Scuola

Diete facili, Cassazione condanna farmacista sammaritano

Santa Maria Capua Vetere - La Corte di Cassazione ha disposto il sequestro di quasi 100 prodotti per dimagrire a un farmacista di Santa Maria Capua Vetere (Caserta) con una sentenza che di fatto blocca le cosiddette terapie "miracolose". Inutile...

073901_farmaci-generici-300x225

La Corte di Cassazione ha disposto il sequestro di quasi 100 prodotti per dimagrire a un farmacista di Santa Maria Capua Vetere (Caserta) con una sentenza che di fatto blocca le cosiddette terapie "miracolose". Inutile la difesa del professionista, secondo il quale i prodotti sequestrati devono essere considerati «preparazioni galeniche magistrali» (ovvero medicinali preparati dal farmacista in farmacia in base ad una prescrizione medica e destinati ad uno specifico paziente), non destinate alla vendita ad un pubblico generico ma esclusivamente ai clienti di uno specialista di malattie legate al metabolismo.

Nel caso all'origine della sentenza, invece, in seguito ad un sopralluogo dei Nas nella farmacia nel mirino, i carabinieri non avevano trovato «nessuna ricetta che giustificasse la detenzione delle confezioni medicinali già pronte» per iniziare la dieta dimagrante. Il farmacista, oltre al pagamento delle spese processuali, dovrà versare ulteriori 1.000 euro alla cassa delle ammende per avere fatto perdere tempo alla giustizia.
Secondo la Suprema Corte, per identificare i corretti preparati dietetici, i flaconi venduti dai farmacisti devono rispondere a rigidi requisiti, "condizioni e limiti precisi" che segnano il perimetro entro è lecita la vendita ai clienti di farmaci finalizzati alla perdita di peso. In primo luogo, i prodotti dovranno possedere la caratteristica di "estemporaneità", dovendo essere, cioè, realizzati appositamente dal farmacista per il singolo caso indicato nella ricetta medica.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Diete facili, Cassazione condanna farmacista sammaritano

CasertaNews è in caricamento