rotate-mobile
Martedì, 27 Febbraio 2024
Calcio

La Casertana non muore mai ed accorcia in classifica. Il punto sulla 26^ giornata

La magia di Liurni nel finale regala il quinto successo consecutivo. Frena il Sorrento e domenica c'è il big match con la Paganese

Mancano otto turni alla fine del torneo e le posizioni restano ancora in bilico, in testa e in coda. Le variazioni sono minime ed ormai anche un piccolo passo falso potrebbe rivelarsi decisivo. Anche per questo le vittorie delle prime della classe arrivano di stretta misura, mentre i risultati eclatanti si sviluppano tra squadre che hanno poco o niente da chiedere alla classifica. La giornata registra cinque vittorie tra le mura amiche, un solo pareggio e tre successi esterni; in fatto di gol il bottino è di elevato spessore, con 29 reti messe a segno, la cifra più alta dopo i 34 registrati alla ottava giornata e le squadre di casa fanno la parte del leone con 19 contro 10. Si smuove leggermente la classifica marcatori con Nicola Ferrari che si porta a ridosso di De Felice, distanziando Ingretolli che viene raggiunto da Sparacello.

FRENA IL SORRENTO. Maiuri aveva buone ragioni per temere la trasferta di Arzachena. I sardi da un bel pezzo stanno alternando i risultati non trovando più la continuità che ne aveva fatto una delle formazioni più in vista del girone. E forse è proprio la mancanza di certe responsabilità che la rendono imprevedibile e pericolosa per tutti. Il Sorrento è riuscito ad agguantare il pareggio solo al 96’ grazie all’ex falchetto Petito che tiene ancora in pista i rossoneri, che però ora si giocano il tutto per tutto nel prossimo match, in casa con la Paganese. Gli azzurrostellati di Giampà staccano i diretti concorrenti grazie al successo di stretta misura sull’Aprilia con un gol di Faiello intorno all’ora di gioco. Ora la Paganese si reca al Campo Italia con la disponibilità di due risultati su tre ma è ovvio che ancora tutto è da definire nelle restanti sette partite da qui alla fine. Perde terreno la Palmese che cade in Sardegna al cospetto del Sarrabus: qualche campanello d’allarme era suonato per Pietropinto già nella precedente gara col Cassino, quando il 32 finale era arrivato solo nei minuti di recupero ed ora i rossoneri devono guardarsi le spalle proprio dai ciociari nel difendere il quarto posto. A picco anche la Lupa Frascati alla quarta partita senza vittorie, punita tra le mura amiche dal redivivo Angri che recupera con Varsi e Barone l’iniziale svantaggio di D’Angelo. Scorrendo la graduatoria ci si imbatte nella coppia Monterotondo-Vis Artena al successo - rispettivamente – sonante ai danni dell’Uri e di misura a Pomezia. Specialmente i sardi sembrano aver esaurito la verve che l’aveva portata ad essere una delle realtà più consolidata nel girone di ritorno ed ora deve guardarsi le spalle per mantenere il sottile vantaggio che mantiene sulla zona play out. Zona che il Sarrabus rimette a debita distanza grazie alla terza vittoria consecutiva ottenuta ai danni proprio della Palmese. Sono otto le squadre impegnate per evitare la retrocessione, diretta o indiretta e tutte racchiuse nel fazzoletto di cinque punti, cosa che rende oltremodo appassionante la lotta in coda.

LA CASERTANA NON MUORE MAI. Quinta vittoria consecutiva per i falchetti che passano anche a Tivoli con un gol cercato e trovato anche con l’handicap dell’inferiorità numerica. E’ stata una autentica prodezza quella di Liurni, simile a quella di Matese contro il Nola, a dare tre punti meritati e fondamentali alla squadra di Cangelosi. Ormai la Casertana si è messa alle spalle la nomea di meteora incompiuta e grazie ad una serie incredibile di vittorie tiene ancora sulla corda le due fuggitive. Inutile stare a calcolare quanti punti può rosicchiare a Paganese e Sorrento, la cosa essenziale è che continui a fare bottino pieno dovunque e comunque, poi – inevitabilmente – dovranno essere le avversarie a conteggiare le partite che possono permettersi di fallire. La strigliata urbi et orbi di Cangelosi dopo il match di Frascati ha dato i suoi frutti: i falchetti hanno recepito la lezione e prima col Pomezia hanno chiuso la partita nell’arco dei primi 45’ e ieri a Tivoli hanno tenuto per l’intero match, soffrendo e sacrificandosi anche con l’uomo in meno e trovando il giusto premio con gli uomini subentrati dalla panchina. Purtroppo per Sabatino e compagni non c’è altra alternativa al risultato pieno in tutte le occasioni, consci come sono di dover centrare un obiettivo che ad un certo punto appariva solo una chimera. La parte finale della stagione è per la Casertana un elastico che i falchetti devono tendere fino alle estreme conseguenze, badando bene di non spezzarlo per non vanificare il tutto. Ci riusciranno i nostri eroi? Intanto stanno dimostrando di avere i numeri e gli attributi giusti, l’impegno non manca ed anche una certa proditorietà, altrimenti non si spiega la vittoria di Tivoli, ottenuta all’ultimo respiro, grazie ad una autentica invenzione, contro una squadra che con un pizzico di sagacia in più poteva anche spezzarne definitivamente le ali grazie all’uomo in più.

COSI’ DOMENICA. Non sarà decisiva per il verdetto finale, ma Sorrento-Paganese potrebbe essere molto indicativa per l’esito del campionato. Solo una improbabile vittoria degli ospiti potrebbe dare un indirizzo più tangibile al lungo braccio di ferro tra le due, anche perché poi la squadra di Maiuri deve far visita alla Casertana alla quintultima giornata. Per ora però i falchetti pensano solo alla partita che li vedrà opposti alla Vis Artena, forte di tre successi consecutivi e ancora nelle potenzialità di agguantare i play off. Le recenti tre vittorie sono state ottenute a Monterotondo, con l’Arzachena in casa e a Pomezia, il che la dice lunga sulle caratteristiche della squadra di Agenore Maurizi. Per il reesto la giornaata propone un’interessante Palmese-Monterotondo, Ilvamaddalena-Cassino ed il derby laziale Aprilia-Lupa Frascati. Sull’isola è in programma il derby Atletico Uri-Arzachena, mentre il Sarrabus è atteso a Nola. Campania contro Lazio in Angri-Pomezia e Portici-Tivoli.

25^ GIORNATA

I risultati

Arzachena - Sorrento                                1-1         

Cassino - Portici                           5-0               

Lupa Frascati - Angri                    1-2        

Monterotondo - Atletico Uri           5-1     

Nola - Ilvamaddalena                    2-1            

Paganese - Aprilia                        1-0          

Pomezia - Vis Artena                    0-1        

Sarrabus - Palmese                      2-1  

Tivoli – Casertana                        2-3

La classifica

Paganese                       53

Sorrento                         51

Casertana                       46

Palmese                         43

Cassino                          40

Lupa Frascati                  39

Arzachena                      36

Monterotondo                  35

Vis Artena                       35

Sarrabus                         32

Atletico Uri                      30

Portici                             29

Nola                               29

Angri                               29

Aprilia                             28

Tivoli                               26

Ilvamaddalena                 26

Pomezia                         25

I marcatori

14 reti   De Felice (Paganese)

13 reti   Ferrari (Casertana)

11 reti   Ingretolli (Cassino)

             Sparacello (Nola)

10 reti   Aloia (Atl. Uri)

             Massella (Pomezia)

9 reti     Sartor (Arzachena)

             Gaetani (Sorrento)

                         

            

PROSSIMO TURNO

(domenica 12 marzo 2023)

Angri - Pomezia                     

Aprilia - Lupa Frascati              

Atletico Uri - Arzachena             

Casertana - Vis Artena               

Ilvamaddalena - Cassino              

Nola - Sarrabus Ogliastra            

Palmese - Monterotondo           

Portici - Tivoli                     

Sorrento - Paganese 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Casertana non muore mai ed accorcia in classifica. Il punto sulla 26^ giornata

CasertaNews è in caricamento