menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
183139_scuola_in_ospedale

183139_scuola_in_ospedale

'Scuola in Ospedale' diventa realta' anche a Caserta

Caserta - Il Dirigente dell'ufficio scolastico provinciale Rosa Grano ha istituito presso l'Azienda Ospedaliera Sant'Anna e San Sebastiano di Caserta una sezione di scuola in ospedale. Ecco il testo del dispositivo: "Consideratoche la scuola in...

Il Dirigente dell'ufficio scolastico provinciale Rosa Grano ha istituito presso l'Azienda Ospedaliera Sant'Anna e San Sebastiano di Caserta una sezione di scuola in ospedale. Ecco il testo del dispositivo: "Consideratoche la scuola in ospedale, come è noto, è diffusa in tutti gli ordini e gradi di scuola e che la sua presenza nelle strutture ospedaliere garantisce ai bambini e ai ragazzi ricoverati il diritto all'istruzione come diritto a conoscere e ad apprendere in ospedale nonostante la malattia; vistala C. M. n. 345 del 2 dicembre 1986 che ratifica la nascita delle sezioni scolastiche all'interno degli ospedali (scuola in ospedale nata in Italia intorno agli anni '50). Con essa e con i successivi interventi viene sancito il carattere formale (fatte salve le necessità specifiche) della scuola in ospedale come sezione staccata della scuola del territorio;vista la C. M. n. 353 del 7 agosto 1998 che ha per oggetto il servizio scolastico nelle strutture ospedaliere e detta principi di tipo organizzativo e relativi al funzionamento concreto della scuola in ospedale;visto il protocollo d'intesa del 27 settembre 2000 tra il Ministero della Pubblica Istruzione, della Sanità e della Solidarietà Sociale in merito alla "tutela dei diritti alla salute, al gioco, all'Istruzione ed al mantenimento delle relazioni affettive ed amicali dei cittadini di minore età malati";visto il protocollo d'intesa del 23 febbraio 2001 tra i Ministeri della Pubblica Istruzione, della Sanità e per i Beni e le Attività culturali con il quali essi si impegnano a promuovere e a favorire iniziative culturali, artistiche, ludiche nelle scuole in ospedale;vistala C. M. n. 43 del 26 febbraio 2001 che offre indicazioni operative in riferimento al Protocollo d'intesa de 27/09/00, in particolare sulla pariteticità del rapporto tra scuola in ospedale e scuola di provenienza, sullo scambio di informazioni e dati tra di esse, sulla competenza dello scrutinio e degli esami, nonché sulla prevista estensione delle scuole ospedaliere anche all'istruzione secondaria di secondo grado; vistala Legge 28 marzo 2003, n. 53 recante "Delega al Governo per la definizione delle norme generali sull'istruzione e dei livelli essenziali delle prestazioni in materia di istruzione e di formazione professionale;vista la C. M. n. 108 del 5 dicembre 2008 che nella parte concernente la funzione del docente nelle strutture ospedaliere specifica una serie di azioni, di cui le principale sono:?l'accoglienza dell'alunno in ospedale in modo da agevolare il suo approccio al servizio di scuola in ospedale; ?la personalizzazione e la diversificazione degli interventi educativi a seconda dei bisogni di ciascun alunno, dei suoi ritmi di apprendimento e delle sue condizioni di salute, sia per i lungodegenti sia per quelli in day-hospital, di ogni ordine e grado di scuola; ?l'utilizzo didattico delle tecnologie; ?l'armonizzazione tra i bisogni dei ragazzi e la scelta delle attività di apprendimento; ?il raccordo con la scuola di provenienza, la predisposizione e la cura della documentazione relativa agli interventi educativi realizzati; ?il coinvolgimento attivo della famiglia, per aiutarla nell'approccio e nella gestione di un'esperienza che sconvolge la normale vita familiare; ?la programmazione e lo svolgimento, in caso di alunni lungodegenti, delle operazioni di scrutinio e di esame per ogni ordine e grado di scuola; ?la gestione delle relazioni tra operatori scolastici e operatori sanitari e tra questi e gli Enti Locali per i servizi complementari connessi alla "tutela della salute e del diritto allo studio" di cui al D. L.vo 31 marzo 1998, n. 112;vistala nota prot. n. 1887/DSA del 26 aprile 2013 del Direttore Sanitario dell'Azienda Ospedaliera Sant'Anna e San Sebastiano di Caserta con la quale viene richiesta la realizzazione della scuola in ospedale motivando tale richiesta al fine di garantire la continuità didattica e formativa dei piccoli ricoverati presso l'UOC di Pediatria; vistala C.M. n. 10 del 21 marzo 2013 sulle dotazioni organiche del personale docente per l'anno scolastico 2013/14 e relativo Decreto Interministeriale emanato di concerto con il Ministro dell'Economia e delle Finanze;
DisponePer quanto citato nelle premesse viene istituita in questa Provincia, con decorrenza 1° settembre 2013, data di apertura dell'anno scolastico 2013/14, una sezione di scuola in ospedale presso l'Azienda Ospedaliera Sant'Anna e San Sebastiano di Caserta.L'Organico della predetta sezione sarà costituito da un docente di scuola primaria, un docente di scuola secondaria di primo grado e da un docente di scuola secondaria di secondo grado.Le lezioni si svolgeranno dal lunedì al venerdì con orario flessibile che sarà articolato in uno spazio temporale compreso tra le ore 8,30 e le ore 16,30 con un adeguamento alle situazioni contingenti, in base alle presenze degli alunni nei reparti ed alle terapie in corso.La sede giuridica della summenzionata scuola ospedaliera viene attribuita al 5° Circolo Didattico di Caserta".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

'AstraDay', 24 ore di vaccino per tutti a Caserta: ecco come prenotarsi

Attualità

'AstraDay', il sito dell'Asl va subito in tilt per migliaia di accessi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento