menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

All'Itc il 3 marzo si parla del conflitto arabo-palestinese

Santa Maria Capua Vetere - «Un ponte dalla scuola al mondo». Terzo incontro di formazione e di approfondimento, rivolto agli studenti e agli operatori, all'Itc «Leonardo Da Vinci» di Santa Maria Capua Vetere. Mercoledì 3 marzo, alle 10.30, nella...

«Un ponte dalla scuola al mondo». Terzo incontro di formazione e di approfondimento, rivolto agli studenti e agli operatori, all'Itc «Leonardo Da Vinci» di Santa Maria Capua Vetere. Mercoledì 3 marzo, alle 10.30, nella sede della Ragioneria, prenderà il via la nuova iniziativa promossa dalla Tavola per la convivenza e lo sviluppo umano. Ospite sarà il relatore Olivier Butzbach. Il progetto, dunque, prevede lo scambio epistolare con una scuola ebraico-palestinese, i cui allievi saranno ospitati nei prossimi mesi a Santa Maria Capua Vetere. Seguirà un gemellaggio. Al centro dell'intervento del ricercatore universitario della Sun Olivier Butzbach, che risiede a Napoli, ci sarà il conflitto arabo-palestinese per le risorse idriche. La divisione e il loro sfruttamento, infatti, costituiscono una delle principali pietre di inciampo e una delle espressioni più crude del conflitto che contrappone i due popoli. L'incontro è stato voluto dal dirigente scolastico dell'Itc «Leonardo Da Vinci», Michele Vigliotti, che, da tempo, promuove l'interazione dei suoi studenti con i rappresentanti dei Paesi stranieri. Butzbach è nato in Francia e lavora sia alla Facoltà di Studi Politici ed Alta Formazione Europea e Mediterranea «Jean Monnet» che al Dipartimento di Management del King's College di Londra. E' componente dell'American Political Science Association, della Society for the Advancement of Socio-Economics e del Social Studies of Finance research network.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Autostrada liberata dopo 10 ore di inferno. "Andiamo a Roma"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento