rotate-mobile
Calcio

Real Aversa sconfitto all'ultimo respiro

Napoli al 90' porta in vantaggio il Sant'Agata

REAL AVERSA-SANT’AGATA 0-1

REAL AGRO AVERSA: All. Liguori Mariano; Boemio (53’ Scognamiglio), Russo V. (C), Bonfini, Schiavi; Formicola (65’ Visconti), Strianese D.; Russo D., Gassama (88’ Falivene), Cavallo (92’ Petricciuolo); Strianese M. (83’ Passariello). A disp.: Russo A., Nespoli, Crispino, Romano.

CITTÀ DI SANT’AGATA: All. Vanzetto Curtosi; Casella, Demoleon, Napoli; Morleo (45’Barbara), Calafiore, Marcellino, Squillace; Vitale, Cicirello (C), Maesano (45’ Scolaro). A disp.: Dima, Amenta, Duli, Brunetti, Iania, Catalano.

MARCATORE: Napoli 89’ (S).

ARBITRO: Stefano Giordano di Grosseto.

Rintocco fatale. Quasi in sincronia con lo scocco del novantesimo, la scivolata vincente di Napoli squarcia il tabellino e regala la vittoria al Città di Sant’Agata sui titoli di coda. Una vince, l’altra perde, come nella più solenne delle leggi dello sport: sprofondo aversano con la vittoria che manca da cinque turni (due vittorie e tre sconfitte con quella di oggi). Dopo lo studio delle prime battute sono gli ospiti a bussare alla partita a ridosso del quarto d’ora. Dopo i tentativi fuori misura di Calafiore e Vitale, è lo stesso Calafiore – tra i migliori – a centrare il palo con uno splendido destro a giro da fuori area. I padroni di casa si scuotono e al 22’ rispondono con Mario Strianese: tiro deviato in angolo dalla difesa. Poco dopo è l’uomo che non ti aspetti, Vincenzo Boemio, fresco di convocazione con la rappresentativa Nazionale di categoria U18, a rendersi pericoloso per due volte con i suoi inserimenti sul secondo palo dalla destra; il numero 2 non riesce a trovare il bersaglio grosso. Al 40’ arriva la migliore occasione normanna della prima frazione. Gassama serve in profondità Mario Strianese che calcia di prima intenzione, Curtosi con il piede gli dice di no. Doppio cambio all’intervallo per gli ospiti con Vanzetto che inserisce Barbara e Scolaro per Morleo e Maesano. Il tentativo centrale di Vitale dà il la alla ripresa. Proteste ospiti al 51’ per un contatto tra Bonfini e Barbara all’interno dell’area di rigore; l’arbitro, ben posizionato, indica di proseguire. Cinque giri di lancette più tardi ci prova Cavallo, altro tiro centrale. All’ora di gioco l’errore di Vincenzo Russo in disimpegno attenta alle coronarie dei tifosi aversani; Cicirello raccoglie in area ma il suo mancino è troppo debole, Mariano c’è. Poco dopo lo stesso Mariano è costretto agli straordinari in uscita. Minuto 65, sbocco a sinistra per Mario Strianese, suggerimento per Gassama che apre a destra in direzione di Cavallo: controllo di sinistro e destro violento del numero 7 che non colpisce lo specchio sciupando un’ottima opportunità. Il match sembra avviarsi verso uno 0-0 scritto, con poche emozioni e tanto grigiore, come le nuvole che circondano il Comunale di Arienzo. Ma il calcio, come sappiamo, è governato da leggi imprevedibili: negli ultimi dodici minuti succede di tutto. Poco prima dell’area di rigore Bonfini atterra Calafiore lanciato in contropiede: rosso diretto. Sulla punizione dal limite Calafiore fa la barba alla traversa. Finale thrilling. Barbara sfonda a destra, mette un pallone in mezzo per Cicirello che sporca la conclusione, mentre Squillace non trova l’appuntamento sul palo debole: si salva la difesa che concede il corner. Sull’angolo che ne consegue ci prova Calafiore di testa, Mariano respinge e Napoli pesca il jolly in estirada. I minuti di recupero e i cambi non salvano la Real Agro Aversa. Al triplice fischio la schedina recita ‘2’.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Real Aversa sconfitto all'ultimo respiro

CasertaNews è in caricamento