menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
180459_marijuana

180459_marijuana

Un ormone come antidoto alla dipendenza e agli effetti della marijuana

(Washington) Gli scienziati dell'Inserm di Bordeaux hanno scoperto che un ormone prodotto dal cervello, il pregnenolone, rappresenta una sorta di antidoto naturale di difesa contro gli effetti assuefattivi della cannabis. Lo studio è stato...

(Washington) Gli scienziati dell'Inserm di Bordeaux hanno scoperto che un ormone prodotto dal cervello, il pregnenolone, rappresenta una sorta di antidoto naturale di difesa contro gli effetti assuefattivi della cannabis. Lo studio è stato pubblicato dalla rivista Science e rappresenta una scoperta importante al fine di introdurre in medicina nuovi modi di trattare intossicazione e dipendenza da marijuana. Il meccanismo usato dai ricercatori, dunque, impedisce al principio attivo di avere il suo effetto. Niente "sballo", niente dipendenza. Inoltre potrebbe permettere ai ricercatori di isolare le sostanze che causano gli effetti medicinali della marijuana mentre vengono bloccati gli effetti somatici e comportamentali.
Il pregnenolone è un composto endogeno a struttura steroidea che funge da precursore di numerosi ormoni, tra cui il cortisolo, il testosterone, l'estradiolo e il progesterone. La biosintesi del p. avviene a livello dei mitocondri a partire dal colesterolo, per azione del citocromo P450. Il p. è presente nel sistema nervoso centrale, dove sembra essere coinvolto nei processi della memoria, probabilmente attraverso un antagonismo funzionale dei recettori GABA, l'aumento del rilascio di acetilcolina, la modulazione dei recettori NMDA e un aumento del sonno paradosso.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

'AstraDay', 24 ore di vaccino per tutti a Caserta: ecco come prenotarsi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento