rotate-mobile
Lunedì, 30 Gennaio 2023
Calcio

Bus in fiamme, al vaglio i video dell'agguato: 85 tifosi della Casertana rientrati solo in nottata

I supporter rossoblu scortati fino al 'Pinto': alcuni di loro erano visibilmente spaventati

Una domenica infernale finita solo poco dopo le 22, quando due nuovi mezzi ha accompagnato a casa 85 tifosi della Casertana rimasti bloccati a Pagani dopo l’assalto dei supporter locali che hanno incendiato un autobus di Mataluna.

Scortati da carabinieri e polizia, alle 22,12, i tifosi dei falchetti sono arrivati nel piazzale davanti lo stadio sotto ‘Pinto’ sotto la supervisione della Questura di Caserta in sinergia con la dirigenza della Casertana, chiudendo così una giornata amara. “Da parte della nostra società va l’abbraccio a tutti i tifosi che hanno vissuto momenti di paura che con il calcio nulla hanno a che vedere” si legge in una nota del patron D’Agostino.

Una condanna degli eventi è arrivata anche dal sindaco di Caserta Carlo Marino che ha espresso “”la più ferma condanna nei confronti degli intollerabili atti di violenza che hanno colpito i tifosi della Casertana in trasferta a Pagani. Si è sfiorata la tragedia e i nostri ragazzi hanno corso un rischio enorme. Ai tifosi va la massima vicinanza della Città, così come solidarietà esprimiamo alla Casertana Calcio. Questi sono episodi di pura delinquenza, che offendono lo sport e la convivenza civile. Mi auguro quanto prima che i responsabili di questi comportamenti criminali vengano assicurati alla giustizia”.

Le indagini su quanto accaduto sono affidate alla Questura di Pagani. Al vaglio ci sono decine di video girati durante i momenti dell’assalto, col fumogeno lanciato sopra l’autobus dei tifosi casertani che ha poi preso fuoco. Solo per un miracolo nessuno è rimasto bloccato all’interno del mezzo. Al termine degli scontri si sono contate 5 persone ferite.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bus in fiamme, al vaglio i video dell'agguato: 85 tifosi della Casertana rientrati solo in nottata

CasertaNews è in caricamento