Scuola

Cimop: 'Ospedali privati della Campania al collasso'

Napoli - Ospedali privati della Campania al collasso: a denunciarlo e' la Confederazione italiana medici di ospedalita' privata (Cimop) oggi riunita nell'assemblea regionale dei soci che denuncia: ''1/5 delle strutture e' in crisi, almeno 100...

Ospedali privati della Campania al collasso: a denunciarlo e' la Confederazione italiana medici di ospedalita' privata (Cimop) oggi riunita nell'assemblea regionale dei soci che denuncia: ''1/5 delle strutture e' in crisi, almeno 100 medici hanno perso il lavoro e a ottobre ci sara' il blocco delle prestazioni''. Medici e dirigenti sono quindi sul piede di guerra, all'orizzonte, temono, ci sarebbero ulteriori tagli nei finanziamenti da parte di Regione e Governo. Giovedi' prossimo una delegazione incontrera' il subcommissario regionale per l'Attuazione del piano di rientro sanitario, Mario Morlacco.

''Oltre alla spending review che si abbattera' con violenza nel 2013-2014 - dice il segretario regionale Cimop, Pietro Ottomano - ci preoccupa molto un passaggio del decreto Balduzzi che prevede la chiusura delle strutture con meno di 80 posti letto. Questo mandera' in mezzo a una strada almeno 11mila persone''. Secondo il sindacato, 15 delle strutture e' in crisi, 100 medici hanno gia' perso il lavoro e per tutti gli altri ci sono contratti di solidarieta' e forti ritardi nei pagamenti. In Italia, in 15mila, meta' di tutta la forza lavoro, hanno un rapporto libero professionale che pero' maschera un lavoro dipendente e mal pagato, visto che in media gli stipendi sono piu' bassi del 20% rispetto a quelli dei medici dipendenti del Servizio sanitario nazionale. ''Le prestazioni si fermeranno gia' a ottobre - prevede il direttore generale del gruppo Health care Italia, Filippo Tangari, a capo di due case di cura private a Napoli e rappresentante dell'Associazione italiana ospedalita' privata (Aiop) - In base al riparto i volumi di prestazioni saranno sempre piu' poveri e sappiamo che il Fondo sanitario regionale destinera' alle case di cura un finanziamento ulteriormente ridotto facendo anticipare lo stop alle prestazioni''.
''I medici - dice il segretario nazionale Cimop, Fausto Campanozzi - devono riprendere un ruolo centrale nella sanita' del nostro Paese che e' stata invece occupata dalla politica con i risultati che abbiamo sotto gli occhi. Nel corso degli anni non sono mancati dati allarmanti sul numero di cliniche che hanno chiuso e sui tagli tra il personale medico che opera nelle strutture private''. Nell'occasione dell'assemblea regionale, si e' svolto anche il corso di aggiornamento sulla responsabilita' medica civilistica. Un confronto sulle difficolta' nello stipulare le assicurazioni per aziende sanitarie e singoli dottori e sull'aumento delle azioni civili contro i camici bianchi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cimop: 'Ospedali privati della Campania al collasso'

CasertaNews è in caricamento