menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
064623_aspirina_umore

064623_aspirina_umore

Aspirina 'curatutto': dimostrato che aiuta a vincere rabbia e attacchi d'ira

(Chicago) L'Aspirina è il farmaco più popolare al mondo e presenta senza dubbio molte proprietà curative: dal mal di testa ai suoi benefici come antipiretico e antinfiammatorio e così via. Ora, uno studio dell'Università di Chicago ha dimostrato...

(Chicago) L'Aspirina è il farmaco più popolare al mondo e presenta senza dubbio molte proprietà curative: dal mal di testa ai suoi benefici come antipiretico e antinfiammatorio e così via. Ora, uno studio dell'Università di Chicago ha dimostrato che i farmaci anti-infiammatori come l'aspirina e l'ibuprofene possono aiutare a controllare la rabbia legata all'infiammazione sistemica. L'ipotesi di partenza dello studio è che chi ha spesso momenti di forte rabbia soffra di una risposta infiammatoria eccessiva da parte dell'organismo, che porta alla produzione di un gran numero di citochine, sostanze che fanno lavorare di più il sistema immunitario. Una volta terminato il momento di rabbia e malumore, però, può accadere che le citochine rimangano in circolo nel sangue, cronicizzando la situazione. La ricerca si è basata su un esperimento che è stato condotto su un gruppo di settanta pazienti, i quali soffrivano di attacchi frequenti d'ira.
I ricercatori per il loro studio hanno analizzato 70 persone con diagnosi di Disturbo Esplosivo Intermittente (Intermittent Explosive Disorder - IED), 61 persone con disturbi psichiatrici non collegati all'aggressione e 67 persone che facevano parte di un gruppo di controllo. E' emerso che i pazienti affetti da IED presentavano, rispetto ai sani, livelli molto più alti di citochine nel sangue. In sostanza, hanno evidenziato gli scienziati, è stata osservata una correlazione diretta tra processi infiamamtori e aggressività. Per questo l'aspirina, uno dei più noti antinfiammatori, è stata ritenuta in grado non tanto di rendere più calmi, ma di frenare i momenti di forte ira.
Brevettata nel 1897 dal chimico Felix Hoffman, Aspirina ha festeggiato i suoi 110 anni passando tra le mani di dozzine di generazioni. Oltre al primato dell'età, l'Aspirina vanta di essere l'analgesico più venduto della storia, con oltre 20 miliardi di pasticche, e di essere il primo esempio di cura medica di massa. La sua storia passa attraverso la Prima Guerra mondiale, come rimedio farmaceutico per fermare l'epidemia della Spagnola, fino ad entrare nel Guinness dei primati come farmaco più diffuso al mondo.

E' arrivata sulla luna con gli astronauti dell'Apollo ed è stata immortalata in film, come " Il divo" di Paolo Sorrentino, e romanzi, come Cent'anni di solitudine di Garzia Marquez. La sua storia è stata raccontata in un libro, "Aspirina, l'incredibile storia della pillola più famosa del mondo", di Jeffreys Diarmund.
Aspirina in questi 110 anni è uscita dalle farmacie grazie alla sua versatilità come soluzione farmaceutica per numerosi sintomi: partendo come cura per i dolori articolari, è diventata un valido rimedio per l'influenza, per lenire il mal di testa e per apportare beneficio al sistema cardiovascolare, rallentando la coagulazione del sangue.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

'AstraDay', 24 ore di vaccino per tutti a Caserta: ecco come prenotarsi

Attualità

'AstraDay', il sito dell'Asl va subito in tilt per migliaia di accessi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento