rotate-mobile
Lunedì, 15 Aprile 2024
Scuola Sparanise

Inaugurazione Itc Galilei: tante personalita' presenti

Sparanise - All’inaugurazione del nuovo Istituto Tecnico Commerciale e Turistico “Galilei”, lnedì mattina, c’era una vera e propria folla di personalità. E non solo politiche. Un parterre d’eccezione per sottolineare, se ce ne fosse ancora bisogno...

All’inaugurazione del nuovo Istituto Tecnico Commerciale e Turistico “Galilei”, lnedì mattina, c’era una vera e propria folla di personalità. E non solo politiche. Un parterre d’eccezione per sottolineare, se ce ne fosse ancora bisogno, il valore simbolico di questa inaugurazione: una scuola (la prima in Campania) costruita direttamente su un terreno confiscato alla camorra. Una scuola che è diventata metafora di giustizia, di legalità ma anche di speranza per questi nostri giovani bisognosi di valori forti, in cui credere. A stringersi attorno alla Preside Domenica Di Sorbo e al sindaco di Salvatore Piccolo, c’erano il Sottosegretario alla Pubblica Istruzione Gaetano Pascarella, il Presidente della Provincia De Franciscis, l’onorevole Rosa Suppa (già docente nell’istituto) il Prefetto Maria Elena Stasi, il questore Casabona, il procuratore capo della Repubblica di S. Maria C. V. , Mariano Maffei, l’assessore regionale alla P. I. Gabriele, il Dirigente dell’USP Pasquale Gaglione, gli assessori provinciali Bosco e Milani, il consigliere provinciale Amilcare Nozzolillo, i sindaci di Pignataro, Calvi Risorta, Francolise, Giano Vetusto e altri amministratori dell’ Agrocaleno. E poi ancora i comandanti provinciali dei Carabinieri (Burge) e della Guardia di Finanza (Mattara), i Dirigenti Scolastici Di Cicco, Aramini e Renato Supino. “Il problema della legalità – ha spiegato il sottosegretario Pascarella è anche un problema di rilancio del diritto all’educazione e all’istruzione in Provincia di Caserta. Quest’anno, infatti, vogliamo lanciare nella scuola l’idea dell’ “inclusione” dei ragazzi come contrasto alla dispersione scolastica, alla devianza giovanile e alla microcriminalità”. Anche per questo, ha continuato l’assessore regionale Corrado Gabriele, “vi assicuro che presto alla regione verrà approvato il finanziamento per il 2° lotto dei lavori, perché per noi, questa scuola , rappresenta il primo presidio di legalità. Questo secondo lotto prevede la costruzione di altre 15 aule, 3 aule speciali, dei servizi di collegamento e di deposito e degli spazi amministrativi”. Da parte sua, ha continuato il Presidente De Franciscis,“Quella di puntare sulla scuola, anche con scelte coraggiose, è stata una vera e convinta scelta di campo; perché, secondo noi, puntare sui giovani è l’unica scommessa da affrontare. Perciò qui c’è tutta la giunta provinciale, perché questa scuola è un segnale di speranza per il futuro”. Incoraggianti anche le parole del prefetto Maria Elena Stasi che rispondendo alla domanda di uno studente ha sottolineato l’importante ruolo che ogni studente svolge nella società per salvaguardare l’ordine e la legalità. E’ dalle piccole cose che nascono le grandi.”L’albero di ulivo che pianteremo ha spiegato un alunno – è il simbolo della pace che a sua volta è dono ed impegno; l’albero lo cureremo con scrupolo così come ci impegneremo a formare personalità aperte al mondo. Noi siamo convinti infatti che negli anni della formazione giovanile, soprattutto nella scuola, sta la base della nostra riuscita professionale e pubblica”. Particolarmente significativi comunque sono stati tre momenti: la lettura della “lettera aperta” inviata dal Presidente di Libera, don Ciotti, la benedizione del nuovo istituto impartita dal parroco Don Ernesto Messuri e la piantumazione dell’olivo nel cortile della scuola. E’ necessario formare “teste ben fatte” – ha concluso la preside Di Sorbo che analogamente alla pianta di olivo, siano capaci di adattarsi alla “siccità” , rimangano “sempreverdi” e “conservino” una loro storia di amore e di pace”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inaugurazione Itc Galilei: tante personalita' presenti

CasertaNews è in caricamento