rotate-mobile
Calcio

La Juventus NG ferma la corsa della Casertana nei play off

I bianconeri ribaltano lo svantaggio dell’andata e vanno ai quarti

A quattro giorni dalla gara di andata Casertana e Juventus Under 23 si ritrovano di fronte nella sfida decisiva valida per il passaggio ai quarti di finale de play off di Serie C. L’esperienza ed l cinismo che è valsa la vittoria al Moccagatta deve essere legittimata da 90’ del Pinto, con i padroni di casa che dopo aver acquisito il doppio vantaggio nel giocare la gara di ritorno in casa e contare su due risultati su tre si avvale anche della possibilità di perdere la partita con un gol di scarto per superare l turno. Ma questa è una eventualità che i falchetti non vogliono neanche prendere in considerazione e sospinti dal Pinto al limite della capienza hanno la ferma intenzione di ribadire la propria superiorità e dare u segnale significativo alle altre concorrenti in corsa per la promozione in Serie B. Tutta una città, unitamente alla provincia che la Casertana rappresenta ha dopo la vittoria all’andata ha preso coscienza che l’impresa tentata da Cangelosi e la sua truppa sta per tramutarsi da sogno in realtà e la bolgia nella quale si sta tramutando l’impianto di Viale Medaglie d’Oro sarà un ulteriore punto a favore per i rossoblù che possono mettere in difficoltà i virgulti discesi dal Piemonte, poco avvezzi a simili palcoscenici.

LE SCELTE. Cangelosi deve rinunciare a Bachetti, uscito malconcio dal match di Alesandria ed al suo posto torna dal 1’ Sciacca; variazione a centrocampo con l’ingresso di Casoli, con l’esclusione di Tavernelli con Carretta e Curcio a sostegno di Montalto. Parte ancora tra i rincalzi Proietti che potrebbe essere buttato nella mischia nel caso sorgesse la necessità di addormentare la partita.  Brambilla è orfano degli squalificati Pedro Felipe e Nonge col primo che ha saltato anche la gara di andata; il secondo invece cede la maglia a Cerri e rinuncia a Comenencia a favore di Cerri; per il resto sono confermato gli stessi protagonisti del Moccagatta; partono ancora dalla panchina Mulazzi e Da Graca.

PRIMO TEMPO. La Juventus deve trovare la vittoria col doppio gol di scarto per coltivare sogni di qualificazione e cerca di sorprendere la Casertana sin da subito e non è passato neanche un minuto quando trova il primo angolo della gara. Al 2’ Sekulov si presenta davanti a Venturi che lo ipnotizza deviandogli la conclusione ancora in corner. La prima dozzina di minuti sono di assoluta sofferenza per i falchetti che assistono impotenti alla sfuriata bianconera; al 6’ Haza, palla al piede fa oltre trenta metri e spara di poco alto sopra la traversa. Al 10’ Sekulov corregge di testa un cross proveniente dalla destra ma spedisce fuori. All’11’ va alla conclusione Cerri ma anche la sua mira non è precisa ed un minuto dopo c’è la prima conclusione locale con Montalto che dalla distanza non trova lo specchio della porta. La partita si sblocca al 18’: Un lancio dalle retrovie trova Savona libero sulla destra, l’appoggio al centro è per Mbangula il cui tentativo viene respinto male dalla difesa rossoblù, sulla palla si avventa Sekulov che deve solo appoggiare in rete. La Casertana rischia ancora al 24’ con Haza che pesca ancora Sekulov che si presenta davanti a Venturi che gl respinge di piedi il tentativo. Solo ora la Casertana cerca di cominciare a giocare alla sua maniera e Curcio approfitta di uno scivolone per impegnare Daffara a terra. Alla mezz’ora Mbangula elude la sorveglianza di Celiento e mette al centro dove Guerra sfiora il palo alla destra di Venturi. La frazione si chiude con un colpo di testa di Anastasio su corner di Toscano la l’esterno rossoblù spedisce a lato.

SECONDO TEMPO. La ripresa vede il cambio in casa Casertana con Cangelosi che torna al 4-2-3-1 inserendo Tavernelli al posto di Casoli. La Casertana si fa subito pericolosa con Montalto che chiama ad un primo di una lunga serie intervento del portiere ospite Daffara. Ma è fuoco di paglia perché la Juventus ribalta la situazione generale col 2-0 con Cerri che dalla sinistra batte sul primo palo Giacomo Venturi. La Casertana cerca di reagire e su angolo di Carretta Celiento impegna severamente Daffara costretto a respingere di piede. Al 18’ ci prova l’ex della gara Curcio ma la sua conclusione è alta. Al 20’ Montalto solo davanti a Daffara si fa respingere la conclusione. Passano 3’ e sugli scudi sale Mbangula che impegna Venturi i una respnta corta che finisce sui piedi di Haza che appoggia a Guerra che non ha difficoltà a superare l’estremo difensore di casa. Al 28’ Venturi si oppone in angolo ad un tentativo di Mbangula. Al 43’ Paglino, appena entrato, mette al centro per la testa di Rovaglia ed anche in questa occasione Daffara nega il gol della bandiera. Ma nulla può al secondo di recupero quando l’iniziativa di Paglino viene premiata da un diagonale preciso che questa volta supera Daffara. E’ troppo tardi per una definitiva rimonta da parte dei falchetti che lasciano la corsa dei play off comunque ringraziati dagli applausi del pubblico che li gratifica per la stagione che si conclude in maniera deludente, ma pur sempre ricca di soddisfazioni.

CASERTANA – JUVENTUS NG           1-3

CASERTANA (4-3-2-1): Venturi; Calapai, Celiento, Sciacca, Anastasio (88’ Paglino); Damian (75’ Deli), Toscano, Casoli (46’ Tavernelli); Carretta (75’ Taurino), Curcio; Montalto (75’ Rovaglia). A disp. Marfella, Russo, Fabbri, Soprano, Bacchetti, Matese, Galletta, Turchetta, Proietti, Nicoletti. All. Vincenzo Cangelosi

JUVENTUS NG (3-4-3): Daffara; Savona, Muharemovic, Stramaccioni; Mbangula (86’ Anghelé), Hasa, Damiani (75’ Deli), Rouhi; Sekulov (75’ Comenencia), Guerra (86’ Salifou); Cerri (75’ Da Graca). A disp. Scaglia, Fuscaldo, Mulazzi, Iocolano, Palumbo, Stivanello, Turicchia, Perrotti, Bonetti. All. Massimo Brambilla

ARBITRO: Andrea Zanotti di Rimini (Davide Santarossa di Pordenone e Mattia Morotti di Bergamo; IV Ufficiale Daniele Virgilio di Trapani; VAR Ivano Pezzuto di Lecce e Livio Martinelli di Tivoli)

RETI: 18’ Sekulov; 48’ Cerri, 68’ Guerra; 92’ Paglino

NOTE: serata mite nonostante la leggera pioggia caduta nelle ore antecedenti la partita, terreno in perfette condizioni; spettatori 6000 circa; osservato ad inizio gara 1’ di silenzio per la scomparsa del D. G. della Pergolettese Cesare Fogliazza; angoli 7-5 per la Casertana; ammoniti Celiento, Sciacca, Da Graca; recupero 1’ e 3’

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Juventus NG ferma la corsa della Casertana nei play off

CasertaNews è in caricamento