menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

'La croce della memoria', successo per le 4 giornate del progetto 'Ambiente e legalit'

Camigliano - «La croce della memoria». Grande successo per le quattro giornate, promosse dal laboratorio teatrale «MoviMenti», nell'ex scuola media di via Falchi a Camigliano. Guidati da Antonella Izzo, che ha curato testo e regia, diciotto...

«La croce della memoria». Grande successo per le quattro giornate, promosse dal laboratorio teatrale «MoviMenti», nell'ex scuola media di via Falchi a Camigliano. Guidati da Antonella Izzo, che ha curato testo e regia, diciotto interpreti si sono alternati sul palco, nell'ambito del progetto «Ambiente e legalità», fortemente sostenuto dall'amministrazione comunale e dal gruppo musicale «Cantica popularia» di Pasquale Carusone. In occasione della Giornata della Memoria, è stato riproposto lo sterminio degli ebrei operato dai nazisti. «L'impegno è non dimenticare - spiega chiaramente Antonella Izzo - e danzare la vita, per capire che l'armonia nasce dallo spirito e cresce nel bianco colore della coscienza». Questi i nomi delle persone che hanno interpretato gli ebrei: Luisa Di Bernardo, Simona Bonaccio, Silvana Macchia, Anna Stellato, Teresa Lagnese, Maddalena Carusone, Filomena Santillo, Arianna Capezzuto, Manuela Natale, Luisa Lo Sordo, Dolores De Lucia, Rosita Rendina, Marina Catone, Oriana Feola e Antonella Izzo. Quattro i tedeschi sul palco, interpretati da: Antonio Aulicino, Simone Carusone, Salvatore Carusone e Gerardo Sangiovanni. «La Croce della Memoria è un esperimento - spiega ancora la regista - di teatro partecipato, dove l'emozione, il gesto e la voce sottolineano il significato delle parole, proiettandolo sulla straordinaria parete dello spirito. Il pubblico, parte attiva dello spettacolo, ha vissuto momenti di intensa emozione, condividendo la tristezza, la rabbia e la continua ricerca della pace possibile. Una croce come palcoscenico - conclude Antonella Izzo - donne con abiti a strisce e uomini in divisa hanno raccontato con voce soffocata gli orrori della guerra e la follia dell'essere umano».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona arancione. “Al 90% sarà così”

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento