Sport

Il Napoli supera la Fiorentina 3-1 e conquista la quinta Coppa Italia. Doppietta di Insigne e gol di Mertens

Napoli - Il Napoli supera la Fiorentina 3-1 e conquista la quinta Coppa Italia della propria storia (dopo quelli del 1961-62, 1975-76, 1986-87 e del 2011-12). La Finale di TIM Cup è iniziata con 45 minuti di ritardo per problemi di ordine pubblico...

064005_Napoli_TimCup

Il Napoli supera la Fiorentina 3-1 e conquista la quinta Coppa Italia della propria storia (dopo quelli del 1961-62, 1975-76, 1986-87 e del 2011-12). La Finale di TIM Cup è iniziata con 45 minuti di ritardo per problemi di ordine pubblico legati ad incidenti accaduti al di fuori dello stadio Olimpico di Roma.
Il Napoli parte forte e al 6' si rende pericoloso su angolo dalla sinistra. All'11' i partenopei passano in vantaggio con un destro a giro di Insigne che si insacca a fil di palo. Poco prima del quarto d'ora Callejon scende sulla fascia di competenza e crossa al centro, con Neto che in uscita riesce ad anticipare Higuain. Al 17' la palla attraversa l'area e arriva ad Insigne, che di prima indirizza in porta e, complice la deviazione fortuita di Tomovic, porta in doppio vantaggio i suoi. La doppietta di Insigne però spegne gli azzurri e carica i viola, che al 25' danno il primo segnale di ripresa con una conclusione dalla distanza di Borja Valero. Al 28' i viola accorciano le distanze con Vargas che si inserisce centralmente su assist di prima di Ilicic e fulmina Reina, sorpreso dal trovarsi il calciatore viola tanto libero all'interno della sua area. Al 38' Higuain arriva al tiro da posizione defilata, ma Neto non fa fatica a bloccare la conclusione centrale dell'argentino. Al 41' taglio a pescare Borja Valero, con Reina che lo anticipa in uscita. Prima di mandare le squadre nello spogliatoio l'arbitro annulla, su segnalazione del guardalinee, un gol di Aquilani per fuorigioco.
Nella ripresa Montella si gioca la carta Mati Fernandez, in campo al 56' al posto di Pasqual, imitato dal collega Benitez che inserisce Mertens poco dopo per Hamsik. La gara vive una fase bloccata, con le due formazioni che cercano il gol senza correre rischi, ed i portieri praticamente non devono mai intervenire, se non per rilanci dal fondo. Benitez al 69' sostituisce anche il terminale Higuain con Pandev, e Montella dopo due minuti, decide di rilanciare Giuseppe Rossi, in campo dopo un lungo infortunio. Le mosse sbloccano il match, che si infiamma nel giro di pochi minuti. Prima Mati dalla distanza costringe Reina alla deviazione in angolo con una violenta conclusione da fuori, poi Pandev arriva a tu per tu col portiere viola, bravo a respingere il suo tocco ravvicinato. Al 79' Inler tocca Ilicic da dietro a metà campo e riceve il secondo giallo della partita, guadagnando anzitempo gli spogliatoi e costringendo il suo allenatore a togliere Insigne, il migliore dei suoi, per correre ai ripari con Behrami. L'allenatore della Fiorentina decide di giocarsi il tutto per tutto e inserisce il secondo attaccante, Matri, che va a rilevare Aquilani. A cinque dal termine clamorosa palla gol per Ilicic, che arriva solo davanti al portiere, ma di sinistro calcia a lato. Gli ultimi minuti si disputano nella metà campo del Napoli, prima ci prova Matri calciando fuori dal limite, poi Mati Fernandez dalla distanza, ma al secondo minuto di recupero Mertens spegne i sogni di rimonta viola e sancisce la vittoria dei partenopei in TIM Cup.
Il Presidente del Napoli De Laurentiis e il tecnico azzurro Benitez sono intervenuti in conferenza stampa al termine del match contro la Fiorentina. Benitez ha dichiarato: "La cosa più importante è stato lo spettacolo visto in campo tra le due squadre, che volevano vincere e hanno giocato un bel calcio. Sono soddisfatto per noi, per tutta la gente che ha lavorato con noi e per tutti i tifosi che aiutano la squadra ogni giorno".
"Insigne? In questi mesi ha lavorato tantissimo, meritava di giocare, se l'Italia pensa al Mondiale lui è un giocatore importantissimo. Sono molto contento per lui".
"All'inizio sembrava una partita in discesa per noi, ma la Fiorentina è una buona squadra, ha fatto gol e ha giocato bene. Noi abbiamo fatto bene la fase difensiva e abbiamo poi colpito in contropiede. Il bilancio è molto positivo. Oggi in campo abbiamo visto una squadra in crescita, che ha ancora voglia di crescere".

"Vincere qualcosa è sempre importante, è una grande soddisfazione, è un successo particolare perché è arrivato subito il primo anno. Dobbiamo essere tutti contenti. La rosa è forte, ha voglia di vincere e questa vittoria servirà da esempio per il futuro. Per vincere bisogna iniziare a vincere".
Raggiante Aurelio De Laurentiis: "Mi fa piacere aver vinto due volte in tre anni la TIM Cup. E' un risultato prestigioso anche perché ci consentirà di giocarci ancora la Supercoppa. Mi fa piacere per Rafa, che ha vinto il suo primo trofeo al primo anno in Italia con il Napoli. Lui ha dato molto al calcio internazionale era impossibile che non facesse bene in Italia. I festeggiamenti? In occasione di Napoli-Cagliari condivideremo la coppa con i nostri tifosi".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Napoli supera la Fiorentina 3-1 e conquista la quinta Coppa Italia. Doppietta di Insigne e gol di Mertens

CasertaNews è in caricamento