rotate-mobile
Martedì, 18 Gennaio 2022
Calcio

La Casertana annulla la fuga del Bitonto. Il punto della nona giornata

Secondo blitz esterno dei falchetti. Tra i bomber avanzano Favetta, Felleca e Liccardi

Con la disputa del recupero tra Nocerina e Casertana si completa la nona giornata di campionato nel girone H della Serie D. Si torna a segnare con maggiore densità, sono 28 le reti siglate, un buon numero anche se lontano dal picco massimo (34) toccato in occasione della settima giornata. Tre le vittorie in trasferta, a fronte delle quattro riportate dalle squadre di case e tre pareggi, mentre i gol casalinghi sono stati 16 contro i 12 delle viaggianti. Si allungano le strisce senza sconfitte di Bitonto e Casertana, non a caso prima e seconda in classifica, mentre restano ancora a bocca asciutta in fatto di vittorie Brindisi e San Giorgio. Terza sconfitta consecutiva per il Casarano che vede allargarsi a dismisura il divario dalla vetta, molto ampio per una pretendente alla promozione.

IL BITONTO TENTA LA FUGA... Con le due inseguitrici in divano, il Bitonto si porta a +7 in classifica battendo in casa, in rimonta l’Altamura. Dopo un primo tempo terminato sull’1- 1 la squadra di Claudio De Luca ha faticato non poco per piegare la resistenza biancorossa cogliendo i tre punti solo al 2’ di recupero. Unitamente al Casarano, battuto dalla doppietta di Palumbo della Mariglianese per terreno anche il Cerignola, cui non è bastato il quarto gol di Achik per regolare il redivivo Nardò tenuto a galla da De Giorgi. Accende la freccia il Fasano che approfitta del jolly col Brindisi per superare in classifica Molfetta e Casarano. Un rocambolesco 3-3 pescato nel recupero dal Gravina frena la corsa del Lavello che pure si mantiene in scia, come pure il Francavilla deve accontentarsi dell’1-1 col quale il Nola conquista il primo punto esterno del torneo. Tre punti di platino del Bisceglie in casa della Virtus Matino mentre non fa più notizia la vittoria del Rotonda questa volta ai danni Molfetta. Come pure non fa notizia la sconfitta del Brindisi arrivata all’ottavo ko in nove partite. Il Sorrento infine torna alla vittoria dopo quattro tentativi andati a vuoto battendo il San Giorgio di Nicola Romaniello che non riesce a riemergere dai bassifondi della classifica, anzi vede quasi tutte le dirette concorrenti per la salvezza allontanarsi sempre più.

…MA LA CASERTANA NON CI STA. Il big match della giornata era quindi rappresentato dallo scontro tra le due inseguitrici del Bitonto, rinviato di tre giorni e giocato nel primo vero giorno decisamente invernale con pioggia e vento che hanno disturbato non poco le evoluzioni delle giocate in campo. Al termine di una gara ben giocata da entrambe le formazioni la spunta la Casertana che piega la Nocerina che finora non aveva concesso tra le mura amiche neanche le briciole agli avversari. Quindi il solco che la capolista aveva scavato domenica pomeriggio è stato in parte mitigato e la squadra di Maiuri lancia un segnale forte e chiaro a tutte le pretendenti alla vittoria finale. A cominciare proprio dalla Nocerina che finora aveva un percorso pressoché netto, cedendo solo al Rotonda e che poteva vantare una difesa di tutto rispetto avendo subito in 8 gare solo 3 gol, proprio quanti gliene ha rifilato la Casertana nell’arco dei 90’ del San Francesco. Si dirà che la Casertana è riuscita a dilagare solo grazie all’espulsione (54’) di Conson, ma anche nel corso della prima frazione i falchetti avevano tenuto testa ai titolati avversari. Il secondo tempo che sta divenendo ormai il talismano della Casertana ha visto la superiorità dei falchetti che hanno sciorinando un gran gioco, creato tante occasioni e demolito la resistenza dei molossi che al di là della qualità della sua rosa non ha potuto opporre una reazione alle folate rossoblù che ha pescato anche nella panchina le energie necessarie per annientare le residue speranze dei locali. Raramente Maiuri si lascia andare a proclami e promesse, ma alla vigilia il tecnico (ex della partita) aveva ostentato una sicurezza non comune nel pronosticare il successo dei suoi. Segno di una consapevolezza che prende sempre maggior corpo e di una presa di coscienza della qualità e dello spessore del suo gruppo, per la prima volta ieri al gran completo. Dopo aver conquistato sette punti nei tre scontri con Casarano, Cerignola e Nocerina ora Rainone e compagni sanno che devono tenere alta la tensione anche nelle partite di più abbordabile levatura. E contro queste dirette concorrenti il bottino poteva essere anche pieno se lo sciagurato 95’ non avesse consentito al Cerignola un inopinato pareggio.

BOMBER, FAVETTA PUNTA IL PRIMATO. Il bel momento della Casertana viene legittimato anche dalla prolificità dei suoi attaccanti. Con 17 reti all’attivo i rossoblù vantano il secondo miglior attacco alle spalle di Lavello e Cerignola, con un incremento sensibile nelle ultime tre giornate dopo che nelle primissime giornate i successi erano venuti unicamente di misura. Avanzano Favetta che grazie al secondo rigore realizzato si porta a cinque gol, mentre poco indietro Liccardi e Felleca raggiungono Vacca a quota 3. Cambio della guardia in testa dove ora comandano Burzio (doppietta per il lucano) e Ferreira (7) che staccano Santoro (6) e subito dopo il nolano D’Angelo raggiunge l’ex leader Pozzebon ormai a secco dalla doppietta della sesta giornata. Oltre al già citato Palumbo della Mariglianese l’altra doppietta di giornata è opera di Pasquale Iadaresta del Sorrento che così fa il suo ingresso in classifica marcatori.

COSI’ DOMENICA. Il prossimo turno offre diversi elementi da prendere in considerazione. A cominciare dal derby pugliese tra Gravina e Bitonto con gli ospiti chiamati a confermare il più che felice momento. Il ‘Vicino’ non si è certo mostrato finora il fortino per il Gravina che vi hanno perso tre delle cinque partite disputate, ma i locali sentono tanto la sfida contro i cugini e hanno tanta voglia di infliggere loro il primo dispiacere di stagione. La Nocerina cerca il riscatto ma la trasferta di Molfetta non è quella delle più agevoli e poi è in programma una partita quasi ad eliminazione diretta tra Cerignola e Lavello. Di tutto ciò può approfittare la Casertana che ospita la Virtus Matino con la non tanto segreta speranza di rosicchiare altri punti alla leader del raggruppamento. I leccesi non sono in un momento favorevole avendo collezionato cinque sconfitte in queste prime nove gare e sulla carta non dovrebbero creare soverchie preoccupazioni alla squadra di Maiuri. Le restanti gare servono a stabilizzare una graduatoria che si va sempre più sgranando e che potrebbero consolidare le posizioni di Fasano e Casarano alle prese con San Giorgio e Brindisi; Bisceglie (col Francavilla) e Nardò (con la Mariglianese) cercano punti importanti per scalare ulteriori posizioni; chiude alfine il derby al Comunale di via Seminario tra il Nola ed il Sorrento.

I RISULTATI

Bitonto - Altamura 2-1
Brindisi - Fasano 0-1
Cerignola - Nardò 1-1
Francavilla - Nola 1-1
Lavello - Gravina 3-3
Mariglianese – Casarano 2-0
Nocerina - Casertana 1-3
Rotonda - Molfetta 3-0
Sorrento - San Giorgio 3-1
Virtus Matino – Bisceglie 0-1

LA CLASSIFICA

Bitonto 23
Casertana 19
Nocerina 17
Lavello 17
Francavilla 16
Cerignola 15
Fasano 14
Molfetta 13
Casarano 12
Mariglianese 12
Bisceglie 12
Sorrento 12
Gravina 10
Nola 10
Rotonda (-8) 9
Altamura 8
Virtus Matino 8
Nardò 8
San Giorgio 4
Brindisi 1

I MARCATORI

7 reti Burzio (Lavello)
Ferreira (Rotonda)
6 reti Santoro (Bitonto)
5 reti Pozzebon (Molfetta, 1 rig.)
Favetta (Casertana, 1 rig)
D’Angelo (Nola)
4 reti Malcore (Cerignola, 1 rig.)
Achik (Cerignola)
Cristaldi (Nardò)
Liurni (Lavello)
Cristaldi (Nardò)
Figliolia (Nola, 2 rig.)
Tedesco (Altamura)

PROSSIMO TURNO
(domenica 7 novembre)

Altamura - Rotonda
Bisceglie - Francavilla
Casarano - Brindisi
Casertana - Virtus Matino
Cerignola - Lavello
Città di Fasano - San Giorgio
Gravina - Bitonto
Molfetta - Nocerina
Nardò - Mariglianese
Nola - Sorrento

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Casertana annulla la fuga del Bitonto. Il punto della nona giornata

CasertaNews è in caricamento