menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
080232_caccia

080232_caccia

Caccia, dal primo Settembre parte la stagione venatoria. Arcicaccia polemizza con WWF

(Roma) Dal primo Settembre in molte realtà i cacciatori potranno dedicarsi alla loro passione nel rispetto di quanto prescrivono i calendari venatori delle Regioni.Il Coordinamento di FACE-Italia desidera rivolgere a nome delle Associazioni...

(Roma) Dal primo Settembre in molte realtà i cacciatori potranno dedicarsi alla loro passione nel rispetto di quanto prescrivono i calendari venatori delle Regioni.Il Coordinamento di FACE-Italia desidera rivolgere a nome delle Associazioni Venatorie aderenti (ENALCACCIA, FEDERCACCIA, LIBERA CACCIA e ANUU) e con il condiviso intendimento dell'ARCICACCIA, a tutti i cacciatori un cordiale saluto ed un sincero "in bocca al lupo" in occasione dell'avvio della stagione venatoria.Questo augurio non può prescindere dal richiamo al puntuale rispetto dei canoni che presiedono alla tutela del territorio, dell'ambiente e degli habitat, di cui per tradizione il cacciatore ha sempre dato prova di fedeltà. Il tutto in armonia col mondo agricolo e con le altre componenti sociali con cui da sempre, e ancor più da oggi, è necessario correttamente confrontarsi.
E' comune intendimento procedere speditamente nell'avviato percorso tra le citate AA.VV. riconosciute aderenti a FACE Italia (ENALCACCIA, FEDERCACCIA, LIBERA CACCIA e ANNU) e con la partecipazione di ARCICACCIA, alla realizzazione, in unità di intenti, di un Organismo unitario confederativo che rappresenti con voce collegiale i doveri, gli interessi e le finalità da perseguire nella fase evolutiva della legislazione nazionale in corso e nel pieno rispetto della normativa Europea.Da ultimo, ma certamente non da ultimo, si raccomanda il più scrupoloso rispetto delle norme di prudenza e sicurezza che garantiscano una serena stagione venatoria.
In merito alle tradizionali polemiche del WWF per la storica "apertura" parziale, limitata ad alcune specie, a partire dai primi di settembre, il Presidente nazionale dell'ARCI Caccia, Osvaldo Veneziano, ha dichiarato:
"Nulla di nuovo nella comunicazione del WWF. Il problema principale di un ambientalismo dei "TAR" forse è quello di far spendere ai cittadini denaro pubblico per "Ricorsi" e "spese legali". Sfugge loro che il quadro di riferimento tecnico delle cosiddette pre-aperture è quasi ovunque, in Italia, quello fissato dai parametri dell'ISPRA e questi sono i riferimenti sui quali le Regioni convengono anche laddove hanno ricevuto osservazioni. Questo chiude qualsivoglia polemica.
Per far rispettare le leggi e prevenire reati, in questi giorni e nei prossimi, saranno all'opera, insieme al Corpo Forestale dello Stato e agli altri Organi di Polizia preposti a questo lavoro, centinaia di Guardie Volontarie delle Associazioni Venatorie. A tutti la nostra gratitudine per il loro fattivo impegno ad essere nelle campagne a contrastare il bracconaggio laddove va combattuto.
La contraddizione di un certo ambientalismo invece - di cui cittadini non sono informati - è che la gestione della caccia, in Italia, è compito degli Ambiti Venatori laddove non ci sono solo i cacciatori "cattivi" ma anche rappresentanze di altre categorie e degli Enti Locali. A "governare" tra le Associazioni, ci sono anche quelle ambientaliste che gridano allo "scandalo" nel comunicato odierno.Taluni di questi rappresentanti (e taluni anche cacciatori!!) sono presenti anche in Regioni ove il WWF, nel suo comunicato "sale in cattedra" per "sentenziare bocciature". Per essere trasparenti, facciamo notare che quando questi signori sono chiamati a gestire per valorizzare la "fauna bene comune" deliberando negli Ambiti Venatori, accade che gli ambientalisti "giustizieri" dimenticano la "perentorietà" e il rigoroso rispetto della scienza e si "acconciano" a più miti consigli anche, purtroppo, assecondando posizioni delle parti più estremiste del mondo venatorio nelle operazioni più negative di "ripopolamento".

Comunque dopo agosto verrà settembre, e il 23 settembre, a Bruxelles l'Associazione BirdLife International (riferimento pluricitato e chiamato in causa), "fonte sacra" che abbevera il "pensiero del WWF", parteciperà ad un importante Convegno insieme all'Associazione dei Cacciatori Europei (compresi quelli italiani) per discutere di Direttive Europee: "Scandaloso!".
La domanda che facciamo al WWF è: ritiene necessario, solo in Italia, mantenere questo gioco delle parti? A chi giova?All'Italia NO di certo!"

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento