Martedì, 18 Maggio 2021
Scuola

Scuola di formazione politica, seconda lezione

Cancello ed Arnone - Presso l'oratorio parrocchiale della chiesa "Maria SS. Assunta in Cielo" di Cancello ed Arnone si è tenuta la 2^ lezione di un ciclo di incontri formativi organizzati da Generazione Azzurra. L'associazione, che intende...

Presso l'oratorio parrocchiale della chiesa "Maria SS. Assunta in Cielo" di Cancello ed Arnone si è tenuta la 2^ lezione di un ciclo di incontri formativi organizzati da Generazione Azzurra. L'associazione, che intende operare sul territorio per formare una coscienza politica oltre che sociale, ha come motto la significativa frase di don Milani: "A cosa serve che le vostre mani rimangano pulite se le avete sempre tenute in tasca?" Un monito, un incitamento, un incoraggiamento per tutti i giovani di Cancello ed Arnone ad avvicinarsi alla politica ed ai problemi sociali con maggiori competenze ed un maggiore senso civico.
La seconda lezione è stata tenuta dal Prof. di Diritto pubblico dell'economia Raffaello Capunzo presso la facoltà di Giurisprudenza dell'Università degli studi di Napoli "Federico II'', che ha affrontato il tema della "Politica economica di un governo liberale e federalismo fiscale".
I lavori son stati aperti dal presidente di Generazione Azzurra, Avv. Raffaele Ambrosca che ha, ancora una volta, illustrato gli obiettivi della scuola di formazione politica e il percorso che essa intende compiere per il futuro. Ha poi dato la parola al prof. Capunzo che si è addentrato nelle problematiche di un governo liberale, precisando che la via di una politica economica liberale autentica è più che mai oggi necessaria, insieme ad un concreto programma di sburocratizzazione statale, con riforme liberali tendenti a rivalorizzare in chiave moderna e al passo con il processo di globalizzazione in atto, quanto faccia parte del nostro bagaglio di valori, ideali e programmi.

"Oggi - egli ha detto - tutto, ma soprattutto la politica, è oggetto di una visione mediatica, capace di pilotare la volontà popolare e, dunque, si deve essere sempre attenti e pronti a proclamare con orgoglio le proprie idee, non si deve soccombere, né nascondersi, ma proclamare la propria ideologia con fiducia nel futuro.
E poi.un accenno al "Federalismo Fiscale", che è una visione politica ed economica che vorrebbe instaurare una proporzionalità diretta tra il quantitativo di tasse riscosse in una determinata area territoriale del paese, e più esattamente le regioni in Italia, e il denaro effettivamente ridistribuito e utilizzato nell'area stessa. Vorrebbe la creazione di un sistema integrato, coordinato e decentrato per le responsabilità finanziarie. In effetti i principi fondamentali del federalismo fiscale sono il coordinamento dei centri di spesa con i centri di prelievo, che comporta automaticamente maggiore responsabilità da parte degli enti nel gestire le risorse. Le unità amministrative (regioni) assumono l'autorità legale di imporre le tasse, ma in alcune aree il ricavato sarebbe così basso che sarebbe comunque necessaria una dipendenza dei sussidi del governo centrale.Lo scopo finale del federalismo non sarebbe, in teoria, quello del decentramento solo per il gusto di farlo, ma significherebbe assicurare il buongoverno. Ma, a tal proposito, come non tenere conto del divario sociale, economico e culturale tra il Nord ed il Sud?Questa, un'interessante domanda di un partecipante al corso, ma non c'è stata un'esauriente risposta, solo la promessa di un ulteriore incontro per approfondire meglio e più tecnicamente gli argomenti trattati.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scuola di formazione politica, seconda lezione

CasertaNews è in caricamento