menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
20100303064558_MAZZARRI

20100303064558_MAZZARRI

Calcio, Mazzarri: 'Abbiamo cuore e mentalit per arrivare in fondo'

Napoli - "Non guardiamo la classifica, possiamo giocarcele tutte al massimo". Walter Mazzarri tira la volata. Il tecnico azzurro si prepara all'ultimo quarto di campionato e lancia il suo Napoli verso un unico obiettivo: affrontare con la massima...

"Non guardiamo la classifica, possiamo giocarcele tutte al massimo". Walter Mazzarri tira la volata. Il tecnico azzurro si prepara all'ultimo quarto di campionato e lancia il suo Napoli verso un unico obiettivo: affrontare con la massima concentrazione la parte conclusiva della stagione.

Mister, da Napoli-Bologna a Bologna-Napoli: è passato un intero girone di Walter Mazzarri. Che bilancio trae?
"Beh, assolutamente positivo, ma questo è sotto gli occhi di tutti. Contro il Bologna debuttai al San Paolo e ad essere sinceri si respirava nell'ambiente una profonda aria di sfiducia che si percepiva chiaramente. Da quella partita in poi abbiamo ricostruito una mentalità nuova e pian piano si è ricreato il grande entusiasmo che ci ha spinto in alto. Abbiamo ottenuto una serie positiva che ha dello straordinario, in assoluto abbiamo conquistato 18 risultati utili su 19 rimontando tantissimi punti sulle squadre più accreditate questa estate ad essere ai vertici della classifica. Sono risultati che vanno oltre le aspettative".

Dal match con la Roma esce un Napoli che non muore mai...
"Questa è una squadra che getta sempre il cuore oltre l'ostacolo. Ma a dire il vero con la Roma meritavamo di più. Abbiamo creato palle gol limpide nel primo tempo e potevamo segnare per primi. Su tutte voglio ricordare quella capitata a Maggio dopo un'azione spettacolare condotta da Lavezzi e Quagliarella. In questo momento siamo una delle squadre che produce il miglior gioco in Italia e che è arrembante contro qualsiasi avversario. Questo è l'aspetto che per me conta. Poi in un campionato ci sono periodi di vacche magre e vacche grasse. L'importante è affrontare tutte le partite con la mentalità di dare sempre il massimo".

Inutile nascondersi: oggi il Napoli punta dritto all'Europa...
"Sì, ma sapete che io non guardo la classifica. Ho chiesto ai ragazzi di fare il nostro calcio e di non pensare alle sorti delle altre squadre. Io voglio che la mia squadra dia il massimo, poi tireremo le somme. Pensate che io ho in testa di vincerle tutte da qui alla fine. Chiaramente sarà impossibile ma lo dico per far capire quale spirito ci anima all'interno dello spogliatoio. Anche perché poi al termine di quest'anno dobbiamo creare i presupposti per costruire la prossima stagione".

Mister, 4 mesi in azzurro: che sensazioni ha oggi?
"Napoli è la piazza che ho sempre sognato. Sin da giovane, anche quando facevo il secondo di Ulivieri, pensavo: che bello sarebbe avere la panchina azzurra. Per me allenare il Napoli rappresenta il massimo. Il fuoco che ha dentro questa città è lo stesso che ho dentro io. La passione di Napoli appartiene alla mia personalità. Non ci ho pensato un solo secondo quando mi è arrivata la telefonata di De Laurentiis. La mia non è stata una scelta ragionata, ma una scelta di pelle e di entusiasmo. E spero che questa avventura possa portarci lontano..."

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Autostrada liberata dopo 10 ore di inferno. "Andiamo a Roma"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento