menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
073541_Lidia_Barletta

073541_Lidia_Barletta

PrenatalSafe: test sicuro per la madre e per il feto alla San Michele

Maddaloni - Si chiama PrenatalSafe ed è un test innovativo, semplice e sicuro, per la diagnosi prenatale non invasiva della Sindrome di Down e delle principali anomalie cromosomiche fetali, mediante analisi del DNA fetale circolante nel sangue...

Si chiama PrenatalSafe ed è un test innovativo, semplice e sicuro, per la diagnosi prenatale non invasiva della Sindrome di Down e delle principali anomalie cromosomiche fetali, mediante analisi del DNA fetale circolante nel sangue materno.
Da oggi è possibile eseguirlo presso la Casa di Cura "San Michele" di Maddaloni (CE), dotata di un Laboratorio diagnostico da sempre attento alle tecnologie più innovative del settore. Lidia Barletta, responsabile del Laboratorio di analisi della Clinica, sostiene che si tratta di un esame prenatale privo di rischi per la gestante e per il feto, infatti "vengono azzerati i rischi di abortività presenti nelle tradizionali tecniche di diagnosi prenatale invasiva, come l'amniocentesi e la villocentesi, e il test viene eseguito tramite un semplice prelievo ematico della gestante".
Esiste una precisa età gestazionale per effettuare il PrenatalSafe?"Sì, il test è eseguibile a partire dalla decima settimana di gestazione. Durante la gravidanza, infatti, alcuni frammenti del Dna del feto circolano nel sangue materno. La quantità di Dna fetale circolante dalla decima settimana è sufficiente per garantire l'elevata specificità e sensibilità del test".
Quanto è affidabile?"PrenatalSafe ha un'attendibilità superiore al 99% nel rilevare la trisomia 21, la trisomia 18 e la trisomia 13, e del 95% per rilevare la Monosomia X, con percentuali di falsi positivi <0.1%. Inoltre, è l'unico test prenatale che viene eseguito totalmente in ITALIA". I risultati sono chiari e definiti?"PrenatalSafe è l'unico test prenatale non invasivo che fornisce i risultati in termini di positivo o negativo, cioè presenza/assenza di aneuploidia; cromosomica, e non in termini di percentuale di rischio (alto/basso rischio), come test simili proposti da altri centri".

Cosa sono le aneuploidie?"Sono anomalie cromosomiche caratterizzate da alterazioni del numero dei cromosomi, cioè da un numero maggiore o minore di cromosomi rispetto al numero standard. Si parla, ad esempio, di trisomia quando si riscontra la presenza di un cromosoma in più; di monosomia quando si riscontra l'assenza di un cromosoma".
Chi può sottoporsi al PrenatalSafe?"Il test può essere utilizzato in caso di: gravidanze singole ottenute mediante concepimento naturale o con tecniche di fecondazione assistita, sia omologhe che eterologhe; gravidanze gemellari ottenute mediante concepimento naturale o con tecniche di fecondazione assistita (in queste gravidanze non è ancora possibile eseguire il test per i cromosomi X e Y, ma solo per i cromosomi 13, 18, 21); precedenti gravidanze andate a termine; precedenti gravidanze esitate in aborto spontaneo o seguite da interruzione volontaria di gravidanza".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

'AstraDay', 24 ore di vaccino per tutti a Caserta: ecco come prenotarsi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento