rotate-mobile
Calcio

Ferrari segna e rilancia la Casertana

I falchetti tornano alla vittoria dopo la sconfitta di Sorrento

La Casertana torna al Pinto per affrontare il Portici, cercare di portare a casa l’intera posta in palio e sperare che le squadre che precedono in classifica possano perdere punti preziosi nella corsa alla promozione. Ad una di esse (l’Arzachena) è già toccato di inciampare nell’anticipo di ieri ad opera del fanalino di coda Aprilia in una sconfitta interna che fa il paio con quella del derby con l’Atletico Uri di qualche settimana fa ed ora scocca il campanello d’allarme in casa sarda per il reiterarsi di questi scivoloni interni. Tornando ai falchetti, c’è spirito di rivalsa in casa rossoblù per lo stop subito a Sorrento, ma anche il Portici ha di che lamentarsi rispetto all’ultima uscita per il pareggio subito al 4ì di recupero. Ci sono gli auspici per una gara vibrante tra le due formazioni coi locali che non possono prescindere da una vittoria e gli ospiti alla ricerca almeno del pareggio.

LE SCELTE. Panarelli cambia modulo ed interpreti alla formazione iniziale: si torna al 4-3-3 con Paglino che rientra nella linea difensiva e Onazi nel tridente di mediana. Un turno di riposo per Favetta soppiantato al centro dell’attacco da Ferrari che agisce tra Guida e Bollino. Parte dalla panchina anche l’ultimo arrivato Maro Soprano, pronto a dar man forte al reparto arretrato in caso ci sia un vantaggio da difendere. Anche Sarnataro opera dei cambi rispetto all’ultima esibizione contro il Pomezia. Dentro dall’inizio Pelliccia, Maranzino e Filogamo in luogo di Numerato, Castagna e Riccio, con questi ultimi due che partono dalla panchina. Confermato il trio avanzato Amato, Diop e Senese.

PRIMO TEMPO. Ritmi sostenuti sin dall’avvio di gara: il primo tentativo a rete arriva al 4’ con Casoli che dalla distanza conclude di poco a lato. Il Portici risponde un minuto dopo con Filogamo che non riesce a deviare nello specchio un cross di Scorza. Al 7 Feerrari, spalle alla porta, non può tirare e serve Guida la cui conclusione è centrale e facile preda di Schaeper. Al 9’ un pregevole schema da angolo orchestrato da Onazi e Casoli invita alla conclusione di testa di Vacca che spedisce alto. Passa un minuto e lo stesso Vacca recupera palla sulla tre quarti e si porta al tiro che finisce sul fondo. Al 12’ Mirante colpisce male da buona posizione e spreca una ghiotta occasione. Il Portici prende coraggio e comincia a macinare gioco con un possesso palla quasi ininterrotto. Al 19’ su angolo di Di Gennaro Maraucci colpisce di testa sfiorando il palo alla sinistra di Romano. La Casertana fa fatica ad uscire dalla propria metà campo ed il Portici produce il massimo sforzo con una veloce ripartenza al 24 che provoca una mischia da brividi che i falchetti riescono a sventare. E’ il canto del cigno dei biancazzurri che esauriscono la propria vena propulsiva, Al 27’ su corta respinta della difesa Casoli colpisce ma chiude troppo il tiro che si perde a lato. Al 33’ un malinteso della difesa ospite offre a Bollino l’assist per la testa di Vacca che termina alto. Passa un minuto ed il solito cross di Casoli trova la testa di Ferrari alla finalizzazione vincente per il vantaggio rossoblù. Il resto della frazione è di marca rossoblù col tentativo di Paglino che da buona posizione va al tiro che colpisce lo stinco di Mirante e termina in corner. Si chiude qui la rima frazione.

SECONDO TEMPO. La ripresa si apre senza variazioni, ma sulla falsariga del finale di primo tempo con la Casertana sempre in avanti: al 6’ una punizione di Bollino termina sull’esterno della rete dando alla tribuna l’impressione del gol. Al 15’ il solito bel suggerimento di Casoli dalla destra, questa volta per la testa di Guida che non trova lo specchio. Comincia la girandola di cambi che offrono ai falchetti la possibilità di gestire il vantaggio, ma non apportano significativi benefici al Portici che deve rincorrere. Gli ospiti si fanno vivi al 28’ quando Paglino respinge corto sui piedi di Amato che con un bolide spedisce ai lati della porta rossoblù. E’ l’ultimo brivido per Romano, poi nel finale la Casertana almeno due nitide occasioni per addoppiare: prima Favetta colpisce la traversa piena e quindi Bollino si porta in area e offre la sfera a Casoli che tutto solo spara addosso a Poerio che era subentrato a Schaeper. Finisce con la vittoria rossoblù che riduce nuovamente le distanze dalla capolista battuta a Cassino, ma le altre concorrenti dirette vincono a loro volta e la situazione resta pressocché invariata.

CASERTANA – PORTICI 1-0

CASERTANA: Romano, Paglino (77’ Galletta V.), Rainone, Sabatino, Sena; Vacca, Casoli, Onazi (65’ Tringali); Guida (65’ Favetta), Ferrari (81’ Soprano), Bollino. A disp. Prisco, Galletta V., Cugnata, Darini, Galletta U., Esposito E. All. Luigi Panarelli

PORTICI: Schaeper (81’ Poerio), Scorza, Maraucci, Di Gennaro, Mirante (69’ Castagna), Pelliccia, Maranzino, Amato (81’ Marino), Diop, Senese, Filogamo (60’ Festa). A disp. Stallone, Amendola, Riccio, Esposito G., Ferraro.  All. Salvatore Sarnataro

ARBITRO: Michele Maccorin di Pordenone (Alessandro Castellari di Bologna e Paolo Roselli di Avellino)

RETE: 34’ Ferrari

NOTE: pomeriggio luminoso e tiepido, terreno in perfette condizioni; spettatori 600 circa; angoli 5-4 per la Casertana; ammoniti Onazi Mirante, Maranzino, Tringali, Sforza; ossservato 1’ di raccoglimento ad inizio gara per commemorare le vittime del nubifragio di Ischia; recupero 5’ e 5’

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ferrari segna e rilancia la Casertana

CasertaNews è in caricamento