rotate-mobile
Calcio

Casertana, il pari col Cerignola fa proseguire la corsa play off

Finisce 0-0 la prima partita della post season, Venturi nel finale salva i falchetti

Anche per la Casertana arriva la partita da dentro o fuori; i falchetti sono impegnati nella prima partita dei play off affrontando il Cerignola che è stata già impegnata nel primo turno, dove grazie ad una migliore classifica (scontri diretti) ha resistito alla carica del Giugliano, portando a casa un prezioso pareggio che le ha garantito il passaggio di turno. Le partite disputate lo scorso martedì hanno evidenziato un preponderante vantaggio per le squadre che giocavano in casa ed i falchetti sperano di perpetuare questo trend e passare alla fase nazionale, il cui prosieguo verrà deciso nella mattinata di domani. Cangelosi ha messo in preallarme tutto l’ambiente dicendo che i play off sono tutt’altra cosa rispetto alla stagione regolare, si parte dallo 0-0 e c’è da mettere in conto che rispetto alle partite di campionato i gialloblù foggiani hanno cambiato decisamente pelle, nella gestione del gioco e nei protagonisti, in virtù anche nel cambio della guida tecnica con l’avvento in panchina di Giuseppe Raffaele. Anche i tifosi hanno capito l’importanza del match ed in poche ore hanno polverizzato gran parte dei tagliandi che la società ha messo a disposizione. Anche per il Cerignola il numero dei sostenitori al seguito è abbastanza sostanzioso considerando il giorno e l’orario di gara.

LE SCELTE. Cangelosi conferma il mmodulo e gli uomini (quasi tutte) delle ultime uscite; fermo Proietti che va in panchina per restare nel gruppo coi compagni, sono Damian e Toscano a presiedere la zona nevralgica del campo con Carretta e Tavernelli ai lati di Curcio a sostegno dell’unica punta Montalto. Parte dalla panchina Deli, l’autore della doppietta cob la quale i falchetti hanno demolito la resistenza del Sorrento in occasione dell’ultima gara della stagione regolare. Raffaele opera due cambi rispetto alla partita col Giugliano, sostituendo i due esterni di sinistra, con Visentin in luogo di Ligi e di Russo al posto di Tendardin; i due sostituiti comunque sono regolarmente in panchina dove trova posto anche il bomber Giancarlo Malcore con D’’Andrea e Vuthaj, particolarmente prolifici nell’ultimo periodo, a formare la coppia d’attacco per mettere in difficoltà la difesa di casa. 

PRIMO TEMPO. Ritmi sostenuti sin dai primissimi minuti ma le due squadre fanno fatica a sfondare la linea Maginot predisposta dai due tecnici a protezione delle rispettive difese. La prima dozzina di giri di lancette non registra alcuna conclusione a rete, anche se il gioco dall’una e dall’altra parte risulta essere decisamente intensa. Più che una partita di calcio la gara appare come una partita a scacchi con continui cambiamenti di fronte. Il primo tiro verso la porta avversaria appannaggio della Casertana con una azione avvolgente conclusa da Tavernelli con un tiro altissimo. Di ben altro spessore il pericolo creato in risposta dai pugliesi: D’Andrea mette in movimento sulla destra Coccia il cui traversone è corretto di testa da Vuthaj e la sua conclusione sfiora il palo alla destra di Venturi. Al 25’ è ancora Casertana con una veloce ripartenza con Toscano che lancia Celiento a centro area, ma anche stavolta la conclusione è alta. Al 26’ si blocca per un problema muscolare D’Andrea che dopo un timido tentativo di restare in campo deve cedere il suo posto a Malcore. Calano dopo la mezz’ora un po’ i ritmi e si diradano ulteriormente le azioni da gol. L’ultima, se tale si può definire, è procurata da Vuthaj che appoggia per Malcore che da posizione impossibile cerca una improbabile conclusione che finisce lontanissima dai pali di Venturi. 

SECONDO TEMPO.  La ripresa comincia con gli stessi protagonisti che hanno chiuso la prima frazione, ma col Cerignola deciso a spingere dall’inizio per sbloccare la situazione. Passano 3’ e Malcore ci prova con un doppio tentativo, il primo respunto da un difensire, il secondo bloccato a terra da Venturi. La Casertana cerca di reagire immediatamente con Curcio che mette in movimento Tavernelli sulla sinistra che si gira e chiama alla parata Barosi. E’ il canto del cigno di una partita che non vedrà altre grosse conclusioni per lunghissimi tratti. Il Cerignola cerca di assumere l’iniziativa con un pressing asfissiante e la Casertana fa spesso fatica ad uscire dal guscio della sua metà campo. La partita scema di intensità e si avvia verso una lunghissima fase di stanca. I falchetti non sono brillanti come al solito, ma comunque riescono a gestire il risultato. Forse non è il top per le idee di Cangelosi comunque è utile a portare a casa il risultato e mettere maggiore pressione agli avversari che hanno necessità di vincere la partita per proseguire il cammino nei play off. Solo negli ultimi minuti gli ospiti portano l’ultimo assalto alla porta rossoblù: corre il 40 quando in occasione del secondo angolo a favore dei gialloblù, battuto da Capomaggio, il colpo di testa di Visentin trova Venturi pronto al miracolo con il salvataggio proprio sulla linea. Finisce a reti bianche ed il risultato consente alla Casertana di accedere (in qualità di testa di serie) alla fase nazionale il cui sorteggio sarà effettuato nella mattinata di domani. 

CASERTANA – CERIGNOLA 0-0

CASERTANA (4-2-3-1): Venturi; Calapai, Celiento, Bacchetti, Anastasio; Damian (79’ Casoli), Toscano; Carretta, Curcio, Tavernelli (65’ Deli); Montalto. A disp. Marfella, Fabbri, Soprano, Matese, Galletta, Sciacca, Casoli, Taurino, Turchetta, Rovaglia, Proietti, Nicoletti. All. Vincenzo Cangelosi

CERIGNOLA (3-5-2): Barosi; Martinelli (71’ Ligi), Gonnelli, Visentin; Coccia, Tascone (65’ Bianchini), Sainz-Maza, Capomaggio, Russo (65’ Tendardini); D’Andrea (30’ Malcore), Vuthaj (71’ Carnevale). A disp. Krapikas, Faress, Allegrini, Bianco, Lombardi, Rizzo, Ghisolfi. All. Giuseppe Raffaele

ARBITRO: Marco Emmanuele di Pisa (Marco Cerilli di Latina e Andrea Zezza di Ostia Lido; IV Ufficiale Emanuele Frascaro di Firenze; VAR Francesco Meraviglia di Pistoia e Salvatore Longo di Paola)

NOTE: pomeriggio mite, temperatura intorno ai 20°; terreno in perrfette condizioni; spettatori 4000 circa di cui circa 400 provenienti da Cerignola; osservato ad inizio gara 1’di silenzio per ricordare le vittime d Palermo; angoli 2-2; ammoniti Toscano, Capomaggio, Bianchini; recupero 3’ e 4’

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Casertana, il pari col Cerignola fa proseguire la corsa play off

CasertaNews è in caricamento