rotate-mobile
social

La zeppola di San Giuseppe ha origini latine: ecco come è stata inventata

La storia di questo dolce dagli antichi Romani fino ai giorni nostri

Da Bacco a Venere, le origini latine della zeppola di San Giuseppe. Il 19 marzo, giorno di San Giuseppe, si celebra la festa del papà, festeggiata con la zeppola di San Giuseppe.

A raccontare le origini dell'immancabile dolce che sarà sulle tavole nel giorno dedicato ai papà è la scrittrice Antonella Casaburi. Questo dolce ha origini antichissime che risalgono ai "Liberalia", la festa di primavera dei Romani indetta ogni anno in onore di Libero - Dioniso - Bacco, della fertilità delle donne, degli uomini e della Natura. Il dolce dei latini era una frittella di frumento di cui parlano Catone il Censore e il cuoco Apicio. E pare che la forma del dolce, già all'epoca rotonda e anulare, fosse un omaggio alle forme sinuose della dea Venere.

Nel 1852 Ippolito Cavalcanti, duca di Buonvicino, per la festa del 19 marzo, San Giuseppe, mette nel menu dei "tortanetti" fritti nell'olio che richiamano l'antico dolce dei latini. Delle zeppole di Cavalcanti, definite "specialità tutta napoletana", parlerà lungamente il giornalista Emanuele Rocco, che pure sottolinea il legame del dolce con la festa di San Giuseppe: il 19 marzo.

Dalle frittelle romane, passando per la prima ufficiale ricetta che risale alla fine del 1800 con il napoletano Cavalcanti, il dolce con cui si celebra San Giuseppe è arrivato fino ai giorni nostri. Tipico dolce fritto campano, ma oramai diffuso in tutta la penisola, la zeppola di San Giuseppe rappresenta il piatto tipico della festa del papà.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La zeppola di San Giuseppe ha origini latine: ecco come è stata inventata

CasertaNews è in caricamento