso di necessità, a gara in corsa.

PRIMO TEMPO. Si comincia a ritmo sostenuto e con particolare aggressività da ambo le parti, quasi se il vento spingesse ancor di più sulla foga agonistica degli uomini in campo. Dopo pochi minuti di attesa il Bari assume decisamente l’iniziativa ed il gioco si sviluppa prevalentemente nella metà campo rossoblù con gli ospiti che mostrano di voler quanto prima di sbloccare il risultato. Ma la prima occasione da rete è della Casertana ed arriva al 18’ con Hadziosmanovic, imbeccato da Icardi, il cui diagonale viene però deviato in angolo. Più che il Bari è il vento a dar qualche problema ad Avella che al 26’ è ingannato dalla traiettoria della sfera che prima riesce ad intercettare e poi se la vede sfuggire oltre il fondo. Dalla bandierina De Risio pesca la testa di Celiento in area ma la deviazione finisce a lato; come finisce a lato un minuto dopo un velenoso diagonale di Antenucci. Aumenta la pressione del Bari ed aumenta anche l’intensità del vento che ora rende quasi impossibile qualsiasi accenno di manovra. Brivido per i rossoblù al 33’ con Konaté che di poco riesce a mettere in fuorigioco Antenucci la cui conclusione è comunque respinto di piedi da Avella. Auteri protesta ma il IV uomo non si lascia influenzare dal gratuito carima del tecnico di Floridia. Qualche istante dopo il difensore ivoriano non si accorge di Antenucci che lo anticipa da dietro ed inevitabilmente lo scalcia; scatta per lui, nel giro di un minuto il secondo giallo e deve guadagnare anzitempo gli spogliatoi. Al 40’ doppio intervento di Avella proprio sulla linea fatale con la palla respinta in seguito ad un tiro dalla bandierina. Guidi corre ai ripari e manda in campo Ceriello per mantenere intatta la linea difensiva e quando i falchetti stanno riorganizzando le idee, il Bari approfitta dello sbandamento rossoblù e passa al 43’: Bianco lavora un buon pallone sulla sinistra e fa partire un cross solo sfiorato di testa da Marras, ma raccolto dal piattone di Antenucci che solo davanti ad Avella non ha difficoltà a batterlo sottomisura. Un vero peccato per la Casertana che aveva retto bene fino ad allora alla maggiore pressione biancorossa.

SECONDO TEMPO. Si riparte con gli stessi protagonisti che hanno chiuso la prima frazione ma ora la Casertana viaggia in favore di vento. Dopo 2’ Icardi trova il mdo per battere a rete ma la sfera si perde a lato. Ben più nitida è l’occasione che si presenta a Marra qualche minuto dopo ma anche in questo caso lo specchio della porta non è in quadrato. Al 12’ Carillo in scivolata toglie la palla dalla disponibilità di Marras e sventa una pericolosa opportunità per gli ospiti. La partita scivola via in maniera quasi anonima, il Bari amministra sapientemente il vantaggio mentre la Casertana cerca seppur con affanno di mettere pressione all’avversario. Al 20’ ci prova Antenucci ad impegnare nella respinta bassa Avella, la palla sta per terminare a Marras su cui rinviene Matese con un prodigioso intervento difensivo. A 10’ dal termine Auteri ricorre a forze fresche quasi a sottolineare la volontà di gestire il vantaggio da amministrare anche in virtù della superiorità numerica. All’83’ la Casertana va in gol ma la rete è annullata per fuorigioco: un preciso lancio di Bordin pesca in piena area Carillo, ma la posizione del capitano è nettamente irregolare. Sull’altro fronte è Marras a terminare al di là della linea difensiva rossoblù ed è vanificata la parata a terra. Ma la differenza dei valori (anche individuali) in campo si propone nettamente a 3’ dal termine quando Ciriello si fa raggiungere e superare nella cosa da Montalto che si presenta davanti ad Avella e lo batte con un tocco di sinistra. Non c’è più tempo, né le forze per la Casertana per compiere l’impresa. Ci prova (ultimo ad arrendersi) capitano Carillo con un colpo di testa che Frattali devia in angolo che non viene neanche battuto per il tempo scaduto. Auteri per la prima volta nella sua carriera riesce a vincere al Pinto e per la Casertana matura la quinta sconfitta in campionato, sconfitta resa relativamente indolore dalla battuta d’arresto della Cavese (prossimo avversario dei falchetti) a Catanzaro.    

CASERTANA – BARI 0-2

CASERTANA (4-3-3): Avella; Hadziosmanovic, Konate, Carillo, Setola (83’ Valeau); Varenovic (83’ Origlia), Santoro (55’ Matese), Bordin; Icardi; Fedato (43’ Ciriello), Cuppone. A disp. Dekic, Zivkovic, Longobardo, Petito, De Sarlo, De Lucia, Pacilli, Polito. All. Federico Guidi

BARI (3-4-3): Frattali; Celiento, Sabbione, Di Cesare; Ciofani (80’ Semenzato, Bianco (68’ Lollo), De Risio, D’Orazio; Marras (89’ Candellone), Antenucci (80’ Montalto), D’Ursi (80’ Citro). A disp. Marfella, Maita, Hamlili, Simeri, Corsinelli, Andreoni. All. Gaetano Auteri

ARBITRO: Alessandro Di Graci di Como (Roberto Terenzio di Cosenza e Vincenzo Pedone di Reggio Calabri; IV ufficiale Claudio Petrella di Viterbo)

RETI: 44’ Antenucci; 87’ Montalto

NOTE: pomeriggio freddo ma terso, con folate di vento che disturbano le azioni di gioco; terreno in ottime condizioni; partita disputata in assenza di spettatori; osservato ad inizio partita un minuto di silenzio per la scomparsa del padre dello SLO Angelo Di Nuzzo; angoli 9-1 per il Bari; ammoniti Konate, Bordin, Celiento, Ciriello, De Risio, Sabbione; espulso al 38’ Konate per doppia ammonizione; recupero 1’ e 5’

12^ GIORNATA

LE GARE IN PROGRAMMA

Casertana - Bari 0-2                   

Catania - Turris  0-0                    

Catanzaro - Cavese    2-1                

Foggia - V. Francavilla 1-1             

Juve Stabia - Viterbese 2-0              

Monopoli – Vibonese 2-0                  

Paganese – Bisceglie 1-1                 

Potenza - Avellino rinviata                  

Ternana – Teramo ore 17,30

riposa Palermo

LA CLASSIFICA

Ternana  27

Teramo  23

Bari  23

Catanzaro  19

Juve Stabia  17

Turris 17

Avellino 15

Foggia 14

Catania (-2) 13

Palermo 12

Vibonese 12

Monopoli 12

Paganese  11

V. Francavilla 10

Potenza 9

Bisceglie 8

Viterbese 7

Casertana 6

Cavese 5

Trapani escluso

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vinti 14mila euro nel casertano: centrato un terno al Lotto

  • La Campania può diventare 'zona arancione' nelle prossime 48 ore

  • Va in ospedale per una colica renale ma finisce in tragedia: muore 40enne

  • Pasticcio zona rossa in Campania, oggi arriva la nuova classificazione

  • Imprenditore casertano ubriaco alla guida uccide 37enne

  • Il sindaco non ha più la maggioranza: bilancio bocciato. Dopo 18 mesi finisce l'era Golia

Torna su
CasertaNews è in caricamento