Sport

De Rossi: 'Mi piacerebbe salutare Pirlo al Maracana' con la Coppa in mano'

Ha smaltito in 24 ore la cervicalgia che lo aveva costretto a saltare l'allenamento di lunedì. Ieri mattina Daniele De Rossi ha lavorato regolarmente e poi si è presentato in sala stampa a Casa Azzurri. Come sempre mai banale, il centrocampista...

062950_daniele_derossi

Ha smaltito in 24 ore la cervicalgia che lo aveva costretto a saltare l'allenamento di lunedì. Ieri mattina Daniele De Rossi ha lavorato regolarmente e poi si è presentato in sala stampa a Casa Azzurri. Come sempre mai banale, il centrocampista azzurro ha affrontato le domande dei cronisti presenti partendo dalla sua collocazione in campo: "Non credo di essere insostituibile nel ruolo davanti alla difesa che mi ha affidato il mister. Ad esempio ritengo Thiago Motta uno dei migliori al mondo come mediano. Ha magari meno esplosività del sottoscritto, ma più classe. Penso sia esagerato definire il nostro centrocampo come il migliore del mondo dopo una sola partita. Diciamo che da anni abbiamo un gran reparto, con giocatori che per caratteristiche si completano. Prandelli ha avuto l'intuizione di farci giocare in un certo modo proprio per sfruttare la tecnica che abbiamo e che permette di resistere meglio al gran caldo. Comunque - dichiara - preferisco che si parli di me per le vittorie della squadra".
De Rossi è al terzo Mondiale, l'ultimo con il suo grande amico Andrea Pirlo: "Manifestazioni come l' Europeo, ma soprattutto un Mondiale rimagono dentro. Ricordo con emozione anche quello negativo in Sudafrica. Con Pirlo ho condiviso tutto, a partire dalla stanza per dormire, c'è piena sintonia a livello umano. La gente lo ama perchè oltre ad essere un campione in campo, lo è anche nei comportamenti. Spero di no, ma a quanto ho capito dopo il Brasile abbandonerà l'azzurro. Sarebbe bello salutarci al Maracanà con la Coppa in mano. Io mi sento bene e lo dimostrano le prestazioni sia nella Roma che in azzurro. A me la Nazionale piace da morire e finchè mi sentirò così, sarò felice di farne parte".
A prescindere dal risultato che otterrà, questa Nazionale sta dimostrando ancora una volta di essere un grande gruppo, dimenticando le rivalità del campionato: " Il campionato a volte rende meno lucidi ed è comunque giusto che ci sia rivalità. Ma appena si arriva in Nazionale si dimentica tutto e quello che fino ad una settimana prima era un avversario, diventa, con la maglia azzurra addosso, il compagno da aiutare nei momenti di difficoltà".Ed ora sotto con la Costa Rica, finora tra le sorprese di inizio mondiale. "Dobbiamo avere la paura giusta. Non ci sono più squadre deboli, molti giocatori militano in Europa, sono competitivi. E' meglio che abbiano vinto con l'Uruguay, altrimenti avremmo rischiato di sottovalutarli, ora no. Vincere potrebbe garantirci una qualificazione virtuale. A Recife, alle 13, Il caldo ci sarà sia per noi che per loro e a tutti servirebbe ricorrere al time-out".De Rossi e i social network: "Non mi piace parlare con i tifosi con il mio nome riconoscibile. A volte uso nomi inventati per comunicare con amici e parenti".

De Rossi ed il ritiro appartato di Mangartiba: "Capisco che allenarsi in mezzo alla gente procuri goia soprattutto ai bambini, ma per preparare al meglio un Mondiale, avere meno gente intorno mi aiuta molto. Questo è il miglior ritiro che ho frequentato. E comunque il popolo brasiliano è splendido, può essere il Mondiale più bello e gioioso della storia e speriamo non sia macchiato da incidenti".
Infine Daniele De Rossi, grande appassionato di basket, rende omaggio a Marco Belinelli, primo cestista italiano a vincere il campionato Nba con gli Spurs: "Ha fatto qualcosa di storico e se l'è meritato, partendo dalla gavetta-dice De Rossi-sono felice per lui come lo sarei per ogni italiano capace di imporsi in qualsiasi manifestazione sportiva".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

De Rossi: 'Mi piacerebbe salutare Pirlo al Maracana' con la Coppa in mano'

CasertaNews è in caricamento