rotate-mobile
Domenica, 25 Settembre 2022
social Curti

"Fammi ballà", il nuovo singolo del rapper casertano Antonio Santo

Ha iniziato a scrivere musica solo pochi anni fa quasi per caso ma ha all'attivo già numerosi brani

Una passione per la musica, il rap in particolare, nata pochi anni fa ma che l'ha già portato ad ottenere importanti riconoscimenti in termini di numeri attraverso le principali piattaforme per ascoltare musica. Antonio Santo, 21enne di Curti, sta bruciando le tappe. Ma chi è Antonio Santo? "E' un ragazzo - ha affermato - di 21 anni che abita a Curti, ha una passione per il teatro, che studia da 11 anni, per la cinematografia, che ha studiato per 5 anni, per la musica, che scrive da 4 anni. Sono una persona molto estroversa a primo impatto, cerco sempre di stare al centro e intrattenere chi mi sta attorno, però allo stesso tempo ho un lato introverso, amo stare da solo, nei miei pensieri e nei miei problemi. Questo mi aiuta tanto a scrivere, a buttare su carta le situazioni, i momenti più significativi della mia vita, belli o brutti che siano".

Antonio si è avvicinato alla musica quindi da pochi anni, eppure ha subito dimostrato di avere feeling con questa forma d'arte e di avere tanto da dire, attraverso le note: "La passione per la musica nasce totalmente a caso. Studiando da anni teatro e prendendo ispirazione anche dalla mia insegnante Roberta, drammaturga, ho iniziato ad avere questa voglia di scrivere, inizialmente piccole poesie, poi, grazie all’aiuto di un mio compagno di classe al liceo 'Garofano' di Capua, Alessandro, con la passione per le produzioni musicali, ci siamo uniti e abbiamo iniziato a scrivere canzoni. Parliamo del 2017 ed oggi mi sento pronto a mostrare a tutti quello che scrivo".

Ogni persona ha un proprio musicista preferito e questo vale anche per chi fa o vorrebbe fare di quest'arte il suo 'lavoro'. Ma non è detto che non si possa avere come idolo un cantante che fa un genere completamente diverso dal proprio. E questo è proprio il caso di Antonio: "Il mio artista preferito è completamente lontano dal genere che faccio, ovvero il rap, ma è stato fondamentale durante tutto il corso della mia vita, parlo di Vasco Rossi, il mio idolo, un frontman assurdo, i suoi live sono puri spettacoli, le sue canzoni visionarie e avanti nel tempo. Tutto questo mi ha dato tanti incipit e idee per me stesso e per la mia musica. Se, invece, vogliamo avvicinarci più al mio genere, seguo molto Marracash, Fabri Fibra, Izi e Salmo, artisti rap e underground che mi hanno aiutato davvero tanto in questi anni a migliorarmi".

Dal punto di vista musicale Antonio sta ottenendo importanti riconoscimenti per i suoi lavori: "L’ultimo singolo uscito è stato 'Fammi Ballà', brano di cui vado molto fiero perchè è stato una prova, un esperimento per me e per il pubblico. Sta andando molto bene e sono orgoglioso di questo piccolo risultato. I brano non è ispirato a nessuno in particolare, è nato con un canovaccio semplice e d’impatto, volevo creare una canzone per tutti, che faccia restare con i piedi per terra ma che dia motivazione, con un bel ritornello da locale e una musicalità estiva. Non so se ci sono riuscito, però spero di sì". Il brano è online su tutte le piattaforme digitali come Spotify, youtube, Apple music, Amazon music e non solo.

Una carriera iniziata pochi anni fa ma molto produttiva: "Ho molti brani all’attivo, ma solo 4-5 li reputo validi come , gli altri o sono molto vecchi od obsoleti, magari da remixare e ri-pubblicare in maniera inedita. Per non parlare di tutte le persone che ho conosciuto in questi anni grazie alla musica e tutte quelle che oggi, sia come spalla nei momenti bui che per altro, mi hanno aiutato a migliorarmi e a migliorare la qualità delle mie canzoni. Parlo di Pierluigi, Roberto, Nicolò, Andrea, Vittorio, Alessandro, Davide e tutte le persone che mi ascoltano e credono in me perché se credo ancora nei miei mezzi e in quello che faccio è grazie a loro".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Fammi ballà", il nuovo singolo del rapper casertano Antonio Santo

CasertaNews è in caricamento