Giovedì, 18 Luglio 2024
social

"La Tavola del Re": l'incontro tra gusto e storia dei Borbone firmato da Sasà Martucci

Presentato il percorso di degustazione dedicato alla Reggia di Caserta

Quando sapori, storia, cultura e innovazione si uniscono non possono che dar vita ad un capolavoro di menù. E lo sa bene Sasà Martucci che ha realizzato un percorso di degustazione dedicato alla Reggia di Caserta. "La Tavola del Re", dove la parola chiave è la territorialità. Un omaggio al monumento più importante del territorio ovvero la Reggia di Caserta e al contempo la celebrazione di una tradizione culinaria che ha caratterizzato la corte borbonica con l'utilizzo di ingredienti e vini locali. In un locale completamente rinnovato ieri, lunedì 20 maggio, è stato svelato in anteprima il nuovo percorso di degustazione che sarà disponibile nella pizzeria I Masanielli di via Vivaldi.

Un evento esclusivo che ha visto la partecipazione del direttore della Reggia, Tiziana Maffei, dell'assessore ai Beni culturali del Comune di Caserta, Enzo Battarra, di una delegazione dell'Ais Campania con Pietro Iadicicco e il presidente Tommaso Luongo. Così Sasà Martucci ha presentato l'evento in anteprima: "Un momento speciale che è stato l'occasione per presentare non solo il nuovo percorso di degustazione, ma anche per mostrare il restyling della pizzeria, con i diversi interventi di abbellimento che rispettano la mia filosofia di territorialità e sostenibilità ambientale. Il percorso degustazione è frutto di un lungo e meticoloso lavoro di ricerca. Abbiamo selezionato con cura le migliori materie prime, sperimentato nuove tecniche di cottura e studiato gli archivi storici per rendere omaggio alla mia città. La Reggia di Caserta è un punto di convergenza di tutte le eccellenze territoriali e patrimonio mondiale che ci invidia tutto il mondo".

La Tavola del Re - Sasà Martucci

Cinque portate abbinate a 4 vini e ad un amaro, per un menù degustazione che i clienti di Sasà Martucci dovranno prenotare sul sito almeno 48 ore prima per immergersi in un percorso culinario studiato nei minimi particolari. Si comincia con "Boccone del Re", un cracker di farina integrale, ragù di cinghiale, formaggio sbrinz e basilico, abbinato al Pallagrello Nero delle cantine Il Verro. Un boccone che è un esplosione di sapori. Si prosegue con "Regale Armonia", una pizza al padellino con stracchino, trota salmonata marinata, puntarelle e fragole. Qui è la freschezza dei sapori a farla da padrona. Ad accompagnare la pizza un pallagrello bianco di Cantina di Lisandro.

"Scrigno Borbonico" è il piatto clou, eccellente: un calzone al forno con fagiano confit, fior di latte, asparagi e marzolino di bufala. Abbinato ad un pallagrello bianco delle Vigne Chigi. La portata centrale dal sapore delicato e deciso al contempo. Si conclude con un altro boccone, anche in questo caso dal sapore deciso, con "Caccia Reale": una montanarina con lepre in salmì, fior di latte e pecorino stagionato. Davvero strong. Anche in questo caso in abbinamento con un pallagrello bianco ma delle cantine Alois.

In chiusura c'è "Gelosia", freschezza per il palato con una nota dolce ma croccante. Un gelato fior di capra con crumble di nocciole e fave di cacao, amarene semicandite e cialda millefoglie. In abbinamento un amaro, AmaRe della distilleria Petrone. Bisogna solo prenotare e immergersi nella storia con questo percorso di degustazione con cui Sasà Martucci e il suo staff rievocano la storia dal punto di vista culinario tenendo fede alle tradizioni di un tempo. Cinghiale, trota salmonata, fagiano e lepre, must dell'epoca che sono stati combinati in maniera eccellente con formaggi e vino. Un'esperienza unica, con materia prima di alta qualità. Ne vale assolutamente la pena. Non resta che provarlo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"La Tavola del Re": l'incontro tra gusto e storia dei Borbone firmato da Sasà Martucci
CasertaNews è in caricamento