rotate-mobile
Sport

La Reggina tifa Catanzaro per la fuga decisiva. La Casertana concede il bis

Il punto della 30esima giornata. Bomber: Facundo Lescano non si ferma più

Mancano ancora due partite per mandare in archivio la 30esima giornata del girone C di Serie C, anche se tra qualche ora il campionato potrebbe essere stravolto dagli appuntamenti programmati. E’ in programma domani un consiglio federale che dovrà assumere le decisioni circa le contromisure al coronavirus con il possibile rinvio a data da destinarsi del prosieguo delle attività. Allo stato attuale, con otto partite da disputare da qui al termine, prende corpo il vantaggio della Reggina che attende la serata odierna per capire se il Bari è in grado di tenere il passo oppure può mettere una seria ipoteca sulla promozione diretta in Serie B. Al netto dei due posticipi di stasera la giornata ha offerto la miseria di 11 gol messi a segno, chiaramente il record negativo della stagione, stabilito alla 24esima giornata con 15 reti realizzate. Nessuna doppietta messa a segno e quattro i rigori trasformati. La Reggina è tornata alla vittoria, in trasferta, battendo il Picerno e portando a +10 il vantaggio sul Bari, chiamato alla pressione questa sera al Ceravolo di Catanzaro per mantenersi a -7, un handicap comunque sostanzioso a 8 turni dalla fine. Al Menti di Castellammare invece il Potenza affronta la Cavese col chiaro intento di operare il sorpasso ai danni del Monopoli e riprendersi il terzo posto in graduatoria. Podio ormai molto lontano per la Ternana che appare tutta concentrata sulla finale di Coppa Italia e che ha letteralmente mollato, cedendo – col risultato all’inglese – anche al Partenio Lombardi. Sale ancora il Catania, corsaro a Bisceglie ed i nerazzurri ormai sono destinati ai play out, sempre che riescano a recuperare un punto alla Sicula Leonzio che grazie alla vittoria sul Rende si porta a distanza di sicurezza e col trend delle ultime sei partite – fermata solo dalla Casertana in casa – in cui ha raccolto 5 vittorie appare lanciata verso la salvezza diretta. La sconfitta dei silani – al contempo – tiene ancora vive le speranze del Picerno, pur battuto dalla capolista, di evitare la scomoda coda post stagionale. In chiave play off da segnalare il blitz del Francavilla a Teramo ed il pareggio di sabato tra Vibonese e Paganese che esclude comunque per ora entrambe dalla griglia per conquistare un posto al sole. Il derby dell’alto Lazio si chiude con una inopinata vittoria del fanalino di coda Rieti ai danni della Viterbese, ma sin dal fischio finale son cominciate a circolare antipatiche voci di combine e calcio scommesse. Pare che sia stata già messa in moto la macchina delle indagini e sicuramente (ma la notizia ha tanto il sapore di una bufala) nei prossimi giorni se ne saprà di più.

Il Monopoli manda in cenere la vittoria di otto giorni fa a Reggio Calabria. Merito di una determinata Casertana che al Veneziani disputa una delle migliori partite della sua stagione e cogli – per la prima volta – la seconda vittoria consecutiva dopo aver disbrigato in scioltezza la pratica Cavese. I falchetti non hanno disputato la classica gara di contenimento come avevano fatto altre formazioni in terra pugliese. Ginestra ha disposto il suo gioco a viso aperto, fatto di veloci ripartenze dopo aver aspettato la veemenza biancoverde: alla fine le occasioni create dagli ospiti sono state di gran lunga più numerose rispetto a quelle dei locali e pur arrivato nei minuti di recupero, il successo rossoblù è stato legittimato da una condotta di gara accorta e frutto di una concentrazione estrema. Una volta tanto la zona Cesarini ha premiato la Casertana, a differenza di tante occasioni in cui essa era stata penalizzata proprio nei minuti finali; il che significa che Silva e compagni hanno saputo mettere la museruola ad un reparto avanzato tra i più teemuti dell’intero raggruppamento. Neutralizzato Fella, a turno Scienza ha schierato i vari Salvemini, Jefferson, Cuppone che non hanno quasi mai impensierito Crispino, il quale, poi, ha dato maggiore sicurezza all’intero reparto e mantenendo inviolata la sua porta per la seconda gara di fila, con un percorso netto – dal suo rientro in squadra – se si valuta come un autentico gol della domenica quello di Provenzano al Sicula Trasporti Stadium ed il successivo regalo del direttore di gara in occasione del rigore trasformato da Lescano. Ora, ove mai il campionato proseguirà in maniera regolare, i falchetti attendono il Teramo ed hanno l’opportunità di dare continuità ai risultati, magari puntando le squadre cche precedono in classifica, atteso che la salvezza ormai è decisamente nelle mani della squadra di Ginestra.

COSI’ DOMENICA. Domani è in programma un consiglio di Lega che dovrà stabilire le modalità di svolgimento delle partite nell’immediato futuro. A quanto pare non sembrano sufficienti le porte chiuse per scongiurare i pericoli da coronavirus e si pensa ad un blocco totale dei campionati. Se invece si opterà per continuare l’attività la Reggina potrebbe avvicinare sensibilmente il suo traguardo sfruttando il suo impegno interno ospitando l’Avellino. Certo è che gli irpini, confortati da una buona posizione di classifica non hanno alcunché da perdere e questo potrebbe creare qualche intoppo alla capolista che non può prescindere dai tre punti. Anche perché il Bari a sua volta ospita il Catania ed anche al San Nicola l’impegno dei padroni di casa è da prendere con le molle considerato il buon momento degli etnei. Detto dell’impegno interno della Casertana le motivazioni più interessanti sono date dal match del Viviani dove Potenza e Monopoli possono giocarsi una fetta importante nella conquista del terzo posto. Ma non è da escludere neanche Sicula Leonzio-Viterbese coi siciliani che potrebbero dare un primo colpo di grazia alle speranze del Bisceglie di arpionare i play out. Il Picerno, invece, ospite della Paganese, confida nel Catanzaro per tenere a debita distanza il Rende.

I BOMBER. In attesa di Catanzaro-Bari dove è Antenucci è intenzionato a fare il vuoto sugli inseguitori, c’è da registrare il sesto gol consecutivo (nelle ultime cinque partite) di Lescano che non sembra fermarsi più, al pari della sua squadra tutta tesa a rincorrere la salvezza diretta. Ora l’argentino è salito a quota 11 e dà la caccia ai reggini Corazza e Denis per salire sul podio dietro il barese e Fella. Gli altri quasi tutti a secco, ad eccezione di Vazquez del Francavilla che si porta a quota 9. Dopo l’errore di qualche domenica fa, l’irpino Di Paolantonio si riscatta dal dischetto mettendo in cassaforte la vittoria dell’Avellino sulla Ternana dopo che il quinto gol di Albadoro aveva aperto le danze. Impeccabile invece dagli undici metri Fabio Tito che si porta a quota 4, mentre sempre su massima punizione rompe il ghiaccio Gaston Ezequiel Corado che dà i tre punti alla Casertana a Monopoli.

30^ GIORNATA – I RISULTATI Avellino - Ternana 2-0 Bisceglie - Catania 0-1 Catanzaro - Bari oggi ore 20,45 Cavese - Potenza oggi ore 17,30 Monopoli - Casertana 0-1 Picerno - Reggina 0-2 Sicula Leonzio - Rende 1-0 Teramo - V. Francavilla 0-1 Vibonese - Paganese 1-1 Viterbese - Rieti 0-1

LA CLASSIFICA Reggina 69 Bari 59 Monopoli 57 Potenza 55 Ternana 50 Catania 47 Catanzaro 42 Teramo 41 V. Francavilla 40 Avellino 40 Vibonese 39 Viterbese 39 Casertana 38 Cavese 37 Paganese 36 Picerno 32 Sicula Leonzio 29 Bisceglie 20 Rende 18 Rieti (-5) 15

PROSSIMO TURNO (domenica 15 marzo) Bari - Catania Casertana - Teramo Paganese - Picerno Potenza - Monopoli Reggina - Avellino Rende - Catanzaro Rieti - Cavese Sicula Leonzio - Viterbese Ternana - Vibonese V. Francavilla - Bisceglie

I MARCATORI 19 reti Antenucci (Bari, 8 rig.) 17 reti Fella (Monopoli) 14 reti Corazza (Reggina (1 rig.) 12 reti Denis (Reggina, 2 rig.) 11 reti Santaniello (Picerno, 1 rig.) Perez (V. Francavilla, 2 rig.) Lescano (Sicula Leonzio, 4 rig.) 10 reti Simeri (Bari) Starita (Casertana) Tounkara (Viterbese) Volpe (Viterbese)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Reggina tifa Catanzaro per la fuga decisiva. La Casertana concede il bis

CasertaNews è in caricamento