Sport

Olimpiadi 2012, Clemente Russo sconfitto da Usyk manca l'oro ma tutta Marcianise e' gia' pronta per festeggiare i suoi campioni

Marcianise - Clemente Russo ha dimostrato, pur non riuscendo a prevalere contro l'ucraino Oleksandr Usyk e quindi a conquistare l'oro, di essere ancora uno dei migliori Pesi Massimi del Panorama internazionale. Contro il Campione del Mondo in...

080510_Russo_vs_Usyk_medaglie3

Clemente Russo ha dimostrato, pur non riuscendo a prevalere contro l'ucraino Oleksandr Usyk e quindi a conquistare l'oro, di essere ancora uno dei migliori Pesi Massimi del Panorama internazionale. Contro il Campione del Mondo in carica (alloro conquistato a Baku 2011, ndr), Tatanka ha sfoderato una grandissima prestazione, che però non è stata sufficiente per conquistare l'oro nei 91Kg. Cosa che, però, non gli impedisce di entrare nella storia del Pugilato italiano: Russo è infatti uno dei sei pugili italiani (insieme a Cammarelle, che è arrivato alla Terza) a poter dire di aver conquistato due medaglie ai Giochi Olimpici. Con l'argento di oggi, Tatanka bissa quello conquistato a Pechino 2008. Edizione nella quale i due si erano affrontati nei quarti e quella volta a vincere fu Russo per 7-4. In questi 4 anni, però, l'ucraino è molto maturato, divenendo un grandissimo boxer.
Il Match con Usyk - al quale l'azzurro è giunto dopo le vittorie contro l'angolano Silva (WO), il cubano Larduet (12-10) e l'azero Mammadov (15-13) - è stato uno dei migliori di questa edizione delle Olimpiadi. I due pugili, diretti dall'arbitro kazako Risbayev, non si sono mai risparmiati e hanno enttrambi cercato costantemente di prevalere l'uno sull'altro. Alla fine ha avuto la meglio la costanza di rendimento e il ritmo di Usyk, avuti per tutti i nove minuti. Nei primi tre, però, un Russo, molto chiuso e pronto a entrare di rimessa, si portava sul 3-1, mettendo in costante difficoltà il fortissimo avversario che non gli riusciva a prendere le misure.
Usyk, da Campione del Mondo quale è, aumentava il ritmo dei suoi colpi e la pressione su tatanka nella seconda, che l'azzurro è riuscito solo in parte a contrastare. Il round si chiudeva, infatti, sul 7-5 per l'ucraino, che così rimetteva in parità la contesa. Nella terza Usyk metteva la freccia, anche se Clemente cercava di rispondere colpo su colpo. Il pugile ucraino, grazie al parziale di 6-3 (totale 14-11, ndr), ha fatto sua l'intera posta e si è messo al collo l'oro. A premiare i due pugili, oltre ai terzi Mammadov (Aze) e Pulev (Bul), sono stati il membro italiano del CIO, Franco Carraro, e Mr Ted Tanner dell'AIBA.

Poco prima della finalissima dei Massimi, è andata in scena la premiazione dei 64Kg, che ha visto Vincenzo Mangiacapre prendersi la sua meritata medaglia di bronzo. Nella categoria di Murzy, l'oro è andato al cubano Sotolongo, che in semifinale aveva battuto l'azzurro, mentre al secondo posto si è piazzato l'ucraino Denys Berinchyk. Al terzo posto, insieme a Mangiacapre, si è accomodato il mongolo Uranchimeg.
Ora a Marcianise, patria delle due medaglie olimpiche, è tutto un fermento nell'organizzare la festa di rientro di Clemente Russo e Vincenzo Mangiacapre oltre che di Domenico Valentino. Un pullman li andrà ad accogliere a Roma Fiumicino e da lì li porterà a casa. Ieri sera, schermi giganti al Bar Californa nel popoloso quartiere Puzzaniello di Marcianise. Giornali e tv nazionali hanno seguito insieme ai tifosi il match della finale di Clemente Russo. Tanta amarezza per non aver potuto festeggiare il podio più alto, ma grande soddisfazione per il risultato dei pugili marcianisani. Oltre ad amici e familiari, tantissimi tifosi a partire dal maestro Mimmo Brillantino, il presidente dell'Excelsior Alessandro Tartaglione, la medaglia olimpica di Los Angeles 1984 Angelo Musone, il presidente della Provincia Domenico Zinzi ed il presidente del Coni Michele De Simone.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Olimpiadi 2012, Clemente Russo sconfitto da Usyk manca l'oro ma tutta Marcianise e' gia' pronta per festeggiare i suoi campioni

CasertaNews è in caricamento