menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

I ragazzi dellIstituto Paritario Pegaso ricordano la shoah

Santa Maria Capua Vetere - In occasione della Giornata della Memoria 2010, il Ministero dell'Istruzione, Università e Ricerca ha indetto un concorso pubblico rivolto a tutti gli allievi del primo e secondo ciclo di istruzione dal titolo " I...

In occasione della Giornata della Memoria 2010, il Ministero dell'Istruzione, Università e Ricerca ha indetto un concorso pubblico rivolto a tutti gli allievi del primo e secondo ciclo di istruzione dal titolo " I giovani ricordano la shoah".
E' chiesto ai ragazzi di realizzare elaborati di tipo storico-documentale e/o artistico - letterario, con originalità, autonomia espressiva ed operativa.
A questo appello hanno risposto, con particolare impegno, i ragazzi dell'Istituto Paritario "Pegaso", di Santa Maria Capua Vetere.
La motivazione alla partecipazione al concorso è scaturita dalle iniziative poste in essere dalla Prof. Lucia Fazzino che, approfondendo le tematiche di italiano e storia, è riuscita a coinvolgere tutti gli alunni in un lavoro di ricerca e sintesi sull'argomento richiesto.
Egual sostegno è stato l'esempio dato dal Dirigente Scolastico, prof. Angelo Antonio Raucci, che da sempre aderisce, con interesse ed attenzione, alle varie iniziative di carattere culturale ed artistico coinvolgendo ed appassionando gli studenti.

La shoah che ha avuto il carattere di un genocidio programmato e perseguito con fredda determinazione non deve essere dimenticata così come non dobbiamo dimenticare Auschwitz, simbolo della follia più estrema."Ciò non dovrà accadere mai più" è il messaggio che gli studenti lanciano a tutti noi. La conoscenza può aiutarci ad abbandonare l'odio e potremmo imparare a vedere le cose da un altro punto di vista creando l'incontro con l'"altro", per meglio conoscere; la nostra"non conoscenza", dovrebbe essere perciò usata come stimolo per imparare nuove cose e non come pretesto per il rifiuto.
E sui versi di Primo Levi, "Se questo è un uomo", gli stessi ragazzi ci invitano ad una approfondita riflessione, che non sia solo quella di un momento, ma la base per costruire una società di condivisione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona arancione. “Al 90% sarà così”

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento