Martedì, 28 Settembre 2021
Sport

La 17esima giornata manda in pensione l’annus horribilis

Per la Casertana si aggrava l’epidemia, appuntamento al 10 gennaio

E ringraziando la provvidenza il 2020 sta per andare in archivio, con tutte le problematiche che ha portato nelle nostre vite e di conseguenza anche nelle vicende calcistiche. Un anno a cavallo di due stagioni, la prima conclusa male con una improvvisa interruzione, la seconda cominciata peggio con pochi ed insufficienti rimedi ad una organizzazione precaria che – a tutti i costi – i padroni del vapore hanno deciso di portare avanti, spesso sfidando situazioni che potevano essere fatali. Partite rinviate una dopo l’altra, altre disputate con notevole rischio, con l’ultima ciliegina sulla torta rappresentata dalla pantomima andata in scena al Pinto quattro giorni fa le cui responsabilità vanno ancora rimbalzando da un organo all’altro, al punto tale che ora un fascicolo è presente sulla scrivania del Procuratore della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere. Un caso che anche dopo la messa in scena dello scempio si è ampliato ancor di più con ulteriore incremento di calciatori coinvolti nella pandemia e che si spera possano, al più presto risolvere il loro problemi. Attualmente sono 20 i tesserati contagiati dal Covid-19, numero forese incrementato proprio in virtù della disputa della famigerata partita con la Viterbese, quando dovettero scendere in campo tre calciatori febbricitanti, di cui, poi, due risultarono positivi al virus.

Un 2020, quindi, da mettere alle spalle in fretta e possibilmente da annoverare come un anno che al di là delle traversie tecniche ed organizzative ha intaccato anche la salute dei protagonisti. Un 2020 cominciato (il 12 gennaio) con un pareggio a Rende, quando Angelo D’Angelo per due volte agguantò il risultato dopo che i cosentini avevano messo il naso avanti. Da allora tutta una serie di risultati negativi con tanti pareggi con squadre di bassa classifica e qualche battuta a vuoto, salvo a compiere lo scatto d’orgoglio con le vittorie con la Cavese e a Monopoli, nelle due ultime partite disputate prima dell’interruzione dell’8 marzo. Vittorie che consentirono di raggiungere la sospirata salvezza, messa a rischio dal punto di penalizzazione comminata alla società per una antipatica vertenza economica nei confronti dei tesserati. Il passaggio alla stagione successiva è stato caratterizzato da un programma ridimensionato per via di altri progetti (stadio nuovo, sintetico al Pinto) che hanno indotto la società a fare scelte più lungimiranti rispetto all’aspetto tecnico attuale. La situazione attuale, ovviamente, non può essere prosperosa dal punto di vista dei risultati, ma comunque alberga nei cuori di addetti ai lavori e tifosi della speranza di poter guardare al futuro con maggiore ottimismo. Stante la situazione epidemiologica, la Casertana ha saltato l’ultima partita di campionato e in virtù delle due partite da recuperare (Bisceglie e Juve Stabia) è tornata ad occupare la penultima posizione in classifica in compagnia della Paganese, ma si conta sui due match rinviati per operare il controsorpasso su qualche diretta concorrente. La società ha annunciato che interverrà sull’imminente mercato e già circolano i primi nomi che dovrebbero rinforzare l’organico rossoblù. In particolare si parla di clamorosi ritorni (Pinna, Carriero, Turchetta) che potrebbero sposare la causa rossoblù e dare il proprio contributo per quello che è l’obiettivo principale dei falchetti.

