Lunedì, 17 Maggio 2021
Scuola

Pressione sanguigna non considerata da ipertensione puo' mettere a rischio ictus

(Roma) Le persone che hanno una pressione sanguigna superiore ai valori ottimali di 80/120 (minima/massima) hanno maggiori rischi di avere un ictus. Lo dice una nuova meta-analisi condotta dalla Southern Medical University (Usa) e pubblicata sulla...

(Roma) Le persone che hanno una pressione sanguigna superiore ai valori ottimali di 80/120 (minima/massima) hanno maggiori rischi di avere un ictus. Lo dice una nuova meta-analisi condotta dalla Southern Medical University (Usa) e pubblicata sulla rivista "Neurology". Lo studio ha preso in esame altrettanti 19 studi prospettici e di coorte condotti sul rischio di ictus nelle persone con pressione normale e pre-ipertensione; questi ultimi erano tra il 25% e il 54% dei partecipanti. Tutti i soggetti sono stati seguiti per un periodo di tempo che andava da un minimo di quattro anni a 36 anni. Dall'analisi, i ricercatori hanno scoperto che le persone con pre-ipertensione arteriosa avevano il 66% più probabilità di sviluppare un ictus rispetto alle persone che avevano pressione sanguigna normale. L'indagine è la conseguenza di uno studio sui dati di 19 ricerche riguardanti il pericolo di subire un ictus per gli individui con pre-ipertensione, quando la pressione sanguigna è più alta dei valori ottimali ma inferiore alla soglia di base fissata a 90/140 (minima/massima) per essere definiti ipertesi. L'analisi, che ha lavorato su un totale di oltre 760mila partecipanti, ha rilevato che le persone con pre-ipertensione arteriosa hanno il 66 per cento in più di probabilità di avere un ictus rispetto a coloro che hanno pressione sanguigna normale. I risultati sono stati gli stessi dopo che i ricercatori hanno considerato altri fattori correlati ad un incremento del pericolo di ictus, come colesterolo alto, diabete e fumo. Dai dati è emerso che quasi il 20 per cento degli ictus subiti dalla popolazione coinvolta nello studio è stato causato da pre-ipertensione.
«Considerando l'alta percentuale di popolazione che ha valori di pressione sanguigna più alti del normale, il successo del trattamento di questa condizione potrebbe impedire molti ictus e fare una grande differenza nella salute pubblica», ha concluso il Dingli Xu, principale autore dello studio.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pressione sanguigna non considerata da ipertensione puo' mettere a rischio ictus

CasertaNews è in caricamento