rotate-mobile
Domenica, 21 Aprile 2024
Sport

Stadio e futuro del calcio, 'patto' tra sindaco e principe Emanuele Filiberto

Entro il 14 giugno dovrà arrivare una risposta alle richieste del presidente del Real Aversa

Un colloquio di circa 45 minuti, per sancire un ‘patto’: “Un mese e mezzo per trovare una soluzione sullo stadio, e per decidere cosa fare del calcio ad Aversa”. Questo in sintesi il messaggio che è emerso dall’incontro tra il sindaco di Aversa, Alfonso Golia, e il Principe Emanuele Filiberto di Savoia ieri pomeriggio nella sala consiliare del Municipio normanno. Le richieste sono nette, probabilmente si potranno smussare solamente gli angoli ma il nuovo presidente del Real Aversa vuole avere una gestione dello stadio ‘Bisceglia’ per “almeno tre ore al mattino e tre ore al pomeriggio, di tutti i giorni della settimana. Poi chiaramente nel momento delle gare ci dovrà essere una gestione diretta per preparare il campo”. La ‘dead-line’ è stata fissata al prossimo 14 giugno, quando le parti si ritroveranno di nuovo per capire se si potrà fare calcio ad Aversa. All’incontro presenti anche Roberto Romano e Marco Girone per la maggioranza mentre col Principe si sono presentati anche l’avvocato Mario Griffo e il suo fedelissimo Nazario Matachione. In poche parole solamente con la gestione dell’impianto “si potrà fare veramente calcio ad Aversa, è una conditio sine qua non”. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stadio e futuro del calcio, 'patto' tra sindaco e principe Emanuele Filiberto

CasertaNews è in caricamento