menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
20090927083946_ANDI

20090927083946_ANDI

Donne odontoiatra: in Italia solo il 30%

Salerno - Con la tavola rotonda "Donne odontoiatra: professioniste e imprenditrici" si è concluso oggi il IV convegno ANDI Campania che si è svolto presso il Campus Biomedico di Baronissi, sede della Facoltà di Medicina dell'Università degli Studi...

Con la tavola rotonda "Donne odontoiatra: professioniste e imprenditrici" si è concluso oggi il IV convegno ANDI Campania che si è svolto presso il Campus Biomedico di Baronissi, sede della Facoltà di Medicina dell'Università degli Studi di Salerno e che ha registrato la partecipazione di oltre 400 iscritti.

Il dibattito, coordinato da Giustina Napoli, Segretario Culturale ANDI, ha messo in evidenza diverse criticità, a cominciare dai cosiddetti "stereotipi di genere" nei quali la donna è ancora legata. "La società post industriale - ha sottolineato Mirella Giannini del Dipartimento di Sociologia dell'Università di Napoli - sta registrando un declino di questi modelli che però sono ancora molto radicati, soprattutto nel Mezzogiorno d'Italia". I dati forniti a riguardo da Danila Mercuri dell'Area Servzi e Professionisti della Società per gli Studi di Settore sono eloquenti: le donne odontoiatre lavorano per il 50% nel nord ovest, per lo più in studi co-abitati e piccoli e dichiara compensi inferiori a 40 mila euro l'anno (rispetto agli odontoiatri maschi che ne dichiarano oltre 50). La percentuale più alta di donne odontoiatra è concentrata in Molise, seguito dalla Sardegna e dall'Emilia Romagna (la Campania è tra gli ultimi posti). "Stiamo dunque attente - ha invitato Patrizia Biancucci della FNOMCeO - alle scatole vuote e ai meccanismi fumosi dentro e dietro le quali si muovono le cosiddette pari opportunità". "La tutela delle donne odontoiatre - ha affermato Anna Patrizia Ucci, Vice Presidente ANDI Bergamo - non è la difesa di una minoranza ma un'esigenza di tutta la categoria per le sensibilità, la capacità di problem solving e di professionalità che portano con sé".
Le conclusione sono state affidate al Sen. Alfonso Andria che ha sottolineato il ruolo della politica che deve guardare alle donne e ai giovani professionisti con il rispetto che meritano e per le capacità e le competenze specializzate che esprimono e al Presidente Nazionale ANDI, Roberto Callioni che ha sollecitato i numerosi odontoiatri presenti ad un'azione più collettiva ed incisiva non soltanto rispetto al ruolo delle donne odontoiatre ma anche nei confronti della crescita complessiva dell'associazione di categoria.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Bambina positiva, in quarantena compagni e 6 insegnanti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento