rotate-mobile
Calcio

La Casertana cala il poker e risorge nel derby con il Sorrento

Doppio Mansour, D'Ottavi e Pambianchi firmano il successo che scaccia la crisi di risultati

Tre sconfitte consecutive hanno minato non poco tutte le certezze che la Casertana aveva collezionato nelle prime dodici gare del campionato. E così, mentre il torneo si avvia ad affrontare gli ultimi quattro turni prima del giro di boa, i falchetti partiti coi favori del pronostico che si devono alla squadra più blasonata, si ritrovano ora a rincorrere le dirette concorrenti. Al Pinto arriva il Sorrento, team che in passato ha scritto pagine di storia anche a livello nazionale, ma oggi relegata al rango di dilettante e, considerata la rosa rossonero, l’impegno – come tutti del resto – non è affatto da prendere sottogamba. Specialmente da una squadra (quella di casa) che deve assolutamente invertire la rotta se vuol tenere fede alle premesse della vigilia di campionato. Il meteo concede qualche giorno di tregua, dopo aver flagellato l’intera penisola e ci sono le premesse per assistere ad un incontro dagli alti contenuti tecnici e spettacolari ma i deludenti risultati delle ultime uscite tengono ancora i tifosi rossoblù lontano dal botteghino

LE SCELTE. Maiuri rivoluziona la squadra rispetto ai preventivi della vigilia. Esordio assoluto in campionato per Bovenzi tra i pali, mossa che consente al tecnico di giostrare i giochi in fatto di Under; confermato esterno basso a destra Chinappi, mentre a centrocampo resta in panchina Maresca al rientro dalla squalifica per far posto a Carannante; confermato in avanti al fianco di Mansour e Favetta (che rientra dai due turni di squalifica il giovane D’Ottavi, autore del gol del momentaneo pari a Francavilla. Cioffi dal canto suo conferma in toto o quasi la formazione che ha vinto e convinto contro il Bisceglie, con l’unica eccezione di Cassata al posto di Tedesco che affiancherà il terminale offensivo Iadaresta. In panchina anche Francesco Pio Petito, l’unico ex rossoblù, acquistato nei primissimi giorni del calciomercato di dicembre

PRIMO TEMPO. Pronti via e c’è un fortuito scontro tra Vicente e Iadaresta che restano a terra per qualche minuti e si rende necessario l’intervento dei sanitari per soccorrere i due atleti: tra l’altro Iadaresta rientra in campo con una vistosa fasciatura al capo. Le due squadre si affrontano prevalentemente a centrocampo con vistose difficoltà di superarsi vicendevolmente. Al 13’ scocca la scintilla sulla fascia sinistra: Monti si avventura in un’azione che conclude con un tiro verso la porta, la palla attraversa l’area e arriva sulla zona opposta dove Mansour di prima intenzione calcia dal basso verso l’alto bucando la porta di Volzone. La reazione ospite è praticamente inesistente e favorisce il ragionamento rossoblù, che nell’arco di 2’ dal 20’ al 22’ mettono in ghiaccio il risultato. Prima un’azione ben manovrata che parte dal cerchio di centrocampo con Vicente e Feola che vert6icalizza e trova D’Ottavi pronto a raccogliere e battere Volzone. Quindi un altro cross di Monti dalla sinistra trova puntale alla deviazione di testa ancora Mansour che angola bene la traiettoria e porta a tre le reti della Casertana. Cioffi capisce che non è un buon pomeriggio per la sua squadra e alla mezz’ora cambia tre elementi del suo undici, tra cui Iadaresta che probabilmente non si è ripreso dallo scontro verificatosi al 1’. La prima occasione per gli ospiti arriva al 39’ su calcio di punizione con il neo entrato Gargiulo che colpisce la traversa, ma l’azione è stata vanificata dalla posizione irregolare di un compagno. Nei 3’ di recupero concessi dal signor Ramondina di Palermo c’è un tentativo di La Monica che incocciando su uno stinco di un difensore rossoblù sta per ingannare Bovenzi che retrocedendo riesce a bloccare la sfera.

SECONDO TEMPO. La ripresa si apre senza altre sostituzioni dopo le tre operate da Cioffi alla mezz’ora del primo tempo. Il Sorrento sembra essere rigenerato dalla strigliata, ma dopo qualche scaramuccia iniziale, la Casertana riprende immediatamente il comando delle operazioni. Monti conquista un angolo che va a battere egli stessso pescando sul primo palo la testa di Pambianchi, la cui perentoria deviazione non concede scampo a Volzone. Al 64’ Mezavilla chiama alla respinta Bovenzi che poi riesce ad intercettare anche la successiva conclusione di Gargiulo. Paga del punteggio la Casertana rallenta i ritmi del gioco lasciando spesso l’iniziativa al Sorrento che però non ha nelle gambe la spinta necessaria per impensierire i rossoblù. Brividi rossoblù per un’altra traversa colpita da gargiulo ed al rientro in campo della sfera Mezavilla non riesce nel tap in vincente. Nei minuti finali il Sorrento viene avanti alla ricerca del gol della bandiera e concede ampi spazi ai falchetti che con Vicente chiamano alla respinta a terra il portiere Volzone. Non succede più nulla neanche nei 3’ di recupero: i falchetti tornano alla conquista dei tre punti e mettono fine ad una crisi che era diventata preoccupante. 

CASERTANA – SORRENTO      4-0

CASERTANA (4-3-3): Bovenzi; Chinappi, Di Somma, Pambianchi, Monti; Feola (63’ Maresca), Vicente, Carannante (87’ Criscuolo); Mansour (87’ Cusumano), Favetta (72’ Liccardi), D’Ottavi (77’ Rossi). A disp. Trapani, Felleca, Sambou, Cusumano, Criscuolo, Capitano. All. Vincenzo Maiuri

SORRENTO (3-5-2): Volzone; Manco (31’ Tedesco), Mezavilla, Mansi; Rizzo, La Monica, Virgilio, Carrotta (31’ Marciano), Romano (74’ Cacace); Cassata (61’ Petito), Iadaresta (31’ Gargiulo). A disp. Del Sorbo, Ferraro, Sannino, Acampora. All.: Renato Cioffi

ARBITRO: Fabrizio Ramondino di Palermo (Vincenzo Abbinante di Bari e Vincenzo Andreano di Foggia)

RETI: 13’ Mansour; 20’ D’Ottavi; 22’ Mansour; 52’ Pambianchi

NOTE: pomeriggio sereno e luminoso, temperatura intorno ai 10°; terreno in perfette condizioni; spettatori 300 circa con una cinquantina di tifosi ospiti; angoli 3-2 per il Sorrento; ammoniti Carannante; recupero 3’ e 3’  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Casertana cala il poker e risorge nel derby con il Sorrento

CasertaNews è in caricamento