rotate-mobile
Martedì, 18 Giugno 2024
social Castel Volturno

Le 5 cose da non perdere a Castel Volturno

Tanti turisti affollano le spiagge in estate, ma ci sono tante bellezze da visitare (e forse valorizzare)

Castel Volturno è una città che - soprattutto in passato - ha vissuto momenti d'oro. Negli ultimi anni sta ritornando a raccogliere consensi soprattutto da parte dei turisti che affollano le spiagge in estate. Ma ricordiamo che c'è anche tanto altro, andiamo a scoprire insieme le 5 cose da non perdere a Castel Volturno. 

Castello e Borgo di San Castrese

È un castello costruito dai castaldi intorno al X secolo e fondato come luogo fortificato, per difendersi dalle incursioni saracene. Col tempo il castello subì della modifiche, e fu innalzata un'altra torre per volere di Radiperto, vescovo longobardo. Ma la torre non fu l'unica cosa aggiunta, Radiperto fece costruire le mura di cinta. Ma ciò che vi serve sapere è che il castello è stato edificato su un'arcata superstite dell'antico ponte romano sul Volturno, della via Domiziana. Il ponte fu fatto costruire dall'imperatore Domiziano ne 95 d.C. Dopo vari passaggi vari personaggi dell'epoca, fu assegnato da Alfonso l d'Aragona (1435-1458) alla figlia Eleonora,che lo portò in dote al marito Marino di Marzano duca di Sessa. Ma nel 1460 quest'ultimo si ribellò al cognato Ferdinando l di Napoli (1459-1494) il castello subì un lungo assedio.

La 'Torre di Patria'

Si trova nel centro storico del Comune di Castel Volturno. Dagli studi si rendono noti due periodi di costruzione. La prima risale al 1421 dagli Aversani, al fine di proteggersi dagli attacchi saraceni. Mentre l’altra costruzione risale al 1467 dagli Aragonesi. Questi ultimi vendettero la torre al re di Napoli. L’edifico ha una forma a tronco piramidale a la base quadrata. Nonostante il passare dei secoli la torre oggi è in ottimo stato di conservazione.

Chiesa di San Castrese

La 'Chiesa di San Castrese' è dedicata al patrono di Castel Volturno. La chiesa si trova nel Borgo murato del Castello, la cappella è dedicata al santo patrono del paese. La cappella si trova in un edificio che al piano terra è composto da tre vani, nel primo vano è situata la scala, che porta al primo superiore, composto di tre stanze, la seconda stanza funge da sagrestia, mentre nella terza è situata la cappella vera e propria. Alzando gli occhi verso l'alto potete ammirare con degli affreschi ,la leggendaria storia e vita di San Castrese, costituita da dei pannelli. Nel primo pannello si può ammirare il santo, nel secondo 'l'Obbedienza', nel terzo la 'Nobilta', e nell'ultimo la 'Religione'.

Cappella di Maria S.S delle Civite

Si trova nel centro storico della città ed è stata costruita nel luogo dove sorgeva l'antica città romana di Volturnum, per questo è chiamata Civita. Si arriva alla chiesetta percorrendo un cortile racchiuso da mura, e all'ingresso vi è un cancello di ferro. La forma della costruzione e tipica a capanna, entrati si può vedere la navata che arriva fino ad un altare di pietra, sul quale è posto un quadro della 'Madonna della Grazie' di recente fattura. Nella cappella viene conservata una statua della Vergine Assunta in cielo. 

Chiesa dell'Annunziata

Si trova nella piazza centrale della cittadina. Fu costruita nel '500 circa, ma nel tempo fu più volte rimaneggiata. Anch'essa ha una forma a capanna. All'esterno si possono ammirare due aperture, una rotonda e sotto a questa una a forma d'arco dove è raffigurata l'Annunciazione. Mentre sorro al porticato vi è una lapide con tutti i nomi dei vescovi che anno retro nei secoli. Mentre all'interno sono custodite una pala del Quattrocento e alcune lastre tombali scolpite.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le 5 cose da non perdere a Castel Volturno

CasertaNews è in caricamento