Con i falchetti alla finestra, l’ultimo turno del 2020 ha presentato qualche sorpresa di non poco conto che hanno mutato la classifica. La capolista Ternana, forte di un buon bottino di vantaggio, riposava ma chi insegue ha sprecato buone occasioni per ridurre l’handicap. Il Bari era atteso dalla trasferta a Palermo, si portava anche in vantaggio ma doveva subire il rabbioso ritorno rosanero, concretizzato con una strepitosa punizione di Lucca che non lasciava di stucco Pelagotti, impossibilitato ad intervenire sul missile terra-aria. Ora il divario tra le due è di sei punti ed i biancorossi non hanno più il bonus della partita in meno. Ma a sancire ulteriormente la differenza tra le due è lo stato di grazia e la continuità del gioco che scandisce il cammino delle pretendenti alla Serie B.  Ancora peggio ha fatto il Teramo, per buona parte del torneo terzo incomodo tra le due favorite che è rientrato nei ranghi, uscito sconfitto dal Ventura di Bisceglie e raggiunto in graduatoria da ben quattro compagini. Bottino pieno per Avellino (di misura sulla Vibonese) e Foggia (largo a Pagani) che appaiono il Teramo, oltre al Catania e al Catanzaro che si sono divisa la posta in palio nello scontro diretto. E’ questo il pokerissimo che ora occupa la terza piazza della classifica e che daranno vita ad un vero e proprio torneo ristretto per aggiudicarsi il terzo gradino del podio. Posizione che potrebbe allettare anche la sorpresa Turris, che regolata la Cavese nel derby, ha staccato la Juve Stabia e conferma quanto di buona ha fatto vedere in questa fase ascendente del campionato. Un nota relativamente piacevole per i tifosi della Casertana che fino ad un anno fa ammiravano le evoluzioni dei tanti protagonisti dell’attuale stagione corallina. La zona che porta ai play off si chiude, attualmente con il Palermo che dopo l’iniziale balbettio ha preso a correre inanellando una serie positiva di sette risultati, appena interrotta dalla sconfitta di Foggia. La zona neutra della graduatoria vede le sconfitte di Monopoli e Vibonese, mentre Viterbese e Francavilla chiudono nel pareggio che poco scuotono la classifica, mentre in basso il colpo di coda di Bisceglie e Potenza mettono nei pasticci Casertana e Paganese che continuano a viaggiare (senza muoversi) appaiate. La Cavese, pur con qualche recente sussulto, è destinata a chiudere comunque ultima il girone di andata.

Ora si va in ‘vacanza’. Una vacanza ridotta rispetto alle ultime stagioni, dato il ritmo forsennato cui è sottoposto il campionato per chiudere il suo percorso nei tempi stabiliti. Le vacanze di Natale (e la consueta finestra del calciomercato) servirà a mettere a punto le idee e possibilmente di recuperare la condizione fisica dei calciatori in affanno. Si torna in campo il 10 gennaio con Ternana e Bari impegnate in impegni casalinghi, rispettivamente con Monopoli e la più ostica Turris. Il primo spareggio per la corsa al terzo posto prevede Teramo-Avellino mentre Cavese-Palermo è l’anticipo del sabato antecedente e Foggia-Juve Stabia costituisce il posticipo del lunedì. La Casertana torna al Pinto ospitando il Catania, con l’imperativo categorico di cogliere i primi tre punti de 2021. Un 2021 che si spera faccia voltare pagina anche al calcio, oltre che alla vita normale; per quella data auspichiamo a tutte le squadre di poter schierare le formazioni al completo e che la regolarità del torneo possa diventare la normalità delle competizioni agonistiche.      

17^ GIORNATA

I RISULTATI

Avellino - Vibonese          1-0               

Bisceglie - Teramo           1-0                 

Catania - Catanzaro         1-1               

Juve Stabia - Casertana rinviata             

Monopoli - Potenza          0-1                

Paganese - Foggia          1-4                   

Palermo - Bari                 1-1                

Turris - Cavese                2-0                 

Viterbese - V. Francavilla 2-2

             riposa Ternana

LA CLASSIFICA

Ternana                 40

Bari                        34

Teramo                  27

Catania (-2)            27

Catanzaro              27

Avellino                  27

Foggia                   27

Turris                     25

Juve Stabia            22

Palermo                 21

Vibonese                19

V. Francavilla         19

Monopoli                16

Viterbese                15

Potenza                 13

Bisceglie                13

Casertana              12

Paganese               12

Cavese                  8

Trapani                  escluso

I MARCATORI

10 reti Cianci (Potenza, 3 rig.)

9 reti  Partipilo (Ternana 1 rig.)

Falletti (Ternana 3 rig.)

Curcio (Foggia, 3 rig.)      

8 reti  Antenucci (Bari, 1 rig.)

6 reti  Pandolfi (Turris)

          Plescia (Vibonese)

          Vantaggiato (Ternana)

IL PROSSIMO TURNO

(domenica 10 gennaio 2021)

Bari - Turris                       

Casertana - Catania                  

Catanzaro - Viterbese                

Cavese - Palermo                     

Foggia - Juve Stabia                 

Potenza - Paganese                   

Teramo - Avellino                     

Ternana - Monopoli                   

Vibonese – Bisceglie

riposa Virtus Francavilla

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La 17esima giornata manda in pensione l’annus horribilis

CasertaNews è in caricamento